• 23/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    23/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    23/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    23/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    23/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    23/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    23/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    23/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    23/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    23/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    23/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    23/04/2014 Appello per salvaguardare le aree naturali protette italiane dalle insidie legislative in corso d’opera...Leggi
    23/04/2014 Pedemontana Lombarda, un’autostrada dentro casa: fermiamola!...Leggi
    23/04/2014 Taglio indiscriminato, potature selvagge e incuria: da tutta Italia giungono numerose segnalazioni di attacco al patrimonio arboreo. Scarsa attenzione, ignoranza o malafe...Leggi
    23/04/2014 Una malattia ancora misteriosa colpisce i tagliatori di canna da zucchero in centro america, mietendo decine di migliaia di vittime...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Elettrosmog: Wind chiede la sospensiva del regolamento. Duro confronto tra il Comune di Ovada (AL) e i gestori di telefonia mobile che vorrebbero installare antenne (SRB) in centro città

News

Elettrosmog: Wind chiede la sospensiva del regolamento. Duro confronto tra il Comune di Ovada (AL) e i gestori di telefonia mobile che vorrebbero installare antenne (SRB) in centro città
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
Per poter installare l’antenna che il Comune e il Comitato non vogliono veder nascere accanto a corso Saracco
Il duro confronto tra il Comune di Ovada e i gestori di telefonia mobile si arricchisce di un nuove capitolo. Dopo che H3G ha impugnato l’ultima versione del regolamento per l’installazione di antenne su suolo cittadino, è Wind a rifarsi viva per il braccio di ferro riguardante l’antennone che dovrebbe nascere nell’area adiacente a corso Saracco. La multinazionale ha presentato ricorso al Tar del Piemonte per l’annullamento dell’atto di diniego e dello stesso regolamento comunale che, a detta del gestore, impedirebbe, di fatto, l’istallazione delle antenne in centro città. Dopo che nell’estate 2011 l’Amministrazione aveva espresso il primo no alla richiesta, sarà quindi il tribunale amministrativo a permettere l’installazione oppure decidere di analizzare la pratica e valutare nei giusti tempi le posizioni dei due contendenti.
“Sarà intrapresa ogni strada possibile per garantire il rispetto del regolamento comunale – spiega l’assessorato all’Ambiente del Comune di Ovada, (la competenza è di Paolo Lantero – espresso dalla volontà del Consiglio. Siamo purtroppo consapevoli, come già più volte ribadito, dei limiti che la normativa nazionale e regionale impongono all’autonomia degli Enti Locali in questo specifico campo”. Redazione – redazione@ovadaonline.net

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline