• 23/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    23/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    23/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    23/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    23/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    23/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    23/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    23/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    23/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    23/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    23/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    23/04/2014 Appello per salvaguardare le aree naturali protette italiane dalle insidie legislative in corso d’opera...Leggi
    23/04/2014 Pedemontana Lombarda, un’autostrada dentro casa: fermiamola!...Leggi
    23/04/2014 Taglio indiscriminato, potature selvagge e incuria: da tutta Italia giungono numerose segnalazioni di attacco al patrimonio arboreo. Scarsa attenzione, ignoranza o malafe...Leggi
    23/04/2014 Una malattia ancora misteriosa colpisce i tagliatori di canna da zucchero in centro america, mietendo decine di migliaia di vittime...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

E’ stata richiesta l’apertura di una discarica per il trattamento di rifiuti non pericolosi in località casina Borio a Sezzadio, la falda potrebbe essere a rischio

News

E’ stata richiesta l’apertura di una discarica per il trattamento di rifiuti non pericolosi in località casina Borio a Sezzadio, la falda potrebbe essere a rischio … la strada verso l’autorizzazione è ancora lunga.
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
La conferenza dei servizi che deve esaminare la richiesta di autorizzazione per l’apertura di una discarica a Sezzadio ha accolto le osservazioni del comitato cittadino e di Legambiente: nuovi approfondimenti sul rischio per le falde. La Regione indica l’area come cava di stoccaggio della terra proveniente dagli scavi del terzo valico
Non è stato un “no”, ma neppure un “sì”. Solo un rinvio in attesa di nuovi approfondimenti. La conferenza dei servizi che deve valutare la richiesta di apertura di una discarica per il trattamento di rifiuti non pericolosi in località casina Borio a Sezzadio non si è ancora espressa in via definitiva.
Per opporsi all’autorizzazione era nato un comitato di cittadini che ha partecipato, come uditore, alla conferenza che si è riunita qualche settimana fa. “Non è stato deciso ancora nulla, ma tutto rinviato in attesa di ulteriori approfondimenti sul rischio di infiltrazione nelle falda acquifera. Proprio sotto quel terreno c’è una delle più importanti riserve idriche della provincia”, spiega Marco Gobello del comitato. La richiesta di ulteriori garanzie a difesa delle acque è arrivata anche da Legambiente e la conferenza l’ha accolta. Quindi il proponente, una ditta privata, dovrà fornire ulteriore documentazione che sarà nuovamente vagliata dalla conferenza. Intanto, un altro stop è stato posto anche dalla Regione Piemonte che ha posta la questione del vincolo della cava legato al progetto del terzo valico dei Giovi. La cava è infatti stata individuata nel progetto definitivo (ma manca ancora l’esecutivo) come area di riempimento con la terra proveniente dagli scavi della galleria che dovrà collegare Genova con Milano, passando attraverso l’appennino. “Tra le altri questioni rilevate in sede di conferenza – dice ancora Gobello – c’è anche quella dell’aumento del traffico legata ai camion diretti in discarica che graverebbero sull’abitato di Sezzadio”. Insomma, per l’ipotizzata discarica la strada verso l’autorizzazione è ancora lunga.
I.N. – irene.navaro@alessandrianews.it

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline