• 30/09/2014 Al via la “Festa del Po delle Colline” – Verrua Savoia (TO)...Leggi
    30/09/2014 Drastica diminuzione della produzione di miele ed api sempre più minacciate di estinzione...Leggi
    30/09/2014 Fiat Lux, almeno sull’ora legale. non serve a nulla se non a creare disagi ai cittadini...Leggi
    30/09/2014 Inquinamento elettromagnetico, qualche proposta...Leggi
    30/09/2014 Programma Copernicus per fornire all’Europa la gestione dei dati sullo stato di salute del pianeta...Leggi
    30/09/2014 Pubblichiamo il resoconto dell’assemblea nazionale di Salviamo il Paesaggio svoltasi a Roma...Leggi
    30/09/2014 Sanzioni pecuniarie pesanti dal prossimo luglio per chi getta a terra mozziconi e gomme masticate...Leggi
    30/09/2014 Tra pochi anni il 70% della popolazione mondiale sarà urbana e si dovrà coltivare il cibo in città …...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

La Corte Costituzionale definisce incostituzionale una legge regionale del Piemonte. I prelievi venatori non possono danneggiare l’ecosistema

News

La Corte Costituzionale definisce incostituzionale una legge regionale del Piemonte. I prelievi venatori non possono danneggiare l’ecosistema
Fonte: Greenreport http://www.greenreport.it
Le deroghe adottate dalle Regioni al generale divieto di prelievo venatorio, non possono comportare la riduzione del livello di tutela apprestato all’ambiente e all’ecosistema dalle norme previste dal legislatore nazionale. Lo ricorda la Corte Costituzionale – con sentenza dello scorso mese – che ha dichiarato incostituzionale la legge del Piemonte nella parte in cui ha previsto l’approvazione del piano di cattura dei richiami vivi per la stagione venatoria 2011/2012.
Secondo il Presidente del Consiglio dei ministri la legge consentirebbe la cattura dei richiami vivi utilizzando strumenti espressamente vietati sia da trattati internazionali (a cui lo Stato italiano ha aderito), sia dalla normativa dell’Unione europea. E inoltre la legge sarebbe stata adottata in assenza dei presupposti che, in base alla normativa comunitaria, legittimano le deroghe al divieto di prelievo venatorio.
Nella giurisprudenza della Corte Costituzionale è costante il rilievo che le deroghe adottate dalle Regioni al divieto di prelievo venatorio non possano determinare la diminuzione di tutela della fauna previsto dalla norma statale. Le Regioni, nell’esercizio delle loro competenze, devono rispettare la normativa statale di tutela dell’ambiente, ma possono stabilire, per il raggiungimento dei fini propri delle loro competenze (in materia di tutela della salute, di governo del territorio, di valorizzazione dei beni ambientali, ecc…), livelli di tutela più elevati, con ciò certamente incidendo sul bene materiale ambiente, ma non al fine di tutelarlo in via diretta.
Dunque, disciplinare attraverso lo strumento legislativo il piano di cattura dei richiami vivi per la stagione venatoria 2011/2012 può comportare (così come avvenuto in Piemonte), l’impossibilità di ricorrere allo strumento di reazione avverso i provvedimenti regionali derogatori al divieto di prelievo venatorio ritenuti viziato (costituito dal potere di annullamento previsto espressamente dal comma 4 dell’art. 19-bis della legge n. 157 del 1992). Poiché l’attribuzione di tale potere è finalizzata a garantire un’uniforme e adeguata protezione della fauna selvatica su tutto il territorio nazionale è evidente che l’inibizione di tale potere – determinando la violazione di un livello minimo di tutela della fauna – si traduce – secondo la costante giurisprudenza della Corte – nella violazione della competenza esclusiva statale prevista dalla Carta costituzionale (art. 117, secondo comma, lettera s), Costituzione).

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline