• 16/04/2014 Fermiamo il trattato di liberalizzazione commerciale USA-UE ...Leggi
    16/04/2014 A Fukushima un incidente dietro l’altro, Di nuovo bloccato lo smaltimento dell’acqua radioattiva e sottovalutata l’esposizione radioattiva di 142 tecnici...Leggi
    16/04/2014 A rischio tossicità anche i pesci d’allevamento. Neurotossine si accumulerebbero nelle carni dei pesci a causa del riscaldamento globale...Leggi
    16/04/2014 Appennini. Piccoli paesi e borghi spopolati, qualche volta addirittura morti. Quel che sembra mancare è un progetto d’insieme...Leggi
    16/04/2014 Carenza di cibo e acqua i principali rischi del cambiamento climatico...Leggi
    16/04/2014 Il quinto report dell’Ipcc tratteggia una mappa dell’impatto che avranno i cambiamenti climatici sulle popolazioni...Leggi
    16/04/2014 In un test in Svizzera trovati residui di pesticidi nella pasta italiana, soprattutto insetticidi utilizzati nei silos per la conservazione dei cereali...Leggi
    16/04/2014 Occorre porre il vincolo di destinazione d’uso sulle ultime 10 Cascine rimaste a Peschiera Borromeo...Leggi
    16/04/2014 Onu: con una storica sentenza la Corte Internazionale di Giustizia impone al Giappone di fermare immediatamente le sue navi baleniere nelle acque antartiche...Leggi
    16/04/2014 Sentinel-1 è il primo di una famiglia di satelliti realizzati per fornire un flusso di dati all’ambizioso programma di monitoraggio ambientale europeo Copernicus...Leggi
    16/04/2014 Una petizione per chiedere al Ministero dei Beni Culturali di sottoporre un tratto di costa del lago Maggiore al regime del vincolo indiretto, per evitare avventati proge...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

I pannelli fotovoltaici al carbonio (anziché il silicio) che sfruttano gli infrarossi, lo sta sperimentando il MIT di Boston

News

I pannelli fotovoltaici al carbonio (anziché il silicio) che sfruttano gli infrarossi, lo sta sperimentando il MIT di Boston
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Peppe Croce
Tra le numerose tecnologie che si stanno sperimentando nel campo dell’energia fotovoltaica per aumentare l’efficienza dei pannelli solari (attualmente ferma intorno al 15% per i modelli commerciali) c’è anche quella che prevede l’uso del carbonio al posto del silicio. Alcuni scienziati americani del MIT, ad esempio, hanno pubblicato uno studio su Advanced Materials in cui fanno il punto sulle possibilità del carbonio di aumentare l’efficienza fotovoltaica delle celle.
Grazie all’adozione di nanotubi di carbonio, in particolare, è possibile captare parte dello spettro solare che sfugge normalmente alle normali celle fotovoltaiche in silicio. Si tratta delle frequenze vicine all’infrarosso, che l’occhio umano non vede e che i normali pannelli si limitano a riflettere.
Frequenze, però, che rappresentano una buona parte dello spettro (circa il 40% del totale) e che, anche se sfruttate con bassa efficienza, possono aggiungere potenza alle celle fotovoltaiche. Al momento gli scienziati del MIT riescono a convertire in energia solo lo 0,1% della luce vicina all’infrarosso, ma stanno già sperimentando tecniche produttive utili ad aumentare questa percentuale.
Tra l’altro i nanotubi di carbonio risultano trasparenti alle restanti frequenze dello spettro solare. In tal modo è possibile aggiungere uno strato in carbonio a una cella fotovoltaica tradizionale e sfruttare una quantità di luce superiore per produrre energia rinnovabile. Fonte: MIT

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline