• 23/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    23/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    23/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    23/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    23/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    23/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    23/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    23/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    23/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    23/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    23/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    23/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    23/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    23/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    23/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    23/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    23/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    23/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    23/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    23/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    23/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    23/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

L’agricoltura lariana boccheggia sotto il caldo e la siccità, le contromisure adottate faranno lievitare i costi d’esercizio … Il Lago di Como insieme al Maggiore, Iseo e Garda è ampiamente al di sotto della media stagionale.

News

L’agricoltura lariana boccheggia sotto il caldo e la siccità, le contromisure adottate faranno lievitare i costi d’esercizio … Il Lago di Como insieme al Maggiore, Iseo e Garda è ampiamente al di sotto della media stagionale.
Fonte: InfoInsubria http://www.infoinsubria.com
Allarme siccità a Como e a Lecco
L’agricoltura lariana boccheggia sotto il caldo e la siccità, mentre il Lago di Como è quello che più soffre, con un calo di livello di quasi mezzo metro in appena quindici giorni. Sono molto preoccupati gli agricoltori delle province di Como e Lecco.
Ad essere colpiti sono, prima di tutto, il settore zootecnico e cerealicolo: Le mucche producono meno latte e il calo è vistoso, anche del 15% – 20% in meno, dice il presidente di Coldiretti Como-Lecco, Fortunato Trezzi. “Per i bovini il clima ideale è fra i 22 e i 24 gradi, oltre i questo limite gli animali mangiano poco, bevono molto e, di conseguenza, dalla mungitura si ottiene meno latte.”
In diverse stalle sono scattate le contromisure con l’accensione di ventilatori e doccette rinfrescandi, e con l’utilizzo di integratori specifici a base di sali di potassio nell’alimentazione preparata dagli allevatori: accorgimenti che fanno però aumentare esponenzialmente i costi per le imprese, come anche il forte incremento dei costi delle farine, in particolare quelle di soia.
Ma l’afa e le temperature – informa l’associazione dei coltivatori – hanno tolto l’appetito anche ai maiali che stanno consumando fino al 40% in meno della consueta razione giornaliera di 3,5 chili di mangime e con un conseguente, sostanziale calo dell’accrescimento. Il caldo ha pesanti effetti anche sulle galline, che producono meno uova, e sulle api che non riescono a prendere il polline e il nettare mettendo a rischio la produzione di miele.
Anche per la cerealicoltura, dati alla mano, il presidente Trezzi traccia un quadro tutt’altro che rassicurante della situazione: “La stagione è iniziata male già nel mese di marzo, con semine complicate dall’aridità dei terreni, di difficile aratura: le stime di una contrazione dei raccolti fatte in quei mesi, che indicavano una contrazione del 30%, ora potrebbero essere riviste con un ulteriore ribasso”.
Come mai una ragione bagnata da un grande lago come il Lario debbe affrontare questi problemi lo spiega il direttore interprovinciale dell’organizzazione agricola, Francesco Renzoni, che non esita a puntare il dito contro “il problema di un’insufficiente programmazione delle risorse idriche comune a tutto il nord Italia, che in un territorio come il nostro deve tener conto dei rapporti transfrontalieri con la vicina Svizzera. In pratica, nei decenni scorsi le province altolombarde non si sono dotate di un sistema adeguato di invasi in grado di sopperire a situazioni di annate siccitose che pure, negli ultimi anni, si sono susseguite con una frequenza impressionante”.
Sono oltre cento le aziende nelle province di Como e Lecco che, preoccupate, attendono l’evolversi della situazione: tutte coltivano mais “a secco”, ovvero senza l’ausilio di sistemi e canali di irrigazione. Preoccupazione anche per i prati destinati alla fienagione che, perdurando il clima secco, già ora stanno registrando cali più che drastici di produzione al taglio.
Ma il termometro più evidente, anche per gli stessi cittadini, è il basso livello toccato dal Lago di Como che, insieme agli altri bacini lombardi (Maggiore, Iseo e Garda), è ampiamente al di sotto della media stagionale. Da martedì 17 luglio a oggi, il Lario, dal quale esce il fiume Adda è passato infatti da 83,5 centimetri a circa 38 centimetri, con una perdita di quasi mezzo metro.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline