• 23/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    23/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    23/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    23/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    23/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    23/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    23/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    23/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    23/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    23/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    23/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    23/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    23/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Consumo di suolo, secondo i dati forniti dall’ISPRA si perdono 100 ettari al giorno di terreno

News

Consumo di suolo, secondo i dati forniti dall’ISPRA si perdono 100 ettari al giorno di terreno
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Peppe Croce
Cemento e asfalto se la passano benissimo in Italia, tanto che ogni giorno vengono coperti 100 ettari di terreno nel nostro Paese e nella sola Roma ne vengono impermeabilizzati 300 ettari l’anno. I dati sul consumo di suolo li ha forniti l’ISPRA, nel suo rapporto annuale sullo stato dell’ambiente, e raccontano una Italia tutt’altro che ben messa: a Milano e Napoli, ad esempio, più del 60% del territorio comunale è impermeabile.
Ma anche le coste sono prese d’assalto, visto che in sette anni (dal 2000 al 2007) il 37% dei litorali è stato modificato dall’uomo in maniera rilevante e, nello stesso periodo, sono state stabilizzate artificialmente 250 spiagge. Sempre in questi sette anni si sono persi 600 mila metri quadrati di spiaggia.
Non sta benissimo neanche l’aria che respiriamo, almeno quella delle città dove continua l’emergenza per PM10, PM2,5 ed ozono. Per il PM10 le fonti di emissione principali restano il settore civile e i trasporti. Sul fronte dei cambiamenti climatici, invece, il 2010 è stato il diciannovesimo anno consecutivo con clima anomalo e negli ultimi 14 anni i giorni estivi con temperatura massima maggiore di 25 gradi e notti tropicali sopra i 20 gradi sono stati sempre maggiori della media.
Sotto minaccia anche la biodiversità del nostro paese: il 50% dei vertebrati, il 15% delle piante superiori e il 40% di quelle inferiori sono a rischio a causa della trasformazione o distruzione degli habitat naturali, dei pesticidi, dell’inquinamento delle acque, del disboscamento e degli incendi. Ancora forti anche bracconaggio e pesca illegale, che impoveriscono ulteriormente campagna e mare.
Cresce anche la produzione dei rifiuti solidi urbani: nel 2010 è stata di 32,5 milioni di tonnellate in crescita dell’1,15% rispetto al 2009. L’ISPRA calcola una produzione pro capite di rifiuti pari a 536 kg per abitante, maggiore al centro Italia (613 kg). Tuttavia, nel 2010, sono aumentate le famiglie che dichiarano di fare la raccolta differenziata. Fonte: ISPRA

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline