• 23/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    23/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    23/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    23/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    23/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    23/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    23/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    23/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    23/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    23/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    23/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    23/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    23/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

L’alimentazione a chilometro zero o filiera corta stabilisce un numero esiguo di passaggi tra produttore e consumatore di alimenti di stagione, che siano sani, biologici e al contempo saporiti.

News

L’alimentazione a chilometro zero o filiera corta stabilisce un numero esiguo di passaggi tra produttore e consumatore di alimenti di stagione, che siano sani, biologici e al contempo saporiti.
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Viola Yael
La scelta dell’alimentazione basata sul chilometro zero, cioè sulla produzione da filiera corta, stabilisce un numero esiguo di passaggi tra produttore e consumatore. Molto spesso il dialogo avviene in modo diretto, senza l’intermediazione della distribuzione commerciale abbattendo così spese di trasporto, costi e inquinamento. I prodotti venduti sono biologici e naturali, il consumatore può accertare direttamente la qualità, la provenienza e la metodologia utilizzata per la sua creazione. La vendita avviene nei pressi del luogo di produzione, per questo si definisce chilometro zero, e sono sempre di più le attività commerciali, i negozi, i Farmer Market, I GAS e i ristoranti che si avvalgono di questi prodotti.
Perché filiera corta
La ragioni che spingono all’acquisto presso una filiera corta sono da ricercare in una necessità reale di alimenti di stagione, che siano sani, biologici e al contempo saporiti. Inoltre una sempre maggiore consapevolezza del mondo che ci circonda, delle problematiche legate all’inquinamento e dell’impatto che ognuno ha sull’ambiente, spingono sempre più persone verso una spesa più meditata. I costi di trasposto di una produzione di tipo convenzionale, oltre all’inquinamento creato dalla distanza percorsa in base alla provenienza del prodotto, da sempre hanno una ricaduta in negativo sull’ecosistema che condividiamo.
L’abitudine di trovare sempre frutta e verdura, di ogni genere e in ogni periodo, con il tempo ha inciso negativamente sull’aria che respiriamo e sulla percentuale di CO2 presente. Al contrario una coltivazione con relativa vendita locale, solitamente con prodotti ecologici e naturali, ha un basso impatto sul terreno coltivato e sull’aria che respiriamo. Oltre al vantaggio di poter gustare cibo sano, qualitativamente migliore e in percentuale più nutriente. Da uno studio condotto da Coldiretti se ogni famiglia scegliesse prodotti locali e di stagione, con una reale cura per imballaggi e sprechi, non emetterebbe fino a 1000 chili di CO2 in un anno.
Oltre a un risparmio di circa 100€ mensili, a fronte dei costi altissimi dei prodotti d’importazione. In un momento di crisi economica, come quello attuale, la scelta del chilometro zero raccoglie sempre più consensi diventando concorrenziale.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline