• 24/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    24/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    24/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    24/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    24/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    24/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    24/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    24/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    24/10/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    24/10/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    24/10/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    24/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    24/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    24/10/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    24/10/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Boom dell’eolico offshore nel nord Europa: +50% nel 2012. L’area è tra le più ventilate del continente

News

Boom dell’eolico offshore nel nord Europa: +50% nel 2012. L’area è tra le più ventilate del continente
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Peppe Croce
È buono il vento per l’eolico in mare nel nord Europa, molto buono. Secondo gli ultimi dati della European Wind Energy Association (EWEA), pubblicati oggi, nel primo semestre 2012 le installazioni di impianti eolici offshore hanno fatto segnare un +50% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Ben 523 MW allacciati in rete, contro i 348 del primo semestre 2011.
Spulciando i dati, però, emerge che l’offshore è un piatto quasi esclusivamente nordeuropeo. Sia geograficamente che economicamente: nel Mare del Nord si installano gli impianti, Siemens ci guadagna. Per rendersene conto bisogna andare a leggere nel rapporto EWEA quali sono i nodi di allaccio alla rete ad alta tensione dei nuovi impianti eolici offshore: Thorton (Belgio), Greater Gabbard, Walney, Ormonde, Londra e Sheringam (Regno Unito), Avedore (Danimarca) e Bard (Germania).
Discorso molto simile per gli impianti in costruzione, con piloni già piantati a Thorton (Belgio), Lincs, Londra, Sheringham, Gwynt y Mor e Teeside (Regno Unito), Anholt e Avedore (Danimarca), Bard e Riffgat (Germania).
Guardando invece agli sviluppatori si nota che il 28% della potenza installata (pari a 148 MW) è di proprietà della danese Dong Energy, seguono l’inglese SSE (80 MW, 15%) e la tedesca RWE (63 MW, 12%). Le turbine, però, sono quasi sempre costruite da Siemens: 389 MW installati nel primo semestre, pari al 74% del totale.
Fonte: EWEA

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline