• 25/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    25/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    25/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    25/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    25/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    25/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    25/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    25/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    25/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    25/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    25/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    25/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    25/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    25/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    25/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    25/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    25/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    25/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    25/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    25/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    25/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    25/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

L’allarme fanghi rossi in Sardegna. C’è il pericolo di una bomba ecologica nella zona di industriale di Portovesme …

News

L’allarme fanghi rossi in Sardegna. C’è il pericolo di una bomba ecologica nella zona di industriale di Portovesme, 20 milioni di metri cubi di fanghi rossi residui della lavorazione della bauxite …
Fonte: Ecoblog, http://www.ecoblog.it
Pochi ancora ne parlano, ma si tratta di una vera e propria bomba ecologica che secondo gli esperti sarebbe capace di far danni in misura 25 volte maggiore rispetto a quelli provocati, per un analogo motivo, in Ungheria i giorni scorsi. Teatro del pericolo la zona di industriale di Portovesme, nel Comune di Portoscuso, in Sardegna, dove quasi 20 milioni di metri cubi di fanghi rossi inquinanti e pericolosi, residui della lavorazione della bauxite, versati in un bacino dal 1975 dalla società Euralluminia, si annidano in una zona a pochissima distanza dal mare.
Il pericolo non è comunque recente, dato che già lo scorso anno, i carabineri del Nucleo Operativo Ecologico avevano sequestrato i bacini di stoccaggio (in quanto nel frattempo Eurallumina aveva cessato la produzione) perché le acque della falda avevano inziato a riversarsi in strada per un danno alle tubature. Ora nuove indagini sul bacino sono state affidate al ministero dell’Ambiente, che il magistrato ha nominato custode giudiziale del sito.
Nonostante il pericolo, il primo cittadino di Portoscuso Adriano Puddu, getta però acqua sul fuoco: i timori per la salute e la sicurezza ambientale esistono, sono palesi, tuttavia al contrario di quando accaduto in Ungheria, il problema è sotto controllo da oltre un anno. I liquidi residui della lavorazione della bauxite, spiega il Sindaco, raggiungono bacini attraverso particolari tecniche idrauliche; inoltre si tratta comunque di fanghi meno dannosi rispetto a quelli ungheresi.
Tra circa due settimane, annuncia Puddu, partiranno i lavori della messa in sicurezza delle falde. C’è da credergli? Chissà, la popolazione infatti sta esprimendo tutta la propria preoccupazione. Intanto, data la gravità della questione, noi di Ecoblog seguiremo la vicenda nella speranza che le parti interessate si impegnino con il massimo delle loro forze a monitorare una situazione che ai più appare particolarmente pericolosa.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline