• 24/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    24/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    24/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    24/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    24/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    24/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    24/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    24/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    24/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    24/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    24/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    24/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    24/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    24/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    24/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    24/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    24/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    24/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    24/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    24/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    24/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    24/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Efficienza energetica degli edifici, oltre la metà degli italiani è intervenuta per migliorarla o quantomeno per informarsi, però partiamo da una situazione pessima

News

Efficienza energetica degli edifici, oltre la metà degli italiani è intervenuta per migliorarla o quantomeno per informarsi, però partiamo da una situazione pessima
Fonte: Eco dalle Città http://www.ecodallecitta.it
Secondo una ricerca di Fondazione Impresa, il 57% degli italiani ha realizzato interventi di efficientamento energetico della propria abitazione. Cresce, inoltre, il numero di persone che raccoglie informazioni sulla classe energetica degli edifici
Rispetto all’anno scorso, è aumentato l’interesse degli italiani nei confronti della classe energetica della propria abitazione. Lo dimostra un’indagine di Fondazione Impresa, secondo la quale coloro che hanno ricercato informazioni sul tema sono aumentati dal 25,4% al 34,4%. Di questi solo uno su quattro lo ha fatto per adempiere ad un obbligo di legge, mentre il 52,5% è stato motivato da un interesse personale. Ma al di là della ricerca di informazioni e dell’interesse per l’argomento, il dato che colpisce più degli altri è che il 57,0% degli italiani, con piccoli accorgimenti o veri e propri interventi di riqualificazione, ha reso la propria abitazione più efficiente. «Ci sono tutti i presupposti – sostengono i ricercatori di Fondazione Impresa – perché la green economy trovi nell’edilizia sostenibile un settore di traino. Per questo è necessario che continui il sostegno al settore, che non deve essere fatto solo di incentivi, ma anche di servizi di informazione e di assistenza pratica da offrire all’utente finale. Tranne alcune esperienze locali di successo, su questo fronte il Paese sembra essere ancora in ritardo».
Secondo l’indagine, realizzata su un campione di 600 persone, il 34,4% degli italiani ha cercato informazioni sulla classe energetica della propria abitazione. Di questi, più della metà lo ha fatto per soddisfare un interesse personale (52,5%), il 26,3% per adempiere ad un obbligo di legge ed il restante 21,2% non è riuscito ad ottenere le informazioni cercate. Degli italiani che non hanno cercato informazioni sulla classe energetica della propria abitazione (il restante 65,6%), più della metà (57,4%) lo ha fatto perché non interessato, il 34,4% perché non avrebbe saputo a chi rivolgersi, il 5,3% perché costa troppo e il 2,9% ha invece dichiarato di volerlo fare nei prossimi 12 mesi.
In particolare, le informazioni sulle classe energetica della propria abitazione interessano soprattutto gli italiani tra i 35 e i 54 anni (45,6%), in possesso di un titolo di studio alto (35,5%) e residenti nelle regioni centrali (37,0%). Inoltre, secondo i risultati dell’indagine realizzata da Fondazione Impresa, più di un italiano su due (57,0%) ha introdotto accorgimenti oppure realizzato interventi finalizzati a rendere più efficiente la propria abitazione dal punto di vista energetico. La stragrande maggioranza di questi (83,4%) lo ha fatto prevalentemente per ottenere un risparmio economico, il 14,0% soprattutto per contribuire alla protezione dell’ambiente e una parte marginale (2,6%) soprattutto perché ha potuto usufruire di incentivi pubblici.
Degli italiani che non hanno introdotto alcun accorgimento o realizzato interventi di riqualificazione energetica (il restante 43,0%), più della metà (51,1%) lo ha fatto in quanto non interessato, il 21,1% perché costa troppo, il 15,4% perché non avrebbe saputo come intervenire o a chi rivolgersi e il 12,4% ha dichiarato di volerlo fare nei prossimi 12 mesi.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline