• 20/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    20/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    20/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    20/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    20/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    20/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    20/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    20/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    20/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    20/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    20/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    20/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    20/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

L’agricoltura lariana boccheggia sotto il caldo e la siccità, le contromisure adottate faranno lievitare i costi d’esercizio … Il Lago di Como insieme al Maggiore, Iseo e Garda è ampiamente al di sotto della media stagionale.

News

L’agricoltura lariana boccheggia sotto il caldo e la siccità, le contromisure adottate faranno lievitare i costi d’esercizio … Il Lago di Como insieme al Maggiore, Iseo e Garda è ampiamente al di sotto della media stagionale.
Fonte: InfoInsubria http://www.infoinsubria.com
Allarme siccità a Como e a Lecco
L’agricoltura lariana boccheggia sotto il caldo e la siccità, mentre il Lago di Como è quello che più soffre, con un calo di livello di quasi mezzo metro in appena quindici giorni. Sono molto preoccupati gli agricoltori delle province di Como e Lecco.
Ad essere colpiti sono, prima di tutto, il settore zootecnico e cerealicolo: Le mucche producono meno latte e il calo è vistoso, anche del 15% – 20% in meno, dice il presidente di Coldiretti Como-Lecco, Fortunato Trezzi. “Per i bovini il clima ideale è fra i 22 e i 24 gradi, oltre i questo limite gli animali mangiano poco, bevono molto e, di conseguenza, dalla mungitura si ottiene meno latte.”
In diverse stalle sono scattate le contromisure con l’accensione di ventilatori e doccette rinfrescandi, e con l’utilizzo di integratori specifici a base di sali di potassio nell’alimentazione preparata dagli allevatori: accorgimenti che fanno però aumentare esponenzialmente i costi per le imprese, come anche il forte incremento dei costi delle farine, in particolare quelle di soia.
Ma l’afa e le temperature – informa l’associazione dei coltivatori – hanno tolto l’appetito anche ai maiali che stanno consumando fino al 40% in meno della consueta razione giornaliera di 3,5 chili di mangime e con un conseguente, sostanziale calo dell’accrescimento. Il caldo ha pesanti effetti anche sulle galline, che producono meno uova, e sulle api che non riescono a prendere il polline e il nettare mettendo a rischio la produzione di miele.
Anche per la cerealicoltura, dati alla mano, il presidente Trezzi traccia un quadro tutt’altro che rassicurante della situazione: “La stagione è iniziata male già nel mese di marzo, con semine complicate dall’aridità dei terreni, di difficile aratura: le stime di una contrazione dei raccolti fatte in quei mesi, che indicavano una contrazione del 30%, ora potrebbero essere riviste con un ulteriore ribasso”.
Come mai una ragione bagnata da un grande lago come il Lario debbe affrontare questi problemi lo spiega il direttore interprovinciale dell’organizzazione agricola, Francesco Renzoni, che non esita a puntare il dito contro “il problema di un’insufficiente programmazione delle risorse idriche comune a tutto il nord Italia, che in un territorio come il nostro deve tener conto dei rapporti transfrontalieri con la vicina Svizzera. In pratica, nei decenni scorsi le province altolombarde non si sono dotate di un sistema adeguato di invasi in grado di sopperire a situazioni di annate siccitose che pure, negli ultimi anni, si sono susseguite con una frequenza impressionante”.
Sono oltre cento le aziende nelle province di Como e Lecco che, preoccupate, attendono l’evolversi della situazione: tutte coltivano mais “a secco”, ovvero senza l’ausilio di sistemi e canali di irrigazione. Preoccupazione anche per i prati destinati alla fienagione che, perdurando il clima secco, già ora stanno registrando cali più che drastici di produzione al taglio.
Ma il termometro più evidente, anche per gli stessi cittadini, è il basso livello toccato dal Lago di Como che, insieme agli altri bacini lombardi (Maggiore, Iseo e Garda), è ampiamente al di sotto della media stagionale. Da martedì 17 luglio a oggi, il Lario, dal quale esce il fiume Adda è passato infatti da 83,5 centimetri a circa 38 centimetri, con una perdita di quasi mezzo metro.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline