• 01/11/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    01/11/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    01/11/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    01/11/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    01/11/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    01/11/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    01/11/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    01/11/2014 Genova, non sono bombe d’acqua ma precipitazioni intense, i danni sono dovuti alle devastazioni territoriali precedenti...Leggi
    01/11/2014 Il decreto “Sblocca Italia” è scellerato ed antidemocratico, favorirà le perforazioni petrolifere in zone a rischio sismico...Leggi
    01/11/2014 Il PD, il partito degli inceneritori, concentrerà in Emilia la combustione dei rifiuti di tutta Italia...Leggi
    01/11/2014 Prime reazioni contrarie degli enti locali alla legge regionale lombarda che riduce la protezione forestale...Leggi
    01/11/2014 Tutti contro il decreto “Sblocca-Italia”: le associazioni unanimi lo contestano, è anacronistico, filocementificatorio...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Elettrosmog: Wind chiede la sospensiva del regolamento. Duro confronto tra il Comune di Ovada (AL) e i gestori di telefonia mobile che vorrebbero installare antenne (SRB) in centro città

News

Elettrosmog: Wind chiede la sospensiva del regolamento. Duro confronto tra il Comune di Ovada (AL) e i gestori di telefonia mobile che vorrebbero installare antenne (SRB) in centro città
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
Per poter installare l’antenna che il Comune e il Comitato non vogliono veder nascere accanto a corso Saracco
Il duro confronto tra il Comune di Ovada e i gestori di telefonia mobile si arricchisce di un nuove capitolo. Dopo che H3G ha impugnato l’ultima versione del regolamento per l’installazione di antenne su suolo cittadino, è Wind a rifarsi viva per il braccio di ferro riguardante l’antennone che dovrebbe nascere nell’area adiacente a corso Saracco. La multinazionale ha presentato ricorso al Tar del Piemonte per l’annullamento dell’atto di diniego e dello stesso regolamento comunale che, a detta del gestore, impedirebbe, di fatto, l’istallazione delle antenne in centro città. Dopo che nell’estate 2011 l’Amministrazione aveva espresso il primo no alla richiesta, sarà quindi il tribunale amministrativo a permettere l’installazione oppure decidere di analizzare la pratica e valutare nei giusti tempi le posizioni dei due contendenti.
“Sarà intrapresa ogni strada possibile per garantire il rispetto del regolamento comunale – spiega l’assessorato all’Ambiente del Comune di Ovada, (la competenza è di Paolo Lantero – espresso dalla volontà del Consiglio. Siamo purtroppo consapevoli, come già più volte ribadito, dei limiti che la normativa nazionale e regionale impongono all’autonomia degli Enti Locali in questo specifico campo”. Redazione – redazione@ovadaonline.net

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline