• 23/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    23/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    23/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    23/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    23/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    23/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    23/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    23/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    23/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    23/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    23/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    23/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    23/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Casale Monferrato. Quaranta milioni disponibili per la bonifica dell’amianto e per installare il fotovoltaico sui tetti, grazie ad un accordo tra Unicredit e Comune

News

Casale Monferrato. Quaranta milioni disponibili per la bonifica dell’amianto e per installare il fotovoltaico sui tetti, grazie ad un accordo tra Unicredit e Comune
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
Presentato un importante accordo tra Unicredit e Comune di Casale. Demezzi: “Si vince unendo tutte le forze”
Versione stampabile Stampa | Invia articolo a un amico Invia | Scrivi alla redazione Scrivi
Per bonificare completamente Casale e il Monferrato dall’amianto occorre l’impegno di tutti. Anche degli istituti di credito. E questa la chiave di lettura dell’iniziativa che è stata presentata venerdì nella sala consigliare di palazzo San Giorgio, frutto di un’accordo tra il Comune e l’Uncredit che mette a disposizione un plafond di 40 milioni di euro per la bonifica e lo smaltimento delle coperture . E sarà anche possibile – per coloro che lo desiderassero – sostituire i rivestimenti con materiali fotovoltaici. Unicredit Leasing, soceità del Gruppo Unicredit, infatti, offre l’opportunità di accedere a Energy Leasing, il prodotto finanziario studiato per le energie alternative, tra cui i fotovoltaici. E questo consentirà di ammortizzare maggioramente la spesa della sostituzione grazie ai risparmi sulla produzione di energia che potrà anche essere venduta e messa in rete. La finanziabilità dei progetti è prevista sino al 100% dell’investimento al netto dell’Iva.
Ma chi potrà usufruirne? Imprese agricole e industriali, famiglie, enti pubblici, amministratori condominiali di Casale e dei 47 comuni dell’ex Ussl 76. “La bonifica dell’amianto è una battaglia che la città ed il suo territorio sta combattendo con caparbietà da molti anni – dice il sindaco Giorgio Demezzi – come più volte ho sottolineato si possno ottenere risultati significativi solo unendo le forze e lottando tutti insieme per poter dichiarare il prima possibile Casale Monferrato città libera dall’amianto”. Dal canto suo Unicredit per bocca di Vladimiro Rambaldi, responsabile territorio Nord Ovest ha evidenziato come “grazie all’accordo con il Comune di Casale, Unicredit vuole testimoniare, in maniera concreta, il suo radicamento sul territorio, una presenza attiva nell’economia, ma anche una particolare attenzione alle esigenze delle comunità locali in cui opera”. E anche l’abbinamento rimozione amianto – sostituzione con fotovoltaico sta iniziando a dare dei risultati. A fine 2011, grazie agli incentivi sulla rimozione del fotovoltaico, a fine 2011 sono stati rimossi circa tredici milioni di metri quadrati di coperture di amianto.
A.Z. – redazione@alessandrianews.it

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline