• 23/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    23/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    23/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    23/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    23/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    23/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    23/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    23/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    23/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    23/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    23/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    23/04/2014 Appello per salvaguardare le aree naturali protette italiane dalle insidie legislative in corso d’opera...Leggi
    23/04/2014 Pedemontana Lombarda, un’autostrada dentro casa: fermiamola!...Leggi
    23/04/2014 Taglio indiscriminato, potature selvagge e incuria: da tutta Italia giungono numerose segnalazioni di attacco al patrimonio arboreo. Scarsa attenzione, ignoranza o malafe...Leggi
    23/04/2014 Una malattia ancora misteriosa colpisce i tagliatori di canna da zucchero in centro america, mietendo decine di migliaia di vittime...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Alessandria rimane tra le città più inquinate d’Italia.

News

Alessandria rimane tra le città più inquinate d’Italia.
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
I dati forniti dall’Istat collocano Alessandria al quinto posto sull’intero territorio nazionale per l’inquinamento dell’aria da polveri sottili
Gli indicatori ambientali urbani 2011 redatti dall’Istat non lasciano scampo: Alessandria rimane tra le città più inquinate d’Italia. 125 giorni nell’ultimo anno in cui si è superata la soglia di 50 μg/m3 di PM10, su un limite di legge che impone di non andare oltre la quota per più di 35 giorni annui. Un aumento marcato rispetto al 2010 quando le giornate con polveri sottili a livelli pericolosi per la salute umana furono solo 87. Questi valori fanno posizionare Alessandria al quinto posto a livello nazionale dietro metropoli come Torino e Milano (rispettivamente al primo e al terzo posto) e città quali Siracusa (seconda) e Verona (quarta).
Il peggioramento della qualità dell’aria è un fatto che, comunque, riguarda quasi tutti i comuni del Nord, in particolare quelli della Pianura Padana. Appena il 17,4% dei capoluoghi del Nord che hanno effettuato il monitoraggio per il PM10 non ha superato la soglia delle 35 giornate, oltre le quali sono obbligatorie per legge misure di contenimento e di prevenzione delle emissioni di materiale particolato (quali la limitazione della circolazione), mentre nel 2010 l’analoga quota del Nord era pari al 31,1%.
Unica nota positiva la rilevazione del PM2,5 (il particolato più fine in grado di penetrare più a fondo nei polmoni) che è al di sotto della soglia di pericolo stabilita per legge.
Da segnalare inoltre che Alessandria è uno dei capoluoghi che ha più incrementato la percentuale di popolazione connessa a impianti di depurazione delle acque reflue urbane: +5,2% rispetto all’anno precedente, seconda solo a Varese.
Redazione – redazione@alessandrianews.it

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline