• 21/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    21/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    21/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    21/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    21/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    21/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    21/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    21/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    21/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    21/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    21/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    21/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    21/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Il raddoppio dei tunnel stradali rischia di portare in un vicolo cieco. Verso la fine dell’estate il trasporto ferroviario attraverso le Alpi sarà seriamente compromesso …

News

Il raddoppio dei tunnel stradali rischia di portare in un vicolo cieco. Verso la fine dell’estate il trasporto ferroviario attraverso le Alpi sarà seriamente compromesso …
Fonte: CIPRA/AlpMedia, Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi http://www.cipra.org/it
Caos dei trasporti nelle Alpi: nel corso dell’estate saranno chiuse le principali linee del trasporto ferroviario. Le compagnie di trasporto chiedono perciò la costruzione di nuovi tunnel stradali. La soluzione del problema dei trasporti va però in un’altra direzione. Questa è la posizione delle regioni alpine.
Verso la fine dell’estate il trasporto ferroviario attraverso le Alpi sarà seriamente compromesso, se non addirittura bloccato, poiché verranno chiuse le principali linee per il trasporto merci: la tratta Lötschberg-Sempione sarà chiusa per lavori nei pressi di Domodossola da metà agosto a settembre. Anche al Brennero sono in corsi lavori di manutenzione. La linea sarà chiusa per 50 giorni, durante i quali l’autostrada viaggiante sarà sospesa. E anche attraverso il Gottardo, il più importante asse di transito attraverso le Alpi svizzere, si prevede che fino all’inizio di luglio non transiterà più neppure un treno merci. La causa è di nuovo la caduta di una frana, che questa volta ha interessato anche l’autostrada.
Il Canton Ticino e l’Associazione svizzera dei trasportatori stradali (Astag) hanno colto l’occasione per chiedere di nuovo il raddoppio del tunnel autostradale del Gottardo. Contemporaneamente, in modo del tutto casuale, il Comitato internazionale per la sicurezza dei tunnel tra Italia e Francia ha annunciato la possibile apertura della galleria di emergenza del Frejus alla regolare circolazione dei veicoli. Un progetto in tal senso è in corso di elaborazione. Dopo cinque anni di lavori, il Frejus vedrebbe aumentare la sua competitività con il tunnel del Monte Bianco. Ciò significherebbe, mettono in guardia gli ambientalisti, che attraverso la Savoia potrebbero transitare 600.00 Tir in più all’anno.
Tuttavia, il tanto invocato argomento secondo cui il raddoppio del tunnel aumenterebbe la sicurezza degli automobilisti viene negato, almeno per quanto riguarda il Gottardo, da un recente studio pubblicato dall’Ufficio svizzero prevenzione infortuni: “è sufficiente che il raddoppio produca un aumento del traffico del 3%, pari a 500 veicoli al giorno, per annullare completamente l’aumento della sicurezza della seconda galleria”. Le regioni alpine interessate dal traffico di transito vedono la questione con un’impostazione completamente diversa. Esse hanno scelto di adottare un’attiva e ambiziosa politica di ridistribuzione: la risoluzione approvata a Lione il 31 maggio sostiene che il trasporto ferroviario deve diventare più appetibile ed efficiente. Si richiede inoltre l’introduzione della borsa dei transiti alpini o di un analogo sistema di scambio delle quote di emissione. Ciò consentirebbe, ad esempio, di dimezzare i transiti attraverso il Brennero entro il 2030. Attualmente sull’autostrada transitano due milioni di veicoli pesanti all’anno.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline