• 22/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    22/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    22/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    22/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    22/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    22/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    22/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    22/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    22/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    22/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    22/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    22/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    22/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Alessandria rimane tra le città più inquinate d’Italia.

News

Alessandria rimane tra le città più inquinate d’Italia.
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
I dati forniti dall’Istat collocano Alessandria al quinto posto sull’intero territorio nazionale per l’inquinamento dell’aria da polveri sottili
Gli indicatori ambientali urbani 2011 redatti dall’Istat non lasciano scampo: Alessandria rimane tra le città più inquinate d’Italia. 125 giorni nell’ultimo anno in cui si è superata la soglia di 50 μg/m3 di PM10, su un limite di legge che impone di non andare oltre la quota per più di 35 giorni annui. Un aumento marcato rispetto al 2010 quando le giornate con polveri sottili a livelli pericolosi per la salute umana furono solo 87. Questi valori fanno posizionare Alessandria al quinto posto a livello nazionale dietro metropoli come Torino e Milano (rispettivamente al primo e al terzo posto) e città quali Siracusa (seconda) e Verona (quarta).
Il peggioramento della qualità dell’aria è un fatto che, comunque, riguarda quasi tutti i comuni del Nord, in particolare quelli della Pianura Padana. Appena il 17,4% dei capoluoghi del Nord che hanno effettuato il monitoraggio per il PM10 non ha superato la soglia delle 35 giornate, oltre le quali sono obbligatorie per legge misure di contenimento e di prevenzione delle emissioni di materiale particolato (quali la limitazione della circolazione), mentre nel 2010 l’analoga quota del Nord era pari al 31,1%.
Unica nota positiva la rilevazione del PM2,5 (il particolato più fine in grado di penetrare più a fondo nei polmoni) che è al di sotto della soglia di pericolo stabilita per legge.
Da segnalare inoltre che Alessandria è uno dei capoluoghi che ha più incrementato la percentuale di popolazione connessa a impianti di depurazione delle acque reflue urbane: +5,2% rispetto all’anno precedente, seconda solo a Varese.
Redazione – redazione@alessandrianews.it

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline