• 23/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    23/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    23/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    23/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    23/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    23/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    23/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    23/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    23/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    23/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    23/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    23/04/2014 Appello per salvaguardare le aree naturali protette italiane dalle insidie legislative in corso d’opera...Leggi
    23/04/2014 Pedemontana Lombarda, un’autostrada dentro casa: fermiamola!...Leggi
    23/04/2014 Taglio indiscriminato, potature selvagge e incuria: da tutta Italia giungono numerose segnalazioni di attacco al patrimonio arboreo. Scarsa attenzione, ignoranza o malafe...Leggi
    23/04/2014 Una malattia ancora misteriosa colpisce i tagliatori di canna da zucchero in centro america, mietendo decine di migliaia di vittime...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

L’alimentazione a chilometro zero o filiera corta stabilisce un numero esiguo di passaggi tra produttore e consumatore di alimenti di stagione, che siano sani, biologici e al contempo saporiti.

News

L’alimentazione a chilometro zero o filiera corta stabilisce un numero esiguo di passaggi tra produttore e consumatore di alimenti di stagione, che siano sani, biologici e al contempo saporiti.
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Viola Yael
La scelta dell’alimentazione basata sul chilometro zero, cioè sulla produzione da filiera corta, stabilisce un numero esiguo di passaggi tra produttore e consumatore. Molto spesso il dialogo avviene in modo diretto, senza l’intermediazione della distribuzione commerciale abbattendo così spese di trasporto, costi e inquinamento. I prodotti venduti sono biologici e naturali, il consumatore può accertare direttamente la qualità, la provenienza e la metodologia utilizzata per la sua creazione. La vendita avviene nei pressi del luogo di produzione, per questo si definisce chilometro zero, e sono sempre di più le attività commerciali, i negozi, i Farmer Market, I GAS e i ristoranti che si avvalgono di questi prodotti.
Perché filiera corta
La ragioni che spingono all’acquisto presso una filiera corta sono da ricercare in una necessità reale di alimenti di stagione, che siano sani, biologici e al contempo saporiti. Inoltre una sempre maggiore consapevolezza del mondo che ci circonda, delle problematiche legate all’inquinamento e dell’impatto che ognuno ha sull’ambiente, spingono sempre più persone verso una spesa più meditata. I costi di trasposto di una produzione di tipo convenzionale, oltre all’inquinamento creato dalla distanza percorsa in base alla provenienza del prodotto, da sempre hanno una ricaduta in negativo sull’ecosistema che condividiamo.
L’abitudine di trovare sempre frutta e verdura, di ogni genere e in ogni periodo, con il tempo ha inciso negativamente sull’aria che respiriamo e sulla percentuale di CO2 presente. Al contrario una coltivazione con relativa vendita locale, solitamente con prodotti ecologici e naturali, ha un basso impatto sul terreno coltivato e sull’aria che respiriamo. Oltre al vantaggio di poter gustare cibo sano, qualitativamente migliore e in percentuale più nutriente. Da uno studio condotto da Coldiretti se ogni famiglia scegliesse prodotti locali e di stagione, con una reale cura per imballaggi e sprechi, non emetterebbe fino a 1000 chili di CO2 in un anno.
Oltre a un risparmio di circa 100€ mensili, a fronte dei costi altissimi dei prodotti d’importazione. In un momento di crisi economica, come quello attuale, la scelta del chilometro zero raccoglie sempre più consensi diventando concorrenziale.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline