• 31/10/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    31/10/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    31/10/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    31/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    31/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    31/10/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    31/10/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    31/10/2014 Genova, non sono bombe d’acqua ma precipitazioni intense, i danni sono dovuti alle devastazioni territoriali precedenti...Leggi
    31/10/2014 Il decreto “Sblocca Italia” è scellerato ed antidemocratico, favorirà le perforazioni petrolifere in zone a rischio sismico...Leggi
    31/10/2014 Il PD, il partito degli inceneritori, concentrerà in Emilia la combustione dei rifiuti di tutta Italia...Leggi
    31/10/2014 Prime reazioni contrarie degli enti locali alla legge regionale lombarda che riduce la protezione forestale...Leggi
    31/10/2014 Tutti contro il decreto “Sblocca-Italia”: le associazioni unanimi lo contestano, è anacronistico, filocementificatorio...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Il nuclear express, quasi un “treno fantasma” che transita per i centri abitati, senza piani di emergenza. Scarse le informazioni sul passaggio di un treno contenente scorie nucleari dirette in Francia …

News

Il nuclear express, quasi un “treno fantasma” che transita per i centri abitati, senza piani di emergenza. Scarse le informazioni sul passaggio di un treno contenente scorie nucleari dirette in Francia …
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
Poche informazioni sul passaggio di un treno contenente scorie nucleari dirette in Francia per un trattamento che costerà 300 milioni di euro. “I sindaci devono essere informati”
Versione stampabile Stampa | Invia articolo a un amico Invia | Scrivi alla redazione Scrivi
Se tutto va bene, il treno passa e va oltre. Ma con lui, ogni volta arrivano anche le polemiche, e un po’ di paura.
Sabato è apparso sul sito della prefettura di Alessandria il “Piano di comunicazione Programma Trasporti Nucleari”. Nessuna altra informazione. Qualche notizia in più è trapelata nei giorni successivi dalla rete: sono in fase di organizzazione nuovi transiti di treni speciali contenenti scorie nucleari provenienti dai siti di Trino e Saluggia e diretti in Francia per essere sottoposti a trattamenti di “vetrificazione”.
“Da quanto ne sappiamo – tenta di spiegare il presidente della commissione Ambiente del Comune di Alessandria Claudio Lombardi – si tratta di un procedimento che ne diminuisce il volume, ma non il livello di radioattività. Semplicemente le scorie trattate potranno essere stoccate con più facilità. Ma questo pone un altro problema: il fatto che non sarà probabilmente individuato un sito nazionale per i rifiuti nucleari ma questi resteranno nei depositi di Trino, Saluggia e, probabilmente, Bosco Marengo, che non sono sicuri”. Un problema nel problema.
Il passaggio del treno non è certo una passeggiata. “Intanto, per questioni di trasparenza, riteniamo sarebbe opportuno che i sindaci e le autorità competenti vengano informate nel dettaglio sul transito dei treni, cosa che non so se sia stata fatta”. A sciogliere questo dubbio ci pensa però il comune che conferma come “tutti gli organi competenti (Prefettura, ISPRA, Agenzia Regionale Protezione Ambiente (ARPA), A.S.L. e Vigili del Fuoco) sono stati allertati, secondo i rispettivi piani di intervento”.
Non si “placa” però la polemica: “Il Piemonte ancora una volta è attraversato dai convogli che trasportano materiali radioattivi dal sito di Saluggia verso la Francia e ancora una volta questi trasporti avvengono nel mistero lasciando i cittadini all’oscuro di tutto – dicono Monica Cerutti e Fabio Lavagno di Sel – Abbiamo più volte denunciato la scorrettezza di questa modalità, che non ottempera ai principi della Legge sia nazionale che regionale, che su queste materie, prevede invece la massima informazione e partecipazione dei cittadini, che regolarmente vengono lasciati allo scuro di tutto. Si tratta di un problema che esula la semplice mancanza di informazione e si configura invece come una netta sottovalutazione del problema della sicurezza che simili trasporti mette in discussione. Nel solo triennio 2007-2010 sono stati una trentina i trasporti avvenuti con queste caratteristiche”.
Resta anche un altro dubbio: “come mai per andare in Francia il treno debba transitare da Alessandria e non può seguire la linea più diretta che da Novara porta a Torino”, si chiedevano in molti ieri durante la commissione Ambiente.
Un tentativo di mettere il treno sui binari, intanto, era già avvenuto la scorsa settimana. Ma in quel caso le autorità avevano preferito soprassedere per il timore dei manifestanti No Tav in Val Susa.
Sarebbe stato il terzo passaggio su un totale di 10 da qui a fine anno. Le barre di uranio inviate in Francia vengono “riprocessate” e torneranno in Italia entro il 2025. Il costo del processo è circa 300 milioni di euro.
Con Sel, anche Legambiente lamenta la mancanza di trasparenza da parte della autorità. Il Movimento 5 Stelle, per voce di Domenico Di Filippo, sottolineava come il trasporto debba rispettare le procedure di un protocollo ben preciso e che, piuttosto, sarebbe importante verificare perchè tutte le norme vengano applicate.
Intanto, c’è gà chi è pronto a giurare che il treno non partirà neppure oggi.
Redazione – redazione@alessandrianews.it

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline