• 23/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    23/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    23/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    23/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    23/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    23/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    23/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    23/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    23/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    23/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    23/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    23/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    23/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Casale Monferrato. Processo Eternit, Schmideiny non paga e impugna la sentenza. Frustrate le speranze di poter utilizzare la congrua somma prevista, per le bonifiche ed i risarcimenti …

News

Casale Monferrato. Processo Eternit, Schmideiny non paga e impugna la sentenza. Frustrate le speranze di poter utilizzare la congrua somma prevista, per le bonifiche ed i risarcimenti …
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
Il condannato svizzero ha depositato l’appello. Intanto Guariniello chiede giustizia anche per Rubiera e Bagnoli. Pesce: “Speriamo che la Corte fissi entro la prossima primavera il nuovo processo”
“C’era da aspettarsi che Stephan Schmidheiny impugnasse la sentenza di primo grado del Tribunale di Torino”. Bruno Pesce coordinatore della Vertenza amianto così commenta “a caldo” la decisione dello svizzero condannato a 16 anni di reclusione per disastro doloso ed omissione dolosa delle misure di sicurezza. La notizia è stata diffusa proprio ieri e a questa impugnazione va ad aggiungersi quella della procura di Torino nella parte della sentenza che assolveva Schmidheiny ed il barone De Cartier De Marchienne per intervenuta prescrizione, riguardo ai morti di Rubiera e di Bagnoli. E c’è da aspettarsi che anche l’altro condannato impugni la sentenza. Anche se ora è assolutamente prematuro dire quando la Corte d’Appello di Torino fisserà la data del dibattimento di secondo grado, è facile ipotizzare tempi non brevi. Innanzitutto dovrà venire decisa la data e poi effettuata la notifica alle varie parti interessate che sono moltissime. Per questo, a parte il super lavoro degli ufficiali giudiziari di Torino (e non solo) si può pensare che il processo venga fissato nella prossima primavera ad essere ottimisti. Ovviamente rimane sul piatto anche la questione delle provvisionali che, essendo immediatamente esecutive, potranno essere richieste molto prima della definizione giudiziale del procedimento. Ma questa situazione, e le difficoltà che ci sono per applicarla vista la decisione dei due condannati di non pagare tali somme, è per il momento tutta un’altra storia.
17/07/2012 – A.Z. – redazione@alessandrianews.it

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline