• 17/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    17/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    17/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    17/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    17/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    17/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    17/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    17/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    17/04/2014 L’appello del Forum nazionale Salviamo il paesaggio per le aree naturali protette italiane...Leggi
    17/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    17/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    17/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Dopo gli eventi di Fukushima si sta cercando di raccogliere fondi per sviluppare un contatore Geiger da tasca a prezzo contenuto da fornire a chiunque ne abbia l’esigenza …

News

Dopo gli eventi di Fukushima si sta cercando di raccogliere fondi per sviluppare un contatore Geiger da tasca a prezzo contenuto da fornire a chiunque ne abbia l’esigenza …
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
Arriva il rilevatore di radiazioni da tasca open source
di Peppe Croce
Kickstarter, uno dei siti di raccolta fondi più grandi al mondo, sta raccogliendo preziosi dollari per lo sviluppo del Safecast Geiger Counter Limited Edition. Cioè di un contatore Geiger per le radiazioni ionizzanti open source e dal prezzo contenuto. La raccolta è arrivata già a oltre 100 mila dollari.
Safecast è un’associazione nata dopo il disastro atomico di Fukushima Daiichi con lo scopo di raccogliere informazioni diffuse e accurate sulla contaminazione radiologica delle aree del Giappone interessate dall’incidente alla centrale nucleare. Proprio grazie a Kickstarter Safecast è riuscita a raccogliere fondi per comprare numerosi contatori Geiger da affidare ai volontari che giravano per raccogliere i dati. Dati che non solo non erano disponibili prima degli sforzi di Safecast, ma neanche c’èrano: nessuno faceva i controlli.
Il passo al livello successivo, cioè quello di costruire un contatore per le radiazioni che fosse economico e alla portata di tutti, è stato una conseguenza dei buoni risultati delle prime attività di Safecast. Per essere economico, però, il contatore doveva essere open source. Cioè doveva utilizzare tecnologie aperte e non coperte da copyright.
Al momento, per un buon contatore Geiger che sia effettivamente sensibile a tutti i tipi di radiazioni pericolose, ci vogliono anche 700-800 dollari. Con gli oltre 100 mila dollari raccolti su Kickstarter, Safecast potrà produrre i primi esemplari del suo Geiger Counter e coprire le spese dei volontari che lo utilizzeranno. Se tutto andrà come prevede Safecast, però, il contatore open source arriverà presto alla produzione di massa. Fonte: Kickstarter

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline