• 25/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    25/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    25/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    25/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    25/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    25/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    25/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    25/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    25/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    25/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    25/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    25/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    25/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    25/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    25/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    25/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    25/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    25/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    25/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    25/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    25/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    25/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Il torrente Ossona (AL) nel suo breve percorso emette miasmi insopportabili, soprattutto d’estate. Da oltre trent’anni nessun intervento efficace

News

Il torrente Ossona (AL) nel suo breve percorso emette miasmi insopportabili, soprattutto d’estate. Da oltre trent’anni nessun intervento efficace
Fonte: Alessandria News http://www.alessandrianews.it
L’Ossona e le rogge collegate emettono miasmi insopportabili, soprattuto nei mesi estivi, con grave disagio per i residenti del quartiere San Bernardino. i ricordi e le proposte di Progetto Ambiente
L’Ossona e le rogge collegate emettono miasmi insopportabili, soprattuto nei mesi estivi, con grave disagio per i residenti del quartiere San Bernardino. Paradossale come un quartiere riqualificato dal punto di vista urbanistico non venga altrettanto curato sotto il profilo ambientale: l’Ossona potrebbe costituire persino un’opportunità ambientale, perchè ospita flora e fauna particolari. Così ricorda Danilo Bottiroli, di Progetto Ambiente: “Erano gli anni Settanta, gli anni dell’alluvione che aveva devastato il quartiere, gli anni in cui San Bernardino era “Il Brasile”, quasi zona “straniera” della stessa città oltre alla quale c’erano, da una parte, “il lago” e i campi di strada Viola dove dormivano braccianti stagionali provenienti da tutta la provincia e dall’altra parte il niente dello stradone per Genova. Sono passati più di trent’anni da quando i tortonesi più veraci sfottevano con sana goliardìa i tumulti odorosi o impetuosi dell’Ossona, che erano stati anche fatto oggetto di una canzone del Canzoniere Popolare Tortonese, e da allora sono cambiate parecchie cose: San Bernardino è diventata una zona residenziale talvolta di lusso; è sorto addirittura un intero quartiere, direi più o meno proprio al posto del “lago”; Tortona è diventata, se non di fatto almeno di nome, una città turistica e i pellegrinaggi al Santuario della Madonna della Guardia sono sempre più frequenti”. Ma i miasmi restano.
Cos’è stato fatto in trent’anni per risolvere il problema dei miasmi dell’Ossona?
“Io ricordo che l’associazione Progetto Ambiente, anni or sono, aveva chiesto le analisi delle acque del torrente e gli era stato risposto che dal punto di vista chimico-fisico le acque non presentavano problemi. Ma sono state effettuate solo quelle chimico-fisiche e non quelle batteriologici”, commenta Danilo Bottiroli di Progetto Ambiente: “Si è parlato, sempre in questi trent’anni, di progetti costosi ed assurdi come la copertura del torrente: un intervento che alla fine trasforma un ambiente naturale in una fogna intubata, magari legittimata ad accogliere qualsiasi scarico. Poi, da un po’ di tempo a questa parte, dell’Ossona non s’è più parlato, almeno così mi pare e sembra che l’unico problema del torrente, oggi, siano le nutrie e i cinghiali”. Tra gli spunti offerti dagli ambientalisti, l’occasione di dare a Tortona ed al quartiere di San Bernardino una risorsa in più, tornando a monitorare gli scarichi; obbligando all’allacciamento alla rete fognaria; effettuando verifiche a monte dell’Ossona e fino a Vho della situazione del corso d’acqua e degli impianti che su di essa insistono; valorizzando le peculiarità naturalistiche del torrente. Stefano Brocchetti – redazione@tortonaonline.net

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline