• 23/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    23/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    23/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    23/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    23/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    23/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    23/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    23/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    23/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    23/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    23/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    23/04/2014 Appello per salvaguardare le aree naturali protette italiane dalle insidie legislative in corso d’opera...Leggi
    23/04/2014 Pedemontana Lombarda, un’autostrada dentro casa: fermiamola!...Leggi
    23/04/2014 Taglio indiscriminato, potature selvagge e incuria: da tutta Italia giungono numerose segnalazioni di attacco al patrimonio arboreo. Scarsa attenzione, ignoranza o malafe...Leggi
    23/04/2014 Una malattia ancora misteriosa colpisce i tagliatori di canna da zucchero in centro america, mietendo decine di migliaia di vittime...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

La Corte Costituzionale definisce incostituzionale una legge regionale del Piemonte. I prelievi venatori non possono danneggiare l’ecosistema

News

La Corte Costituzionale definisce incostituzionale una legge regionale del Piemonte. I prelievi venatori non possono danneggiare l’ecosistema
Fonte: Greenreport http://www.greenreport.it
Le deroghe adottate dalle Regioni al generale divieto di prelievo venatorio, non possono comportare la riduzione del livello di tutela apprestato all’ambiente e all’ecosistema dalle norme previste dal legislatore nazionale. Lo ricorda la Corte Costituzionale – con sentenza dello scorso mese – che ha dichiarato incostituzionale la legge del Piemonte nella parte in cui ha previsto l’approvazione del piano di cattura dei richiami vivi per la stagione venatoria 2011/2012.
Secondo il Presidente del Consiglio dei ministri la legge consentirebbe la cattura dei richiami vivi utilizzando strumenti espressamente vietati sia da trattati internazionali (a cui lo Stato italiano ha aderito), sia dalla normativa dell’Unione europea. E inoltre la legge sarebbe stata adottata in assenza dei presupposti che, in base alla normativa comunitaria, legittimano le deroghe al divieto di prelievo venatorio.
Nella giurisprudenza della Corte Costituzionale è costante il rilievo che le deroghe adottate dalle Regioni al divieto di prelievo venatorio non possano determinare la diminuzione di tutela della fauna previsto dalla norma statale. Le Regioni, nell’esercizio delle loro competenze, devono rispettare la normativa statale di tutela dell’ambiente, ma possono stabilire, per il raggiungimento dei fini propri delle loro competenze (in materia di tutela della salute, di governo del territorio, di valorizzazione dei beni ambientali, ecc…), livelli di tutela più elevati, con ciò certamente incidendo sul bene materiale ambiente, ma non al fine di tutelarlo in via diretta.
Dunque, disciplinare attraverso lo strumento legislativo il piano di cattura dei richiami vivi per la stagione venatoria 2011/2012 può comportare (così come avvenuto in Piemonte), l’impossibilità di ricorrere allo strumento di reazione avverso i provvedimenti regionali derogatori al divieto di prelievo venatorio ritenuti viziato (costituito dal potere di annullamento previsto espressamente dal comma 4 dell’art. 19-bis della legge n. 157 del 1992). Poiché l’attribuzione di tale potere è finalizzata a garantire un’uniforme e adeguata protezione della fauna selvatica su tutto il territorio nazionale è evidente che l’inibizione di tale potere – determinando la violazione di un livello minimo di tutela della fauna – si traduce – secondo la costante giurisprudenza della Corte – nella violazione della competenza esclusiva statale prevista dalla Carta costituzionale (art. 117, secondo comma, lettera s), Costituzione).

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline