• 21/08/2014 Appello per i parchi regionali del Piemonte ...Leggi
    21/08/2014 Lombardia sempre peggio: oltre al cemento arriva la legge “Ammazzaforeste” ...Leggi
    21/08/2014 5 nni dopo il grande incendio boschivo che ha devastato la Sardegna al processo non siamo neppure ......Leggi
    21/08/2014 Il CFS rischia di essere smembrato, sarebbero ben altri gli enti inutili su cui intervenire …...Leggi
    21/08/2014 In difesa dei Giardini Reali di Torino: NO al parcheggio sotterraneo!...Leggi
    21/08/2014 L’ Università di Siena, in collaborazione con la Marina Militare, analizzerà le foci del Tevere e dell’Arno ......Leggi
    21/08/2014 Sintesi dell’Annuario dei dati ambientali e del Rapporto Rifiuti dell’Ispra...Leggi
    21/08/2014 Terzo Valico. Si è conclusa la mattinata di tensione tra manifestanti No Tav e forze dell’ordine...Leggi
    21/08/2014 «No allo smembramento del Corpo Forestale dello Stato». Lettera delle associazioni a Parlamento e Governo...Leggi
    21/08/2014 Certe epidemie sono dovute ad eventi casuali e non a mutazioni genetiche o particolare virulenza...Leggi
    21/08/2014 La quantità di mercurio negli oceani è triplicato durante l’era industriale...Leggi
    21/08/2014 Polveri sottili che innescano Malattie, nanopatologie, scie chimiche, trattamento dei rifiuti, uranio impoverito… ...Leggi
    21/08/2014 Sabato 20 settembre a Roma l’assemblea nazionale del Forum Salviamo il Paesaggio...Leggi
    21/08/2014 Si stima che ogni secolo e mezzo una potente tempesta solare potrebbe colpire la terra, stavolta con gravi danni...Leggi
    21/08/2014 Sono in commercio le tegole antismog...Leggi
    21/08/2014 Un’idea dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics per scoprire forme di vita aliene ......Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

La spugna nanotech made in Italy che assorbe il petrolio dall’acqua. È l’ultima scoperta dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT)

News

La spugna nanotech made in Italy che assorbe il petrolio dall’acqua. È l’ultima scoperta dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT)
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
Di Silvana Santo
Una spugna nanotech in grado di assorbire gli oli e decontaminare l’acqua inquinata. È l’ultima scoperta dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), che apre nuovi scenari nella gestione di incidenti petroliferi e altri episodi di sversamento in mare (o nei fiumi) di idrocarburi e sostanze oleose in generale.
L’innovativo materiale spugnoso, che può essere manovrato sfruttando l’azione di campi magnetici, è stato descritto dalla prestigiosa rivista dell’American Chemical Society ACSNano in un articolo intitolato “Magnetically driven floating foams for the removal of oil contaminants from water”. Si tratta di un sistema che impiega materiali economici come la schiuma di poliuretano, un polimero che viene già utilizzato in numerosi processi industriali, come la produzione di isolanti termici o di imballaggi.
In questo caso, però, la schiuma di poliuretano è stata trattata con nanoparticelle di ossido di ferro e di Teflon (il nome commerciale del politetrafluoroetilene). È proprio l’impiego delle nanotecnologie a conferire alla spugna proprietà magnetiche, superidrofobiche e superoleofile, che le consentono da una parte di essere “manovrata” sfruttando dei campi magnetici e, dall’altra, in caso di marea nera o altri fenomeni di contaminazione, di separare gli oli dall’acqua, assorbendoli e permettendone la rimozione.
Il materiale, fanno sapere i ricercatori che lo hanno messo a punto, è in grado di trattenere una quantità di sostanza oleosa fino a tredici volte il suo peso. L’invenzione si deve alla equipe di studiosi Smart Materials, coordinata da Athanassia Athanassiou e Despina Fragouli, al Center for Biomolecular Nanotechnologies (CBN) dell’Istituto Italiano di Tecnologia a Lecce.
Fonte: American Chemical Society ACSNano

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline