• 17/04/2014 Fermiamo il trattato di liberalizzazione commerciale USA-UE ...Leggi
    17/04/2014 A Fukushima un incidente dietro l’altro, Di nuovo bloccato lo smaltimento dell’acqua radioattiva e sottovalutata l’esposizione radioattiva di 142 tecnici...Leggi
    17/04/2014 A rischio tossicità anche i pesci d’allevamento. Neurotossine si accumulerebbero nelle carni dei pesci a causa del riscaldamento globale...Leggi
    17/04/2014 Appennini. Piccoli paesi e borghi spopolati, qualche volta addirittura morti. Quel che sembra mancare è un progetto d’insieme...Leggi
    17/04/2014 Carenza di cibo e acqua i principali rischi del cambiamento climatico...Leggi
    17/04/2014 Il quinto report dell’Ipcc tratteggia una mappa dell’impatto che avranno i cambiamenti climatici sulle popolazioni...Leggi
    17/04/2014 In un test in Svizzera trovati residui di pesticidi nella pasta italiana, soprattutto insetticidi utilizzati nei silos per la conservazione dei cereali...Leggi
    17/04/2014 Occorre porre il vincolo di destinazione d’uso sulle ultime 10 Cascine rimaste a Peschiera Borromeo...Leggi
    17/04/2014 Onu: con una storica sentenza la Corte Internazionale di Giustizia impone al Giappone di fermare immediatamente le sue navi baleniere nelle acque antartiche...Leggi
    17/04/2014 Sentinel-1 è il primo di una famiglia di satelliti realizzati per fornire un flusso di dati all’ambizioso programma di monitoraggio ambientale europeo Copernicus...Leggi
    17/04/2014 Una petizione per chiedere al Ministero dei Beni Culturali di sottoporre un tratto di costa del lago Maggiore al regime del vincolo indiretto, per evitare avventati proge...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Il global warming sta trasformando la tundra artica in foresta, da arbusti ad alberi in pochi anni, come il salice (Salix) e l’ontano (Alnus). Lo dimostra una ricerca finlandese

News

Il global warming sta trasformando la tundra artica in foresta, da arbusti ad alberi in pochi anni, come il salice (Salix) e l’ontano (Alnus). Lo dimostra una ricerca finlandese
Fonte: Greenreport http://www.greenreport.it
In poche decine di anni gi arbusti della tundra artica si sono trasformati in alberi come conseguenza del surriscaldamento del clima artico, creando macchie di bosco che, se invaderanno tutta la tundra, accelereranno in maniera significativa il global warming.
A dirlo è un team di scienziati finlandesi e dell’università britannica di Oxford che hanno studiato un’area di circa 100,000 km2, conosciuta come tundra eurasiatica nord-occidentale, che si estende dalla Siberia occidentale alla Finlandia. Le indagini sulla vegetazione hanno utilizzando dati provenienti da immagini satellitari, lavoro sul campo, e osservazioni degli esperti e Nenets, i pastori indigeni di renne delle montagne occidentali ed orientali degli Urali polari, ed hanno dimostrato che nel 8 – 15% della superficie le basse piante di salice (Salix) e di ontano (Alnus), i generi arbustive più abbondanti a nord del limite continentale del bosco, negli ultimi 30-40 anni si sono trasformate in alberi alti oltre 2 metri. Il rapporto finale della ricerca, “Eurasian Arctic greening reveals teleconnections and the potential for structurally novel ecosystems”, è stato pubblicato su Nature Climate Change . Precedenti modellizzazioni valutavano che il potenziale impatto del progredire della foresta nella tundra artica potrebbe aumentare il riscaldamento dell’Artico di i ulteriori 1 – 2 gradi Celsius entro la fine del XXI secolo.
Nello studio si legge: «Abbiamo dimostrato che, mentre la produttività delle piante nella tarda primavera è legata al ghiaccio marino, il picco della stagione di crescita risponde alla persistente scala sinottica delle masse d’aria sulla Siberia occidentale associate a sistemi meteorologici fennoscandiani attraverso il “Rossby wave train”. Il substrato è importante per l’accumulo della biomassa, ma una forte correlazione tra la crescita e la temperatura comprende tutti i tipi di terreno osservati. La vegetazione è particolarmente sensibile alla temperatura all’inizio dell’estate. Questi risultati hanno implicazioni significative per le modellazioni presenti e future delle risposte della bassa vegetazione artica ai cambiamenti climatici e sottolineano il potenziale di ecosistemi strutturalmente nuovi di emergere all’interno della zona della tundra».
Il principale autore dello studio, Marc Macias-Fauria del dipartimento di zoologia dell’università di Oxford e dell’Oxford Martin School, che ha guidato il team di ricercatori insieme a Bruce Forbes dell’Università della Lapponia, spiega: «E’ una grande sorpresa che queste piante stiano reagendo in questo modo. Prima la gente pensava che la tundra potesse essere colonizzata dagli alberi dalla foresta boreale a sud, dato che il riscaldamento del clima dell’Artico era un processo che avrebbe richiesto secoli. Ma quello che abbiamo scoperto è che gli arbusti che erano già lì si sono trasformati in alberi nel giro di pochi decenni».
L’università di Oxford evidenzia che «Il passaggio dagli arbusti alla foresta è importante in quanto altera l’effetto albedo, la quantità di luce solare riflessa dalla superficie della Terra. Durante la primavera e l’autunno artico per gran parte del tempo gli arbusti sono ricoperti da un manto bianco di neve che riflette la luce. Al contrario, se gli alberi sono alti abbastanza per elevarsi al di sopra della nevicata, presentano una superficie scura che assorbe la luce in superficie. Questo maggiore assorbimento di radiazione solare, combinata ai microclimi creati dalle aree boschive, si aggiunge al global warming e provoca un riscaldamento ancora più rapido in un clima già “caldo”.
Macias-Fauria sottolinea: «Naturalmente questa è solo una piccola parte della vasta tundra artica e una zona che è già più caldo rispetto al resto della regione artica, probabilmente a causa della influenza dell’aria calda dalla Corrente del Golfo. Tuttavia, questa zona sembra essere una “bellwether” per il resto della regione, ci può mostrare ciò che è probabile che accada al resto della regione artica nel prossimo futuro, se continuano queste tendenze al riscaldamento»

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline