• 26/10/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    26/10/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    26/10/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    26/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    26/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    26/10/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    26/10/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    26/10/2014 Genova, non sono bombe d’acqua ma precipitazioni intense, i danni sono dovuti alle devastazioni territoriali precedenti...Leggi
    26/10/2014 Il decreto “Sblocca Italia” è scellerato ed antidemocratico, favorirà le perforazioni petrolifere in zone a rischio sismico...Leggi
    26/10/2014 Il PD, il partito degli inceneritori, concentrerà in Emilia la combustione dei rifiuti di tutta Italia...Leggi
    26/10/2014 Prime reazioni contrarie degli enti locali alla legge regionale lombarda che riduce la protezione forestale...Leggi
    26/10/2014 Tutti contro il decreto “Sblocca-Italia”: le associazioni unanimi lo contestano, è anacronistico, filocementificatorio...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Finlandia: di nuovo a rischio la taiga occidentale, dove per costruire una strada si abbatteranno alberi secolari della foresta boreale primaria

News

Finlandia: di nuovo a rischio la taiga occidentale, dove per costruire una strada si abbatteranno alberi secolari della foresta boreale primaria
Fonte: Osservatorio sulle Foreste Primarie, http://www.salvaleforeste.it
Di nuovo a rischio le foreste della Finlandia. L’agenzia forestale di stato Metsähallitus progetta di abbattere le foreste centenarie dell’are di Hossa. Si tratta di foreste primarie, in una delle ultime aree di taiga occidentale, che dovrebbero essere protette in base alla Direttiva Habitat e alla rete “Natura 2000″. Secondo quanto annunciato da Nordic Forests, sono partiti i lavori per la costruzione di una strada di accesso al sito. La Finnish Nature League (Lega finlandese per la natura) ha lanciato un appello a Metsähallitus chiedendo di fermare la costruzione delle strade e alle autorità ambientali di indagare sugli standard ambientali delle operazioni di taglio.
Molte delle foreste nell’area di Hossa sono ancora allo stato naturale. Secondo monitoraggi effettuati sul campo, si tratta di una delle zone più importanti della Finlandia per quanto riguarda le specie polypore caratteristiche delle foreste dominate da pini centenari.
L’area di Hossa è uno dei nove aree escursionistiche nazionali in Finlandia. La finalità principale delle aree escursionistiche nazionali è un uso ricreativo, ma è ancora consentito abbattervi alberi. Le associazioni ambientaliste finlandesi hanno più volte proposto di trasformare le aree escursionistiche in parchi nazionali o aree protette, proprio in virtù del loro alto potenziale di conservazione della biodiversità.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline