• 01/11/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    01/11/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    01/11/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    01/11/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    01/11/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    01/11/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    01/11/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    01/11/2014 Genova, non sono bombe d’acqua ma precipitazioni intense, i danni sono dovuti alle devastazioni territoriali precedenti...Leggi
    01/11/2014 Il decreto “Sblocca Italia” è scellerato ed antidemocratico, favorirà le perforazioni petrolifere in zone a rischio sismico...Leggi
    01/11/2014 Il PD, il partito degli inceneritori, concentrerà in Emilia la combustione dei rifiuti di tutta Italia...Leggi
    01/11/2014 Prime reazioni contrarie degli enti locali alla legge regionale lombarda che riduce la protezione forestale...Leggi
    01/11/2014 Tutti contro il decreto “Sblocca-Italia”: le associazioni unanimi lo contestano, è anacronistico, filocementificatorio...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Il governo Monti massacra le aree marine protette: finanziamenti ridicoli per i 30 parchi marini italiani che ora rischiano la chiusura

News

Il governo Monti massacra le aree marine protette: finanziamenti ridicoli per i 30 parchi marini italiani che ora rischiano la chiusura
Fonte: Federparchi, Federazione Italiana Parchi e Riserve http://www.parks.it
Rispettate le peggiori previsioni: finanziamenti ridicoli per i 30 parchi marini italiani che ora rischiano la chiusura
(Massa Lubrense, 22 Giu 12) Dopo mesi di attesa, di speranza, di sacrifici e di proposte, le aree marine protette italiane hanno ricevuto invece il colpo di grazia definitivo. Il governo Monti, a metà anno e in piena estate, ha deciso “finalmente” il finanziamento che spetterà ai parchi marini italiani per il 2012: una miseria. Oltre il ritardo – i parchi aspettano ancora il finanziamento per l’anno in corso- anche la beffa, come nelle peggiori previsioni. Meno della metà delle già scarse risorse degli ultimi anni. Una cifra che difficilmente potrà permettere ai parchi marini italiani di sopravvivere. Il governo ha deciso di destinare alla tutela e alla valorizzazione del mare, una risorsa strategica per un paese come l’Italia, appena lo 0,0002% del Pil. E così, il sistema delle aree marine protette italiane, un fiore all’occhiello per il nostro paese e inserito nel più ampio contesto mediterraneo ed europeo, rischia ora di scomparire. La chiusura dei parchi sarebbe un ulteriore colpo di grazia alla già scarsa credibilità internazionale del nostro paese.
« Siamo alle prese con uno Stato “Orco” che ha prima deciso di costituire un sistema all’avanguardia di aree marine protette e ora ha deciso di smembrarlo- attacca Antonino Miccio, presidente nazionale dell’AIDAP (associazione italiana direttori e funzionari aree protette) e direttore dell’AMP di Punta Campanella- Così facendo il governo ha scelto e deciso di abbandonare le politiche sul mare e la sua tutela, consegnando di fatto, in alcune zone sensibili del paese, questa enorme risorsa del paese alla criminalità».
La situazione è molto seria, la crisi ha inciso sicuramente, ma i parchi e l’ambiente in generale hanno già pagato un prezzo altissimo nelle finanziarie degli ultimi anni. Basti pensare che in 10 anni i fondi per i parchi sono diminuiti del 70%. Con un mano il Ministero ha aumentato il numero delle Aree marine (dalle 17 del 2001 alle 27 di oggi) e con un’altra ha tolto le risorse indispensabili. Si è passati dagli 8,5ml del 2001 ai 3,6ml di quest’anno. Dietro queste scelte quindi non c’è solo la crisi, ma anche la miopia politica e strategica di chi non comprende che il mare, il territorio e l’ambiente sono tra le risorse più importanti del nostro paese. Risorse che hanno sempre garantito turismo, ricchezza e posti di lavoro. Ma che ora rischiano di essere irrimediabilmente devastate con danni enormi per il presente e per il futuro.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline