• 25/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    25/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    25/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    25/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    25/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    25/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    25/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    25/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    25/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    25/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    25/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    25/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    25/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    25/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    25/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    25/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    25/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    25/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    25/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    25/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    25/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    25/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Il global warming sta trasformando la tundra artica in foresta, da arbusti ad alberi in pochi anni, come il salice (Salix) e l’ontano (Alnus). Lo dimostra una ricerca finlandese

News

Il global warming sta trasformando la tundra artica in foresta, da arbusti ad alberi in pochi anni, come il salice (Salix) e l’ontano (Alnus). Lo dimostra una ricerca finlandese
Fonte: Greenreport http://www.greenreport.it
In poche decine di anni gi arbusti della tundra artica si sono trasformati in alberi come conseguenza del surriscaldamento del clima artico, creando macchie di bosco che, se invaderanno tutta la tundra, accelereranno in maniera significativa il global warming.
A dirlo è un team di scienziati finlandesi e dell’università britannica di Oxford che hanno studiato un’area di circa 100,000 km2, conosciuta come tundra eurasiatica nord-occidentale, che si estende dalla Siberia occidentale alla Finlandia. Le indagini sulla vegetazione hanno utilizzando dati provenienti da immagini satellitari, lavoro sul campo, e osservazioni degli esperti e Nenets, i pastori indigeni di renne delle montagne occidentali ed orientali degli Urali polari, ed hanno dimostrato che nel 8 – 15% della superficie le basse piante di salice (Salix) e di ontano (Alnus), i generi arbustive più abbondanti a nord del limite continentale del bosco, negli ultimi 30-40 anni si sono trasformate in alberi alti oltre 2 metri. Il rapporto finale della ricerca, “Eurasian Arctic greening reveals teleconnections and the potential for structurally novel ecosystems”, è stato pubblicato su Nature Climate Change . Precedenti modellizzazioni valutavano che il potenziale impatto del progredire della foresta nella tundra artica potrebbe aumentare il riscaldamento dell’Artico di i ulteriori 1 – 2 gradi Celsius entro la fine del XXI secolo.
Nello studio si legge: «Abbiamo dimostrato che, mentre la produttività delle piante nella tarda primavera è legata al ghiaccio marino, il picco della stagione di crescita risponde alla persistente scala sinottica delle masse d’aria sulla Siberia occidentale associate a sistemi meteorologici fennoscandiani attraverso il “Rossby wave train”. Il substrato è importante per l’accumulo della biomassa, ma una forte correlazione tra la crescita e la temperatura comprende tutti i tipi di terreno osservati. La vegetazione è particolarmente sensibile alla temperatura all’inizio dell’estate. Questi risultati hanno implicazioni significative per le modellazioni presenti e future delle risposte della bassa vegetazione artica ai cambiamenti climatici e sottolineano il potenziale di ecosistemi strutturalmente nuovi di emergere all’interno della zona della tundra».
Il principale autore dello studio, Marc Macias-Fauria del dipartimento di zoologia dell’università di Oxford e dell’Oxford Martin School, che ha guidato il team di ricercatori insieme a Bruce Forbes dell’Università della Lapponia, spiega: «E’ una grande sorpresa che queste piante stiano reagendo in questo modo. Prima la gente pensava che la tundra potesse essere colonizzata dagli alberi dalla foresta boreale a sud, dato che il riscaldamento del clima dell’Artico era un processo che avrebbe richiesto secoli. Ma quello che abbiamo scoperto è che gli arbusti che erano già lì si sono trasformati in alberi nel giro di pochi decenni».
L’università di Oxford evidenzia che «Il passaggio dagli arbusti alla foresta è importante in quanto altera l’effetto albedo, la quantità di luce solare riflessa dalla superficie della Terra. Durante la primavera e l’autunno artico per gran parte del tempo gli arbusti sono ricoperti da un manto bianco di neve che riflette la luce. Al contrario, se gli alberi sono alti abbastanza per elevarsi al di sopra della nevicata, presentano una superficie scura che assorbe la luce in superficie. Questo maggiore assorbimento di radiazione solare, combinata ai microclimi creati dalle aree boschive, si aggiunge al global warming e provoca un riscaldamento ancora più rapido in un clima già “caldo”.
Macias-Fauria sottolinea: «Naturalmente questa è solo una piccola parte della vasta tundra artica e una zona che è già più caldo rispetto al resto della regione artica, probabilmente a causa della influenza dell’aria calda dalla Corrente del Golfo. Tuttavia, questa zona sembra essere una “bellwether” per il resto della regione, ci può mostrare ciò che è probabile che accada al resto della regione artica nel prossimo futuro, se continuano queste tendenze al riscaldamento»

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline