• 17/04/2014 Fermiamo il trattato di liberalizzazione commerciale USA-UE ...Leggi
    17/04/2014 A Fukushima un incidente dietro l’altro, Di nuovo bloccato lo smaltimento dell’acqua radioattiva e sottovalutata l’esposizione radioattiva di 142 tecnici...Leggi
    17/04/2014 A rischio tossicità anche i pesci d’allevamento. Neurotossine si accumulerebbero nelle carni dei pesci a causa del riscaldamento globale...Leggi
    17/04/2014 Appennini. Piccoli paesi e borghi spopolati, qualche volta addirittura morti. Quel che sembra mancare è un progetto d’insieme...Leggi
    17/04/2014 Carenza di cibo e acqua i principali rischi del cambiamento climatico...Leggi
    17/04/2014 Il quinto report dell’Ipcc tratteggia una mappa dell’impatto che avranno i cambiamenti climatici sulle popolazioni...Leggi
    17/04/2014 In un test in Svizzera trovati residui di pesticidi nella pasta italiana, soprattutto insetticidi utilizzati nei silos per la conservazione dei cereali...Leggi
    17/04/2014 Occorre porre il vincolo di destinazione d’uso sulle ultime 10 Cascine rimaste a Peschiera Borromeo...Leggi
    17/04/2014 Onu: con una storica sentenza la Corte Internazionale di Giustizia impone al Giappone di fermare immediatamente le sue navi baleniere nelle acque antartiche...Leggi
    17/04/2014 Sentinel-1 è il primo di una famiglia di satelliti realizzati per fornire un flusso di dati all’ambizioso programma di monitoraggio ambientale europeo Copernicus...Leggi
    17/04/2014 Una petizione per chiedere al Ministero dei Beni Culturali di sottoporre un tratto di costa del lago Maggiore al regime del vincolo indiretto, per evitare avventati proge...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Il progetto infrastrutturale più importante d’Italia è l’Autostrada Orte-Cesena-Mestre: un progetto ad elevato impatto ambientale ed ingiustificato

News

Il progetto infrastrutturale più importante d’Italia è l’Autostrada Orte-Cesena-Mestre: un progetto ad elevato impatto ambientale ed ingiustificato
Fonte: Forum Nazionale Salviamo il Paesaggio http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog
Il progetto infrastrutturale più importante d’Italia è l’Autostrada Orte-Mestre. A dirlo è stato il Presidente dell’Anas, Pietro Ciucci.
Il nuovo progetto autostradale ad elevato impatto ambientale Orte-Cesena-Mestre è stato inserito dal Governo Monti fra le opere prioritarie da realizzare in project financing con gli incentivi fiscali previsti dalla legge 183/2011. Tutto questo emerge dalle linee guida all’Allegato Infrastrutture 2013-2015″.
A fronte di queste notizie, il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi e il Presidente della Provincia di Forlì-Cesena Massimo Bulbi non hanno perso tempo per sollecitare il Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Corrado Passera alla realizzazione celere di questa grande opera infrastrutturale.
A livello nazionale e locale i fautori di questa nuova autostrada sono il PD e il PDL, uniti “amorevolmente” per uno “sviluppo insostenibile” a favore della mobilità su gomma.
Il progetto prevede la realizzazione dell’autostrada Orte – Cesena – Mestre mediante il ricorso alla finanza di progetto con i privati: l’ANAS ha scelto il raggruppamento di società composto da Gefip holding legato al parlamentare europeo del PDL Vito Bonsignore, col l’appoggio del banchiere cesenate Davide Trevisani.
L’autostrada attraverserà cinque Regioni (Lazio, Umbria, Toscana, Emilia Romagna e Veneto), 11 province e 48 comuni; il tracciato prevede solo in parte la riqualificazione della E-45, si sviluppa in parallelo alla SS 309 Romea e ha numeri da brivido: 396 km di lunghezza, 139 km di ponti e viadotti, 64 km di gallerie, 20 cavalcavia, 226 sottovia, 83 svincoli.
Questa nuova autostrada provoca gravi danni ambientali a carico di importanti zone di interesse storico, paesistico, ambientale (es. Parco del delta del Po, Valli di Comacchio e Mezzano, Laguna sud, Riviera del Brenta, Parco delle Foresti Casentinesi, valli dell’Appennino centrale).
Comporta un elevato consumo di suolo, per la maggior parte libero, e il frazionamento di numerosi fondi agricoli.
Favorisce la cementificazione delle aree libere attraversate o adiacenti agli svincoli.
Privilegia ancora una volta il trasporto su gomma a scapito di quello ferroviario e marittimo, più sostenibili.
E’ inutile in quanto i flussi di traffico attuali e futuri che interessano la SS 309 Romea e la E-45 non giustificano in alcun modo la costruzione di un’altra autostrada che diventerebbe di fatto un doppione della A-1 e della A-14/A-13.
E’ un enorme spreco di denaro pubblico: con 10 miliardi di euro (di cui 1,4 miliardi pubblici e 8,6 miliardi anticipati dai privati della lobby legata a Vito Bonsignore, europarlamentare del PDL, con sponsor politici del PD) l’Autostrada Orte-Mestre è l’opera in assoluto più costosa. Meno della metà dei soldi destinati alla Mestre-Orte sarebbero sufficienti per sanare il dissesto idrogeologico dell’intero Paese.
Gli ecologisti propongono alternative credibili, meno costose, meno impattanti e facilmente realizzabili, come la messa in sicurezza della SS 309 Romea e della E-45, e il potenziamento del trasporto ferroviario.
Romea Il progetto di autostrada Orte-Mestre non prevede alcun intervento per la messa in sicurezza della SS 309 Romea, una delle strade più pericolose d’Italia. Il rifacimento del manto stradale, la predisposizione di corsie di emergenza, di piazzole di sosta, il miglioramento della segnaletica, la eliminazione degli incroci a raso, sono interventi possibili in 2-3 anni e con spese molto contenute.
Messa in sicurezza della E-45: anche questa arteria, vecchia e pericolosa, e perennemente cantierizzata, richiede interventi definitivi di riqualificazione, senza la sua trasformazione in autostrada. Il progetto di ANAS prevede per questo tratto delle varianti estremamente impattanti, soprattutto in corrispondenza del nodo di Perugia; inoltre il potenziamento di questa arteria costituirà un potente attrattore di traffico con gravi ripercussioni ambientali per le valli dell’Appennino centrale.
Potenziamento del trasporto ferroviario: la ferrovia costituisce una valida alternativa alla gomma, sia per il trasporto delle merci che dei passeggeri. In alcuni casi, gli stesi enti che promuovono la Orte-Mestre, finanziano allo stesso tempo progetti per lo sviluppo o il potenziamento di tratte ferroviarie lungo la medesima direttrice (es. collegamento Venezia-Chioggia, riapertura della linea Civitavecchia-Orte).
Verdi di Cesena per la Costituente Ecologista

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline