• 16/04/2014 Fermiamo il trattato di liberalizzazione commerciale USA-UE ...Leggi
    16/04/2014 A Fukushima un incidente dietro l’altro, Di nuovo bloccato lo smaltimento dell’acqua radioattiva e sottovalutata l’esposizione radioattiva di 142 tecnici...Leggi
    16/04/2014 A rischio tossicità anche i pesci d’allevamento. Neurotossine si accumulerebbero nelle carni dei pesci a causa del riscaldamento globale...Leggi
    16/04/2014 Appennini. Piccoli paesi e borghi spopolati, qualche volta addirittura morti. Quel che sembra mancare è un progetto d’insieme...Leggi
    16/04/2014 Carenza di cibo e acqua i principali rischi del cambiamento climatico...Leggi
    16/04/2014 Il quinto report dell’Ipcc tratteggia una mappa dell’impatto che avranno i cambiamenti climatici sulle popolazioni...Leggi
    16/04/2014 In un test in Svizzera trovati residui di pesticidi nella pasta italiana, soprattutto insetticidi utilizzati nei silos per la conservazione dei cereali...Leggi
    16/04/2014 Occorre porre il vincolo di destinazione d’uso sulle ultime 10 Cascine rimaste a Peschiera Borromeo...Leggi
    16/04/2014 Onu: con una storica sentenza la Corte Internazionale di Giustizia impone al Giappone di fermare immediatamente le sue navi baleniere nelle acque antartiche...Leggi
    16/04/2014 Sentinel-1 è il primo di una famiglia di satelliti realizzati per fornire un flusso di dati all’ambizioso programma di monitoraggio ambientale europeo Copernicus...Leggi
    16/04/2014 Una petizione per chiedere al Ministero dei Beni Culturali di sottoporre un tratto di costa del lago Maggiore al regime del vincolo indiretto, per evitare avventati proge...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

La spugna nanotech made in Italy che assorbe il petrolio dall’acqua. È l’ultima scoperta dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT)

News

La spugna nanotech made in Italy che assorbe il petrolio dall’acqua. È l’ultima scoperta dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT)
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
Di Silvana Santo
Una spugna nanotech in grado di assorbire gli oli e decontaminare l’acqua inquinata. È l’ultima scoperta dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), che apre nuovi scenari nella gestione di incidenti petroliferi e altri episodi di sversamento in mare (o nei fiumi) di idrocarburi e sostanze oleose in generale.
L’innovativo materiale spugnoso, che può essere manovrato sfruttando l’azione di campi magnetici, è stato descritto dalla prestigiosa rivista dell’American Chemical Society ACSNano in un articolo intitolato “Magnetically driven floating foams for the removal of oil contaminants from water”. Si tratta di un sistema che impiega materiali economici come la schiuma di poliuretano, un polimero che viene già utilizzato in numerosi processi industriali, come la produzione di isolanti termici o di imballaggi.
In questo caso, però, la schiuma di poliuretano è stata trattata con nanoparticelle di ossido di ferro e di Teflon (il nome commerciale del politetrafluoroetilene). È proprio l’impiego delle nanotecnologie a conferire alla spugna proprietà magnetiche, superidrofobiche e superoleofile, che le consentono da una parte di essere “manovrata” sfruttando dei campi magnetici e, dall’altra, in caso di marea nera o altri fenomeni di contaminazione, di separare gli oli dall’acqua, assorbendoli e permettendone la rimozione.
Il materiale, fanno sapere i ricercatori che lo hanno messo a punto, è in grado di trattenere una quantità di sostanza oleosa fino a tredici volte il suo peso. L’invenzione si deve alla equipe di studiosi Smart Materials, coordinata da Athanassia Athanassiou e Despina Fragouli, al Center for Biomolecular Nanotechnologies (CBN) dell’Istituto Italiano di Tecnologia a Lecce.
Fonte: American Chemical Society ACSNano

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline