• 24/11/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    24/11/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    24/11/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    24/11/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    24/11/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    24/11/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    24/11/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    24/11/2014 Genova, non sono bombe d’acqua ma precipitazioni intense, i danni sono dovuti alle devastazioni territoriali precedenti...Leggi
    24/11/2014 Il decreto “Sblocca Italia” è scellerato ed antidemocratico, favorirà le perforazioni petrolifere in zone a rischio sismico...Leggi
    24/11/2014 Il PD, il partito degli inceneritori, concentrerà in Emilia la combustione dei rifiuti di tutta Italia...Leggi
    24/11/2014 Prime reazioni contrarie degli enti locali alla legge regionale lombarda che riduce la protezione forestale...Leggi
    24/11/2014 Tutti contro il decreto “Sblocca-Italia”: le associazioni unanimi lo contestano, è anacronistico, filocementificatorio...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

L’agricoltura lariana boccheggia sotto il caldo e la siccità, le contromisure adottate faranno lievitare i costi d’esercizio … Il Lago di Como insieme al Maggiore, Iseo e Garda è ampiamente al di sotto della media stagionale.

News

L’agricoltura lariana boccheggia sotto il caldo e la siccità, le contromisure adottate faranno lievitare i costi d’esercizio … Il Lago di Como insieme al Maggiore, Iseo e Garda è ampiamente al di sotto della media stagionale.
Fonte: InfoInsubria http://www.infoinsubria.com
Allarme siccità a Como e a Lecco
L’agricoltura lariana boccheggia sotto il caldo e la siccità, mentre il Lago di Como è quello che più soffre, con un calo di livello di quasi mezzo metro in appena quindici giorni. Sono molto preoccupati gli agricoltori delle province di Como e Lecco.
Ad essere colpiti sono, prima di tutto, il settore zootecnico e cerealicolo: Le mucche producono meno latte e il calo è vistoso, anche del 15% – 20% in meno, dice il presidente di Coldiretti Como-Lecco, Fortunato Trezzi. “Per i bovini il clima ideale è fra i 22 e i 24 gradi, oltre i questo limite gli animali mangiano poco, bevono molto e, di conseguenza, dalla mungitura si ottiene meno latte.”
In diverse stalle sono scattate le contromisure con l’accensione di ventilatori e doccette rinfrescandi, e con l’utilizzo di integratori specifici a base di sali di potassio nell’alimentazione preparata dagli allevatori: accorgimenti che fanno però aumentare esponenzialmente i costi per le imprese, come anche il forte incremento dei costi delle farine, in particolare quelle di soia.
Ma l’afa e le temperature – informa l’associazione dei coltivatori – hanno tolto l’appetito anche ai maiali che stanno consumando fino al 40% in meno della consueta razione giornaliera di 3,5 chili di mangime e con un conseguente, sostanziale calo dell’accrescimento. Il caldo ha pesanti effetti anche sulle galline, che producono meno uova, e sulle api che non riescono a prendere il polline e il nettare mettendo a rischio la produzione di miele.
Anche per la cerealicoltura, dati alla mano, il presidente Trezzi traccia un quadro tutt’altro che rassicurante della situazione: “La stagione è iniziata male già nel mese di marzo, con semine complicate dall’aridità dei terreni, di difficile aratura: le stime di una contrazione dei raccolti fatte in quei mesi, che indicavano una contrazione del 30%, ora potrebbero essere riviste con un ulteriore ribasso”.
Come mai una ragione bagnata da un grande lago come il Lario debbe affrontare questi problemi lo spiega il direttore interprovinciale dell’organizzazione agricola, Francesco Renzoni, che non esita a puntare il dito contro “il problema di un’insufficiente programmazione delle risorse idriche comune a tutto il nord Italia, che in un territorio come il nostro deve tener conto dei rapporti transfrontalieri con la vicina Svizzera. In pratica, nei decenni scorsi le province altolombarde non si sono dotate di un sistema adeguato di invasi in grado di sopperire a situazioni di annate siccitose che pure, negli ultimi anni, si sono susseguite con una frequenza impressionante”.
Sono oltre cento le aziende nelle province di Como e Lecco che, preoccupate, attendono l’evolversi della situazione: tutte coltivano mais “a secco”, ovvero senza l’ausilio di sistemi e canali di irrigazione. Preoccupazione anche per i prati destinati alla fienagione che, perdurando il clima secco, già ora stanno registrando cali più che drastici di produzione al taglio.
Ma il termometro più evidente, anche per gli stessi cittadini, è il basso livello toccato dal Lago di Como che, insieme agli altri bacini lombardi (Maggiore, Iseo e Garda), è ampiamente al di sotto della media stagionale. Da martedì 17 luglio a oggi, il Lario, dal quale esce il fiume Adda è passato infatti da 83,5 centimetri a circa 38 centimetri, con una perdita di quasi mezzo metro.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline