• 26/10/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    26/10/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    26/10/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    26/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    26/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    26/10/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    26/10/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    26/10/2014 Genova, non sono bombe d’acqua ma precipitazioni intense, i danni sono dovuti alle devastazioni territoriali precedenti...Leggi
    26/10/2014 Il decreto “Sblocca Italia” è scellerato ed antidemocratico, favorirà le perforazioni petrolifere in zone a rischio sismico...Leggi
    26/10/2014 Il PD, il partito degli inceneritori, concentrerà in Emilia la combustione dei rifiuti di tutta Italia...Leggi
    26/10/2014 Prime reazioni contrarie degli enti locali alla legge regionale lombarda che riduce la protezione forestale...Leggi
    26/10/2014 Tutti contro il decreto “Sblocca-Italia”: le associazioni unanimi lo contestano, è anacronistico, filocementificatorio...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Api: occorre imporre uno stop ai pesticidi sintetici per salvarle dall’estinzione

News

Api: occorre imporre uno stop ai pesticidi sintetici per salvarle dall’estinzione
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Silvana Santo
Interrompere l’uso di pesticidi sintetici per arrestare la moria delle api. Lo chiedono Legambiente e Unaapi, sottolineando che le sostanze di sintesi usate per difendere il mais dai parassiti sono tra i principali imputati del progressivo declino di questi preziosi insetti.
L’appello delle due associazioni è indirizzato al ministero della Salute e agli altri dicasteri competenti, che entro il 30 giugno dovranno esprimere il proprio parere sulla sospensione dell’autorizzazione all’uso di clothianidina, thiamethoxam, imidacloprid e fipronil nei pesticidi di sintesi usati nella coltivazione del mais.
Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente, chiede un divieto definitivo:
Per ben cinque volte i ministeri hanno dato stop temporanei all’uso dei pesticidi in questione, ora serve un divieto definitivo, perché a essere in gioco, oltre alla salute dell’ambiente, è l’intero settore agricolo. I ministeri dispongono di dati che dimostrano come il periodo di sospensione di queste sostanze, abbia avuto risultati positivi con il conseguente ripopolamento degli alveari, l’aumento della produzione di miele unita a una ripresa di salute e di produttività degli allevamenti apistici italiani.
Il rischio, avvertono le associazioni, è che in assenza di uno stop definitivo vengano vanificati i risultati ottenuti grazie alla moratoria dei pesticidi incriminati, che ha permesso alle popolazioni di api di riprendersi temporaneamente dal rischio di estinzione.
A ribadire il concetto di pensa Francesco Panella, presidente di Unaapi:
Il declino delle api, eccezionali sensori ambientali, dimostra come e quanto gli insetticidi sistemici distruggano le forme vitali naturali indispensabili alla fertilità di agricoltura e ambiente. La scienza ha oramai accertato che il pervasivo utilizzo dei micidiali insetticidi è un enorme rischio: è l’ora di vietarli per il mais e di rivalutare gli altri metodi agricoli.
Ad essere in pericolo non è solo la produzione di miele e degli altri prodotti dell’apicoltura, ma gran parte della produzione agricola, che dipende delle api per l’impollinazione. La resa delle colture, in assenza dei preziosi insetti, potrebbe calare addirittura del 90%. Per questo, concludono le associazioni, è vitale impedire per sempre l’uso dei neonicotinoidi e recuperare tecniche agronomiche più sostenibili, a cominciare dalla rotazione colturale.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline