• 31/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    31/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    31/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    31/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    31/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    31/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    31/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    31/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    31/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    31/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    31/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    31/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    31/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    31/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    31/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    31/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    31/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    31/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    31/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    31/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    31/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    31/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

E’ piemontese il 1°impianto per la produzione di biocarburanti di II generazione

News
  • Beta Renewables ha aperto a Crescentino, in provincia di Vercelli, il primo impianto al mondo per la produzione di bioetanolo a partire dai prodotti agricoli residuali

    Fonte: Rinnovabili  http://www.rinnovabili.it/greenbuilding

  • Inaugurazione del primo impianto al mondo per la produzione di biocarburanti di II generazione.

(Rinnovabili.it) – Record del mondo per Crescentino, che ha visto l’inaugurazione del primo impianto al mondo per la produzione di biocarburanti di II generazione. La bioraffineria di Beta Renewables (Gruppo Mossi Ghisolfi) produrrà 75 milioni di litri annui di bioetanolo di seconda generazione ottenuti da prodotti agricoli residuali. Altra buona notizia anche l’esportazione della tecnologia italiana negli Stati Uniti grazie ad accordi firmati per la costruzione di nuovi impianti negli States.

L’inaugurazione ha avuto luogo stamane alla presenza del Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato e delle autorità locali ed è stata l’occasione per ricordare che l’impianto è il frutto di un investimento di 150 milioni di euro, serviti a dare maggiore risalto all’importanza della chimica sostenibile. Ritenuto di importanza strategica il progetto è stato finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del Settimo Programma Quadro per la ricerca e lo sviluppo.

L’impianto realizzato su una superficie di 15 ettari oltre a portare benefici ambientali al territorio offrirà nuovi posti di lavoro alla popolazione locale impiegando un centinaio di addetti diretti e circa 200 indiretti. “Quello dei biocarburanti di seconda generazione rappresenta un mercato ad elevato potenziale economico e occupazionale, considerando il know how delle nostre imprese e le direttive emanate dalla Commissione Europea in materia” ha aggiunto Guido Ghisolfi. “Continueremo ad investire in ricerca perché crediamo che la chimica sostenibile rappresenti uno dei settori chiave per la ripresa economica del Paese. Stiamo facendo una serie di valutazioni preliminari su alcune aree in Italia che potrebbero rivelarsi strategiche per costruire nuovi impianti. Apriremo a Modugno, vicino a Bari, un nuovo Centro Ricerche e un impianto dimostrativo per produrre intermedi chimici a partire da lignina, un co-prodotto della produzione di etanolo. Parallelamente continueremo ad esportare la nostra tecnologia nel mondo attraverso accordi commerciali, perché la richiesta di biocarburanti di nuova generazione è in continua espansione” .

Autosufficiente dal punto di vista energetico l’impianto non produrrà reflui e assicurerà un riciclo dell’acqua del 100% oltre ad una produzione innovativa di bioetanolo. La bioraffineria utilizzando la tecnologia PROESA® (PROduzione di Etanolo da biomasSA), combinata con gli enzimi Cellic® prodotti da Novozymes, sfrutterà gli zuccheri presenti nelle biomasse lignocellulosiche per ottenere alcol, carburanti e altri prodotti chimici, con minori emissioni di gas climalteranti. Il carburante ottenuto oltre che bio è anche in grado di ridurre del 90% la produzione di emissioni. “Gli investitori interessati al bioetanolo di nuova generazione spesso ci chiedono quando la tecnologia sarà pronta per la produzione su scala industriale” ha affermato Guido Ghisolfi, amministratore delegato di Beta Renewables. “PROESA® consente ai nostri clienti di produrre biocarburante avanzato ad un costo competitivo rispetto ai biocarburanti convenzionali. Inoltre, la nostra offerta completa rende questi progetti bancabili e replicabili. Con il primo impianto al mondo a produzione industriale in funzione qui, a Crescentino, mi auguro fortemente di dare il via ad una nuova e promettente industria nel settore della chimica verde”. 

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline