• 23/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    23/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    23/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    23/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    23/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    23/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    23/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    23/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    23/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    23/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    23/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    23/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    23/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Efficienza energetica: pubblicato in Gazzetta ufficiale un decreto che estende l’obbligo di etichettatura energetica a tutti i dispositivi che consumano elettricità.

News

Efficienza energetica: pubblicato in Gazzetta ufficiale un decreto che estende l’obbligo di etichettatura energetica a tutti i dispositivi che consumano elettricità.
Fonte: Eco dalle Città http://www.ecodallecitta.it
Pubblicato in Gazzetta ufficiale un decreto che estende l’obbligo di etichettatura energetica a tutti i dispositivi che consumano elettricità. Prevista anche una scheda prodotto con tutte le informazioni su consumi e grado di efficienza
di Silvana Santo
Tutti i dispositivi che consumano elettricità dovranno avere una etichetta energetica che informi il potenziale acquirente del grado di efficienza e dei consumi dell’apparecchio stesso. Lo ha stabilito il decreto legislativo 104/2012 (vedi allegato), appena pubblicato in Gazzetta ufficiale, con il quale il legislatore italiano ha recepito la Direttiva europea in materia di “energy label” delle apparecchiature elettriche. Non solo lavatrici, frigoriferi e lavastoviglie, dunque: adesso tutti gli apparecchi “connessi al consumo di energia” dovranno avere un bollino che indichi la classe energetica e i livelli di consumo.
Le nuove norme, come si legge nel decreto, si applicano a «qualsiasi bene che abbia un impatto sul consumo di energia durante l’uso, immesso in commercio ovvero messo in servizio, comprese le parti destinate ad essere integrate in prodotti connessi all’energia [...] e immesse in commercio, ovvero messe in servizio come parti a sé stanti per gli utilizzatori finali e di cui è possibile valutare le prestazioni ambientali in maniera indipendente».
Oltre all’etichetta colorata, che dovrà essere apposta sulla confezione in modo da essere ben visibile, i fornitori dovranno predisporre anche una scheda prodotto che fornisca al consumatore informazioni dettagliate sui livelli di consumo dell’apparecchio. L’obbligo di etichettatura, inoltre, è previsto anche in quei casi in cui, come nelle vendite online, il potenziale compratore non possa prendere visione di persona della merce. Il decreto prevede però delle deroghe, che riguardano in particolare i prodotti usati, i mezzi adibiti al trasporto di cose o di persone e le piastrine indicanti la potenza elettrica dei dispositivi che vengono applicate per motivi di sicurezza su alcuni prodotti.
Negli ultimi mesi, su indicazione della stessa Unione europea, la normativa italiana sulle “energy label” è stata progressivamente estesa a nuove categorie di elettrodomestici, a cominciare dai condizionatori e dalle asciugabiancheria. Il provvedimento appena pubblicato in Gazzetta completa il processo di estensione dell’obbligo di etichettatura.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline