• 22/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    22/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    22/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    22/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    22/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    22/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    22/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    22/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    22/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    22/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    22/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    22/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    22/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

E’ stata richiesta l’apertura di una discarica per il trattamento di rifiuti non pericolosi in località casina Borio a Sezzadio, la falda potrebbe essere a rischio

News

E’ stata richiesta l’apertura di una discarica per il trattamento di rifiuti non pericolosi in località casina Borio a Sezzadio, la falda potrebbe essere a rischio … la strada verso l’autorizzazione è ancora lunga.
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
La conferenza dei servizi che deve esaminare la richiesta di autorizzazione per l’apertura di una discarica a Sezzadio ha accolto le osservazioni del comitato cittadino e di Legambiente: nuovi approfondimenti sul rischio per le falde. La Regione indica l’area come cava di stoccaggio della terra proveniente dagli scavi del terzo valico
Non è stato un “no”, ma neppure un “sì”. Solo un rinvio in attesa di nuovi approfondimenti. La conferenza dei servizi che deve valutare la richiesta di apertura di una discarica per il trattamento di rifiuti non pericolosi in località casina Borio a Sezzadio non si è ancora espressa in via definitiva.
Per opporsi all’autorizzazione era nato un comitato di cittadini che ha partecipato, come uditore, alla conferenza che si è riunita qualche settimana fa. “Non è stato deciso ancora nulla, ma tutto rinviato in attesa di ulteriori approfondimenti sul rischio di infiltrazione nelle falda acquifera. Proprio sotto quel terreno c’è una delle più importanti riserve idriche della provincia”, spiega Marco Gobello del comitato. La richiesta di ulteriori garanzie a difesa delle acque è arrivata anche da Legambiente e la conferenza l’ha accolta. Quindi il proponente, una ditta privata, dovrà fornire ulteriore documentazione che sarà nuovamente vagliata dalla conferenza. Intanto, un altro stop è stato posto anche dalla Regione Piemonte che ha posta la questione del vincolo della cava legato al progetto del terzo valico dei Giovi. La cava è infatti stata individuata nel progetto definitivo (ma manca ancora l’esecutivo) come area di riempimento con la terra proveniente dagli scavi della galleria che dovrà collegare Genova con Milano, passando attraverso l’appennino. “Tra le altri questioni rilevate in sede di conferenza – dice ancora Gobello – c’è anche quella dell’aumento del traffico legata ai camion diretti in discarica che graverebbero sull’abitato di Sezzadio”. Insomma, per l’ipotizzata discarica la strada verso l’autorizzazione è ancora lunga.
I.N. – irene.navaro@alessandrianews.it

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline