• 21/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    21/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    21/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    21/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    21/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    21/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    21/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    21/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    21/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    21/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    21/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    21/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    21/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Il consumo di carne favorisce la deforestazione, la conferma proviene da uno studio dell’l’Union of Concerned Scientists

News

Il consumo di carne favorisce la deforestazione, la conferma proviene da uno studio dell’l’Union of Concerned Scientists
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Marco Grigis
Da tempo un dibattito molto acceso vede contrapposti vegetariani e onnivori sul tema della deforestazione: sono in molti a credere che il consumo di carne sia una delle cause primarie dell’abbattimento delle foreste, per far spazio agli allevamenti intensivi. Altrettante le opinioni di chi sostiene il contrario: Lierre Keith, ad esempio, recentemente ha affermato che la dieta vegetariana non potrà salvare il mondo. Per cercare di rispondere ai dubbi delle due fazioni contrapposte, (UCS) ha condotto uno studio che sembra confermare lo stretto nesso tra carne e deforestazione.
Si chiama “Grade A Choice? Solutions for Deforestation-Free Meat” e ha rivelato come la domanda crescente di carne a livello mondiale – nonostante negli USA vi sia stato ultimamente un rallentamento – abbia portato all’abbattimento di grandi aree boschive non solo per i pascoli, ma anche per le coltivazioni di soia, mais e altri vegetali utilizzati nell’alimentazione di bovini, ovini e suini.
Il 60% dei campi agricoli mondiali sarebbe destinato alla produzione di carne, che determina però solo il 2% del consumo di calorie del pianeta. Tale produzione è spesso inefficiente, perché in media servono 10 chili di grano per produrre 1 chilo di carne, e soprattutto inquinante, perché specie come i bovini generano grandi quantità di gas – metano e CO2 in primis – dai loro rifiuti fisiologici. Lo studio, però, non si propone di lanciare una dieta vegetariana tout court, bensì consiglia alla popolazione onnivora di preferire le carni bianche: gli effetti dell’allevamento di polli, infatti, sarebbero ben più contenuti.
«Produrre carne, in particolare di manzo, richiede grandi quantità di terreno. Il consumo globale di carne è cresciuto negli anni recenti e la gran parte dei nuovi campi destinati alla produzione di carne deriva dall’abbattimento delle foreste tropicali. Questa tendenza sta spingendo la deforestazione e contribuisce in modo significativo al surriscaldamento globale. I bovini, in particolare, richiedono aree molto più vaste di polli e maiali, che sfruttano meno terreno pur producendo la stessa quantità di proteine.»
Mucche e vitelli, tuttavia, non sono gli animali più “pericolosi” per la sussistenza del pianeta. Uno studio di Environmental Working Group ha dimostrato come sia la carne di agnello la meno sostenibile, con emissioni di CO2 quasi doppie rispetto agli allevamenti bovini. Fonte: Ecorazzi

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline