• 23/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    23/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    23/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    23/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    23/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    23/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    23/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    23/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    23/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    23/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    23/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    23/04/2014 Appello per salvaguardare le aree naturali protette italiane dalle insidie legislative in corso d’opera...Leggi
    23/04/2014 Pedemontana Lombarda, un’autostrada dentro casa: fermiamola!...Leggi
    23/04/2014 Taglio indiscriminato, potature selvagge e incuria: da tutta Italia giungono numerose segnalazioni di attacco al patrimonio arboreo. Scarsa attenzione, ignoranza o malafe...Leggi
    23/04/2014 Una malattia ancora misteriosa colpisce i tagliatori di canna da zucchero in centro america, mietendo decine di migliaia di vittime...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Il torrente Ossona (AL) nel suo breve percorso emette miasmi insopportabili, soprattutto d’estate. Da oltre trent’anni nessun intervento efficace

News

Il torrente Ossona (AL) nel suo breve percorso emette miasmi insopportabili, soprattutto d’estate. Da oltre trent’anni nessun intervento efficace
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
L’Ossona e le rogge collegate emettono miasmi insopportabili, soprattuto nei mesi estivi, con grave disagio per i residenti del quartiere San Bernardino. i ricordi e le proposte di Progetto Ambiente
L’Ossona e le rogge collegate emettono miasmi insopportabili, soprattuto nei mesi estivi, con grave disagio per i residenti del quartiere San Bernardino. Paradossale come un quartiere riqualificato dal punto di vista urbanistico non venga altrettanto curato sotto il profilo ambientale: l’Ossona potrebbe costituire persino un’opportunità ambientale, perchè ospita flora e fauna particolari. Così ricorda Danilo Bottiroli, di Progetto Ambiente: “Erano gli anni Settanta, gli anni dell’alluvione che aveva devastato il quartiere, gli anni in cui San Bernardino era “Il Brasile”, quasi zona “straniera” della stessa città oltre alla quale c’erano, da una parte, “il lago” e i campi di strada Viola dove dormivano braccianti stagionali provenienti da tutta la provincia e dall’altra parte il niente dello stradone per Genova. Sono passati più di trent’anni da quando i tortonesi più veraci sfottevano con sana goliardìa i tumulti odorosi o impetuosi dell’Ossona, che erano stati anche fatto oggetto di una canzone del Canzoniere Popolare Tortonese, e da allora sono cambiate parecchie cose: San Bernardino è diventata una zona residenziale talvolta di lusso; è sorto addirittura un intero quartiere, direi più o meno proprio al posto del “lago”; Tortona è diventata, se non di fatto almeno di nome, una città turistica e i pellegrinaggi al Santuario della Madonna della Guardia sono sempre più frequenti”. Ma i miasmi restano.
Cos’è stato fatto in trent’anni per risolvere il problema dei miasmi dell’Ossona?
“Io ricordo che l’associazione Progetto Ambiente, anni or sono, aveva chiesto le analisi delle acque del torrente e gli era stato risposto che dal punto di vista chimico-fisico le acque non presentavano problemi. Ma sono state effettuate solo quelle chimico-fisiche e non quelle batteriologici”, commenta Danilo Bottiroli di Progetto Ambiente: “Si è parlato, sempre in questi trent’anni, di progetti costosi ed assurdi come la copertura del torrente: un intervento che alla fine trasforma un ambiente naturale in una fogna intubata, magari legittimata ad accogliere qualsiasi scarico. Poi, da un po’ di tempo a questa parte, dell’Ossona non s’è più parlato, almeno così mi pare e sembra che l’unico problema del torrente, oggi, siano le nutrie e i cinghiali”. Tra gli spunti offerti dagli ambientalisti, l’occasione di dare a Tortona ed al quartiere di San Bernardino una risorsa in più, tornando a monitorare gli scarichi; obbligando all’allacciamento alla rete fognaria; effettuando verifiche a monte dell’Ossona e fino a Vho della situazione del corso d’acqua e degli impianti che su di essa insistono; valorizzando le peculiarità naturalistiche del torrente. Stefano Brocchetti – redazione@tortonaonline.net

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline