• 25/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    25/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    25/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    25/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    25/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    25/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    25/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    25/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    25/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    25/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    25/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    25/04/2014 Appello per salvaguardare le aree naturali protette italiane dalle insidie legislative in corso d’opera...Leggi
    25/04/2014 Pedemontana Lombarda, un’autostrada dentro casa: fermiamola!...Leggi
    25/04/2014 Taglio indiscriminato, potature selvagge e incuria: da tutta Italia giungono numerose segnalazioni di attacco al patrimonio arboreo. Scarsa attenzione, ignoranza o malafe...Leggi
    25/04/2014 Una malattia ancora misteriosa colpisce i tagliatori di canna da zucchero in centro america, mietendo decine di migliaia di vittime...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Casale Monferrato. Processo Eternit, Schmideiny non paga e impugna la sentenza. Frustrate le speranze di poter utilizzare la congrua somma prevista, per le bonifiche ed i risarcimenti …

News

Casale Monferrato. Processo Eternit, Schmideiny non paga e impugna la sentenza. Frustrate le speranze di poter utilizzare la congrua somma prevista, per le bonifiche ed i risarcimenti …
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
Il condannato svizzero ha depositato l’appello. Intanto Guariniello chiede giustizia anche per Rubiera e Bagnoli. Pesce: “Speriamo che la Corte fissi entro la prossima primavera il nuovo processo”
“C’era da aspettarsi che Stephan Schmidheiny impugnasse la sentenza di primo grado del Tribunale di Torino”. Bruno Pesce coordinatore della Vertenza amianto così commenta “a caldo” la decisione dello svizzero condannato a 16 anni di reclusione per disastro doloso ed omissione dolosa delle misure di sicurezza. La notizia è stata diffusa proprio ieri e a questa impugnazione va ad aggiungersi quella della procura di Torino nella parte della sentenza che assolveva Schmidheiny ed il barone De Cartier De Marchienne per intervenuta prescrizione, riguardo ai morti di Rubiera e di Bagnoli. E c’è da aspettarsi che anche l’altro condannato impugni la sentenza. Anche se ora è assolutamente prematuro dire quando la Corte d’Appello di Torino fisserà la data del dibattimento di secondo grado, è facile ipotizzare tempi non brevi. Innanzitutto dovrà venire decisa la data e poi effettuata la notifica alle varie parti interessate che sono moltissime. Per questo, a parte il super lavoro degli ufficiali giudiziari di Torino (e non solo) si può pensare che il processo venga fissato nella prossima primavera ad essere ottimisti. Ovviamente rimane sul piatto anche la questione delle provvisionali che, essendo immediatamente esecutive, potranno essere richieste molto prima della definizione giudiziale del procedimento. Ma questa situazione, e le difficoltà che ci sono per applicarla vista la decisione dei due condannati di non pagare tali somme, è per il momento tutta un’altra storia.
17/07/2012 – A.Z. – redazione@alessandrianews.it

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline