• 30/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    30/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    30/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    30/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    30/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    30/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    30/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    30/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    30/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    30/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    30/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    30/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    30/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    30/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    30/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    30/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    30/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    30/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    30/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    30/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    30/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    30/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Ciampino come Malpensa. Troppo inquinamento. Gli abitanti della zona denunciano l’eccessivo traffico di aeromobili che provoca l’aumento di malattie cardiovascolari e respiratorie

News

Ciampino come Malpensa. Troppo inquinamento. Gli abitanti della zona denunciano l’eccessivo traffico di aeromobili che provoca l’aumento di malattie cardiovascolari e respiratorie
Fonte: Il Fatto Quotidiano http://www.ilfattoquotidiano.it
Ciampino, i comitati: “Troppi aerei, danni alla salute e moria di alberi”
Gli abitanti della zona denunciano l’eccessivo traffico di aeromobili: “Conseguenze negative sulla flora dei parchi vicini, intervenga il ministero”. Già accertato l’aumento di malattie cardiovascolari per l’inquinamento
di Gabriele Paglino
Ciampino come Malpensa. Quello milanese non è l’unico scalo il cui traffico aereo produce un inquinamento di vaste proporzioni. Da oltre dieci anni, da quando cioè è stato riaperto ai voli di linea – nel ’61 tutto il traffico commerciale venne trasferito sul nuovo scalo di Fiumicino, lasciando a Ciampino soltanto voli di Stato e charter – il secondo aeroporto romano è letteralmente preso d’assalto dalle compagnie low-cost. Un traffico che causa danni alla salute della popolazione locale, come già accertato dalla regione Lazio. E conseguenze negative sull’ambiente, almeno secondo le denunce di ambientalisti e comitati che reputano a rischio i due parchi confinanti.
“Proprio dal 2001, nel Parco dell’Appia Antica e in quello degli Acquedotti, stiamo assistendo a una drammatica moria di pini secolari – denuncia a ilfattoquotidiano.it Pierluigi Adami, portavoce del Comitato per la riduzione dell’impatto ambientale dell’aeroporto di Ciampino – . Aree di altissimo pregio storico, paesaggistico e ambientale che stanno andando distrutte a causa dei quasi 150 aerei che ogni giorno le sorvolano a bassissima quota, quasi a sfiorare le cime degli alberi”.
E ora gli ambientalisti chiedono al ministero dell’Ambiente di accertare il rapporto causa effetto tra inquinamento degli aerei e moria di alberi, proprio come è già risultato dai documenti del dicastero per l’area boschiva del Parco del Ticino, a ridosso di Malpensa. Sotto accusa anche le società Aeroporti di Roma ed Enac: “Abbiamo già mandato un dossier al ministro Clini – annuncia Adami –. E nei prossimi giorni ne manderemo un altro al commissario europeo per l’Ambiente, Janez Potočnik, per denunciare l’inadempienza, da parte del gestore dell’aeroporto, a una serie di direttive comunitarie relative alle emissioni”.
Se i danni all’ambiente sono ancora da vericare, già accertati sono invece quelli agli abitanti dei comuni di Ciampino e Marino e del X Municipio di Roma, i territori cioè sui quali insiste l’aeroporto. Nel 2009 l’indagine epidemiologica condotta dalla Asl di Roma, su commissione della Regione Lazio, ha infatti riscontrato un incremento dell’incidenza di malattie cardiovascolari nei residenti nell’area circostante. “I risultati dello studio – si legge nello Studio sugli effetti del rumore aeroportuale (Sera) – depongono per una associazione tra rumore aeroportuale e danni alla salute, in particolar modo l’aumento della pressione arteriosa”. Che l’inquinamento acustico possa in generale avere conseguenze negative sulla salute lo stabilisce del resto anche l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che lo ritiene uno dei fattori di rischio per gli infarti.
Delle 14mila persone che vivono vicino allo scalo romano – “un caso unico in Europa”, fa notare il portavoce del comitato locale di Ciampino – sono quasi 3mila quelle che sopportano un livello di inquinamento acustico superiore ai limiti stabiliti dallo stesso Oms (55 dBA per il giorno e 40 dBA per la notte). Nella zona vicina all’aeroporto si passa infatti dai 60-65 dBA della zona che lo studio ha classificato con il colore “verde”, ai 65-75 dBA della “zona gialla”, fino agli oltre 75 dBA della “zona rossa”. L’indagine dell’Asl ha osservato inoltre “un aumento della frequenza di persone che usano farmaci antidepressivi”. Non è finita, perché tra le patologie riscontrate numerose sono anche quelle dell’apparato respiratorio, che “potrebbero essere messe in relazione con l’inquinamento atmosferico derivante dalle attività aeroportuali”.
Non bisogna infatti dimenticare che oltre all’inquinamento acustico ci sono le emissioni prodotte dai motori degli aerei e il conseguente rilascio in aria di CO2, monossido di carbonio, ossido di azoto e un numero variabile di particelle sospese. A lanciare l’allarme polveri sottili, in quell’area collocata giusto sotto la rotta di atterraggio e decollo degli aerei, ci aveva già pensato Legambiente. Durante il monitoraggio effettuato nell’estate del 2006 dall’associazione ambientalista, il valore più elevato di PM10 venne registrato proprio nel Parco degli Acquedotti: 301,83 microgrammi al metro cubo (sei volte superiore al limite stabilito dalla normativa europea).
L’unica soluzione per risolvere il problema inquinamento – ha suggerito Arpa Lazio (Agenzia regionale protezione ambientale) – è quella di ridurre il numero dei movimenti giornalieri portandoli a un massimo di 61 (oggi sono circa 136). Ma il mercato dei voli low-cost ormai si è affermato e Ciampino è uno degli aeroporti che meglio ha saputo intercettare questa nuova tipologia di traffico: di qui ogni anno transitano 5,5 milioni di passeggeri. Aeroporti di Roma ed Enac non vogliono perciò sentir parlare di riduzione, anche se l’aeroporto, in base a quanto sancito nel luglio del 2010 dalla Giunta regionale, opera di fatto “fuori dalle norme di legge sul rumore”.
Nonostante ciò il nuovo piano di sviluppo 2012-2021, presentato lo scorso dicembre, prevede un incremento di 20mila movimenti annui. Si passerebbe così dai 51mila (dichiarati) del 2011 a oltre 70mila. Solo dal 2020 il traffico low cost potrebbe essere spostato nella Tuscia, sempre che venga costruito l’aeroporto di Viterbo. In tal caso Ciampino verrebbe trasformato in city airport, in cui atterrerebbero velivoli più piccoli e silenziosi. “Tutto poco credibile”, attaccano i comitati, le cui perplessità derivano dalle grandi infrastrutture che dovrebbero essere costruite in soli otto anni.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline