• 16/04/2014 Fermiamo il trattato di liberalizzazione commerciale USA-UE ...Leggi
    16/04/2014 A Fukushima un incidente dietro l’altro, Di nuovo bloccato lo smaltimento dell’acqua radioattiva e sottovalutata l’esposizione radioattiva di 142 tecnici...Leggi
    16/04/2014 A rischio tossicità anche i pesci d’allevamento. Neurotossine si accumulerebbero nelle carni dei pesci a causa del riscaldamento globale...Leggi
    16/04/2014 Appennini. Piccoli paesi e borghi spopolati, qualche volta addirittura morti. Quel che sembra mancare è un progetto d’insieme...Leggi
    16/04/2014 Carenza di cibo e acqua i principali rischi del cambiamento climatico...Leggi
    16/04/2014 Il quinto report dell’Ipcc tratteggia una mappa dell’impatto che avranno i cambiamenti climatici sulle popolazioni...Leggi
    16/04/2014 In un test in Svizzera trovati residui di pesticidi nella pasta italiana, soprattutto insetticidi utilizzati nei silos per la conservazione dei cereali...Leggi
    16/04/2014 Occorre porre il vincolo di destinazione d’uso sulle ultime 10 Cascine rimaste a Peschiera Borromeo...Leggi
    16/04/2014 Onu: con una storica sentenza la Corte Internazionale di Giustizia impone al Giappone di fermare immediatamente le sue navi baleniere nelle acque antartiche...Leggi
    16/04/2014 Sentinel-1 è il primo di una famiglia di satelliti realizzati per fornire un flusso di dati all’ambizioso programma di monitoraggio ambientale europeo Copernicus...Leggi
    16/04/2014 Una petizione per chiedere al Ministero dei Beni Culturali di sottoporre un tratto di costa del lago Maggiore al regime del vincolo indiretto, per evitare avventati proge...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Elettrosmog: Wind chiede la sospensiva del regolamento. Duro confronto tra il Comune di Ovada (AL) e i gestori di telefonia mobile che vorrebbero installare antenne (SRB) in centro città

News

Elettrosmog: Wind chiede la sospensiva del regolamento. Duro confronto tra il Comune di Ovada (AL) e i gestori di telefonia mobile che vorrebbero installare antenne (SRB) in centro città
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
Per poter installare l’antenna che il Comune e il Comitato non vogliono veder nascere accanto a corso Saracco
Il duro confronto tra il Comune di Ovada e i gestori di telefonia mobile si arricchisce di un nuove capitolo. Dopo che H3G ha impugnato l’ultima versione del regolamento per l’installazione di antenne su suolo cittadino, è Wind a rifarsi viva per il braccio di ferro riguardante l’antennone che dovrebbe nascere nell’area adiacente a corso Saracco. La multinazionale ha presentato ricorso al Tar del Piemonte per l’annullamento dell’atto di diniego e dello stesso regolamento comunale che, a detta del gestore, impedirebbe, di fatto, l’istallazione delle antenne in centro città. Dopo che nell’estate 2011 l’Amministrazione aveva espresso il primo no alla richiesta, sarà quindi il tribunale amministrativo a permettere l’installazione oppure decidere di analizzare la pratica e valutare nei giusti tempi le posizioni dei due contendenti.
“Sarà intrapresa ogni strada possibile per garantire il rispetto del regolamento comunale – spiega l’assessorato all’Ambiente del Comune di Ovada, (la competenza è di Paolo Lantero – espresso dalla volontà del Consiglio. Siamo purtroppo consapevoli, come già più volte ribadito, dei limiti che la normativa nazionale e regionale impongono all’autonomia degli Enti Locali in questo specifico campo”. Redazione – redazione@ovadaonline.net

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline