• 31/10/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    31/10/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    31/10/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    31/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    31/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    31/10/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    31/10/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    31/10/2014 Genova, non sono bombe d’acqua ma precipitazioni intense, i danni sono dovuti alle devastazioni territoriali precedenti...Leggi
    31/10/2014 Il decreto “Sblocca Italia” è scellerato ed antidemocratico, favorirà le perforazioni petrolifere in zone a rischio sismico...Leggi
    31/10/2014 Il PD, il partito degli inceneritori, concentrerà in Emilia la combustione dei rifiuti di tutta Italia...Leggi
    31/10/2014 Prime reazioni contrarie degli enti locali alla legge regionale lombarda che riduce la protezione forestale...Leggi
    31/10/2014 Tutti contro il decreto “Sblocca-Italia”: le associazioni unanimi lo contestano, è anacronistico, filocementificatorio...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

La spugna nanotech made in Italy che assorbe il petrolio dall’acqua. È l’ultima scoperta dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT)

News

La spugna nanotech made in Italy che assorbe il petrolio dall’acqua. È l’ultima scoperta dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT)
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
Di Silvana Santo
Una spugna nanotech in grado di assorbire gli oli e decontaminare l’acqua inquinata. È l’ultima scoperta dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), che apre nuovi scenari nella gestione di incidenti petroliferi e altri episodi di sversamento in mare (o nei fiumi) di idrocarburi e sostanze oleose in generale.
L’innovativo materiale spugnoso, che può essere manovrato sfruttando l’azione di campi magnetici, è stato descritto dalla prestigiosa rivista dell’American Chemical Society ACSNano in un articolo intitolato “Magnetically driven floating foams for the removal of oil contaminants from water”. Si tratta di un sistema che impiega materiali economici come la schiuma di poliuretano, un polimero che viene già utilizzato in numerosi processi industriali, come la produzione di isolanti termici o di imballaggi.
In questo caso, però, la schiuma di poliuretano è stata trattata con nanoparticelle di ossido di ferro e di Teflon (il nome commerciale del politetrafluoroetilene). È proprio l’impiego delle nanotecnologie a conferire alla spugna proprietà magnetiche, superidrofobiche e superoleofile, che le consentono da una parte di essere “manovrata” sfruttando dei campi magnetici e, dall’altra, in caso di marea nera o altri fenomeni di contaminazione, di separare gli oli dall’acqua, assorbendoli e permettendone la rimozione.
Il materiale, fanno sapere i ricercatori che lo hanno messo a punto, è in grado di trattenere una quantità di sostanza oleosa fino a tredici volte il suo peso. L’invenzione si deve alla equipe di studiosi Smart Materials, coordinata da Athanassia Athanassiou e Despina Fragouli, al Center for Biomolecular Nanotechnologies (CBN) dell’Istituto Italiano di Tecnologia a Lecce.
Fonte: American Chemical Society ACSNano

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline