• 30/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    30/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    30/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    30/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    30/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    30/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    30/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    30/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    30/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    30/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    30/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    30/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    30/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    30/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    30/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    30/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    30/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    30/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    30/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    30/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    30/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    30/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Il raddoppio dei tunnel stradali rischia di portare in un vicolo cieco. Verso la fine dell’estate il trasporto ferroviario attraverso le Alpi sarà seriamente compromesso …

News

Il raddoppio dei tunnel stradali rischia di portare in un vicolo cieco. Verso la fine dell’estate il trasporto ferroviario attraverso le Alpi sarà seriamente compromesso …
Fonte: CIPRA/AlpMedia, Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi http://www.cipra.org/it
Caos dei trasporti nelle Alpi: nel corso dell’estate saranno chiuse le principali linee del trasporto ferroviario. Le compagnie di trasporto chiedono perciò la costruzione di nuovi tunnel stradali. La soluzione del problema dei trasporti va però in un’altra direzione. Questa è la posizione delle regioni alpine.
Verso la fine dell’estate il trasporto ferroviario attraverso le Alpi sarà seriamente compromesso, se non addirittura bloccato, poiché verranno chiuse le principali linee per il trasporto merci: la tratta Lötschberg-Sempione sarà chiusa per lavori nei pressi di Domodossola da metà agosto a settembre. Anche al Brennero sono in corsi lavori di manutenzione. La linea sarà chiusa per 50 giorni, durante i quali l’autostrada viaggiante sarà sospesa. E anche attraverso il Gottardo, il più importante asse di transito attraverso le Alpi svizzere, si prevede che fino all’inizio di luglio non transiterà più neppure un treno merci. La causa è di nuovo la caduta di una frana, che questa volta ha interessato anche l’autostrada.
Il Canton Ticino e l’Associazione svizzera dei trasportatori stradali (Astag) hanno colto l’occasione per chiedere di nuovo il raddoppio del tunnel autostradale del Gottardo. Contemporaneamente, in modo del tutto casuale, il Comitato internazionale per la sicurezza dei tunnel tra Italia e Francia ha annunciato la possibile apertura della galleria di emergenza del Frejus alla regolare circolazione dei veicoli. Un progetto in tal senso è in corso di elaborazione. Dopo cinque anni di lavori, il Frejus vedrebbe aumentare la sua competitività con il tunnel del Monte Bianco. Ciò significherebbe, mettono in guardia gli ambientalisti, che attraverso la Savoia potrebbero transitare 600.00 Tir in più all’anno.
Tuttavia, il tanto invocato argomento secondo cui il raddoppio del tunnel aumenterebbe la sicurezza degli automobilisti viene negato, almeno per quanto riguarda il Gottardo, da un recente studio pubblicato dall’Ufficio svizzero prevenzione infortuni: “è sufficiente che il raddoppio produca un aumento del traffico del 3%, pari a 500 veicoli al giorno, per annullare completamente l’aumento della sicurezza della seconda galleria”. Le regioni alpine interessate dal traffico di transito vedono la questione con un’impostazione completamente diversa. Esse hanno scelto di adottare un’attiva e ambiziosa politica di ridistribuzione: la risoluzione approvata a Lione il 31 maggio sostiene che il trasporto ferroviario deve diventare più appetibile ed efficiente. Si richiede inoltre l’introduzione della borsa dei transiti alpini o di un analogo sistema di scambio delle quote di emissione. Ciò consentirebbe, ad esempio, di dimezzare i transiti attraverso il Brennero entro il 2030. Attualmente sull’autostrada transitano due milioni di veicoli pesanti all’anno.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline