• 23/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    23/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    23/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    23/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    23/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    23/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    23/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    23/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    23/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    23/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    23/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    23/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    23/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Efficienza energetica degli edifici, oltre la metà degli italiani è intervenuta per migliorarla o quantomeno per informarsi, però partiamo da una situazione pessima

News

Efficienza energetica degli edifici, oltre la metà degli italiani è intervenuta per migliorarla o quantomeno per informarsi, però partiamo da una situazione pessima
Fonte: Eco dalle Città http://www.ecodallecitta.it
Secondo una ricerca di Fondazione Impresa, il 57% degli italiani ha realizzato interventi di efficientamento energetico della propria abitazione. Cresce, inoltre, il numero di persone che raccoglie informazioni sulla classe energetica degli edifici
Rispetto all’anno scorso, è aumentato l’interesse degli italiani nei confronti della classe energetica della propria abitazione. Lo dimostra un’indagine di Fondazione Impresa, secondo la quale coloro che hanno ricercato informazioni sul tema sono aumentati dal 25,4% al 34,4%. Di questi solo uno su quattro lo ha fatto per adempiere ad un obbligo di legge, mentre il 52,5% è stato motivato da un interesse personale. Ma al di là della ricerca di informazioni e dell’interesse per l’argomento, il dato che colpisce più degli altri è che il 57,0% degli italiani, con piccoli accorgimenti o veri e propri interventi di riqualificazione, ha reso la propria abitazione più efficiente. «Ci sono tutti i presupposti – sostengono i ricercatori di Fondazione Impresa – perché la green economy trovi nell’edilizia sostenibile un settore di traino. Per questo è necessario che continui il sostegno al settore, che non deve essere fatto solo di incentivi, ma anche di servizi di informazione e di assistenza pratica da offrire all’utente finale. Tranne alcune esperienze locali di successo, su questo fronte il Paese sembra essere ancora in ritardo».
Secondo l’indagine, realizzata su un campione di 600 persone, il 34,4% degli italiani ha cercato informazioni sulla classe energetica della propria abitazione. Di questi, più della metà lo ha fatto per soddisfare un interesse personale (52,5%), il 26,3% per adempiere ad un obbligo di legge ed il restante 21,2% non è riuscito ad ottenere le informazioni cercate. Degli italiani che non hanno cercato informazioni sulla classe energetica della propria abitazione (il restante 65,6%), più della metà (57,4%) lo ha fatto perché non interessato, il 34,4% perché non avrebbe saputo a chi rivolgersi, il 5,3% perché costa troppo e il 2,9% ha invece dichiarato di volerlo fare nei prossimi 12 mesi.
In particolare, le informazioni sulle classe energetica della propria abitazione interessano soprattutto gli italiani tra i 35 e i 54 anni (45,6%), in possesso di un titolo di studio alto (35,5%) e residenti nelle regioni centrali (37,0%). Inoltre, secondo i risultati dell’indagine realizzata da Fondazione Impresa, più di un italiano su due (57,0%) ha introdotto accorgimenti oppure realizzato interventi finalizzati a rendere più efficiente la propria abitazione dal punto di vista energetico. La stragrande maggioranza di questi (83,4%) lo ha fatto prevalentemente per ottenere un risparmio economico, il 14,0% soprattutto per contribuire alla protezione dell’ambiente e una parte marginale (2,6%) soprattutto perché ha potuto usufruire di incentivi pubblici.
Degli italiani che non hanno introdotto alcun accorgimento o realizzato interventi di riqualificazione energetica (il restante 43,0%), più della metà (51,1%) lo ha fatto in quanto non interessato, il 21,1% perché costa troppo, il 15,4% perché non avrebbe saputo come intervenire o a chi rivolgersi e il 12,4% ha dichiarato di volerlo fare nei prossimi 12 mesi.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline