• 16/04/2014 Fermiamo il trattato di liberalizzazione commerciale USA-UE ...Leggi
    16/04/2014 A Fukushima un incidente dietro l’altro, Di nuovo bloccato lo smaltimento dell’acqua radioattiva e sottovalutata l’esposizione radioattiva di 142 tecnici...Leggi
    16/04/2014 A rischio tossicità anche i pesci d’allevamento. Neurotossine si accumulerebbero nelle carni dei pesci a causa del riscaldamento globale...Leggi
    16/04/2014 Appennini. Piccoli paesi e borghi spopolati, qualche volta addirittura morti. Quel che sembra mancare è un progetto d’insieme...Leggi
    16/04/2014 Carenza di cibo e acqua i principali rischi del cambiamento climatico...Leggi
    16/04/2014 Il quinto report dell’Ipcc tratteggia una mappa dell’impatto che avranno i cambiamenti climatici sulle popolazioni...Leggi
    16/04/2014 In un test in Svizzera trovati residui di pesticidi nella pasta italiana, soprattutto insetticidi utilizzati nei silos per la conservazione dei cereali...Leggi
    16/04/2014 Occorre porre il vincolo di destinazione d’uso sulle ultime 10 Cascine rimaste a Peschiera Borromeo...Leggi
    16/04/2014 Onu: con una storica sentenza la Corte Internazionale di Giustizia impone al Giappone di fermare immediatamente le sue navi baleniere nelle acque antartiche...Leggi
    16/04/2014 Sentinel-1 è il primo di una famiglia di satelliti realizzati per fornire un flusso di dati all’ambizioso programma di monitoraggio ambientale europeo Copernicus...Leggi
    16/04/2014 Una petizione per chiedere al Ministero dei Beni Culturali di sottoporre un tratto di costa del lago Maggiore al regime del vincolo indiretto, per evitare avventati proge...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

E’ stata richiesta l’apertura di una discarica per il trattamento di rifiuti non pericolosi in località casina Borio a Sezzadio, la falda potrebbe essere a rischio

News

E’ stata richiesta l’apertura di una discarica per il trattamento di rifiuti non pericolosi in località casina Borio a Sezzadio, la falda potrebbe essere a rischio … la strada verso l’autorizzazione è ancora lunga.
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
La conferenza dei servizi che deve esaminare la richiesta di autorizzazione per l’apertura di una discarica a Sezzadio ha accolto le osservazioni del comitato cittadino e di Legambiente: nuovi approfondimenti sul rischio per le falde. La Regione indica l’area come cava di stoccaggio della terra proveniente dagli scavi del terzo valico
Non è stato un “no”, ma neppure un “sì”. Solo un rinvio in attesa di nuovi approfondimenti. La conferenza dei servizi che deve valutare la richiesta di apertura di una discarica per il trattamento di rifiuti non pericolosi in località casina Borio a Sezzadio non si è ancora espressa in via definitiva.
Per opporsi all’autorizzazione era nato un comitato di cittadini che ha partecipato, come uditore, alla conferenza che si è riunita qualche settimana fa. “Non è stato deciso ancora nulla, ma tutto rinviato in attesa di ulteriori approfondimenti sul rischio di infiltrazione nelle falda acquifera. Proprio sotto quel terreno c’è una delle più importanti riserve idriche della provincia”, spiega Marco Gobello del comitato. La richiesta di ulteriori garanzie a difesa delle acque è arrivata anche da Legambiente e la conferenza l’ha accolta. Quindi il proponente, una ditta privata, dovrà fornire ulteriore documentazione che sarà nuovamente vagliata dalla conferenza. Intanto, un altro stop è stato posto anche dalla Regione Piemonte che ha posta la questione del vincolo della cava legato al progetto del terzo valico dei Giovi. La cava è infatti stata individuata nel progetto definitivo (ma manca ancora l’esecutivo) come area di riempimento con la terra proveniente dagli scavi della galleria che dovrà collegare Genova con Milano, passando attraverso l’appennino. “Tra le altri questioni rilevate in sede di conferenza – dice ancora Gobello – c’è anche quella dell’aumento del traffico legata ai camion diretti in discarica che graverebbero sull’abitato di Sezzadio”. Insomma, per l’ipotizzata discarica la strada verso l’autorizzazione è ancora lunga.
I.N. – irene.navaro@alessandrianews.it

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline