• 23/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    23/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    23/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    23/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    23/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    23/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    23/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    23/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    23/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    23/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    23/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    23/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    23/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Le acque reflue industriali? Provengono dagli insediamenti produttivi anche se vi concorrono le acque meteoriche, lo ha stabilito il TAR della Puglia

News

Le acque reflue industriali? Provengono dagli insediamenti produttivi anche se vi concorrono le acque meteoriche, lo ha stabilito il TAR della Puglia
Fonte: Greenreport http://www.greenreport.it
Eleonora Santucci
Le acque reflue industriali sono quelle che provengano dall’insediamento produttivo nella sua totalità: il refluo deve essere considerato nell’inscindibile composizione dei suoi elementi confluenti nel corpo recettore. A nulla rileva, dunque, che parte di essi sia composto da liquidi non direttamente derivanti dal ciclo produttivo, come ad esempio quelli delle acque meteoriche necessariamente legate alla composizione chimica-fisica, diverse da quelle proprie delle acque metaboliche e domestiche.
Lo afferma il Tribunale amministrativo della Puglia (Tar); a proposito della questione riguardante la Provincia di Brindici e una società che effettua attività di demolizione di impianti industriali e navali nonché trasporto e recupero di materiali ferrosi e non ferrosi.
La Provincia di Brindisi, con apposito provvedimento, ha imposto alla società la messa a norma del sistema di raccolta e smaltimento delle acque. Questo perché il sistema previsto di raccolta e smaltimento delle acque metoriche ricadenti sulle superfici impermeabilizzate non risulta conforme a quanto previsto dalla specifica normativa vigente. Inoltre la Provincia richiede che la raccolta delle acque di prima e seconda pioggia sia finalizzata all’accumulo, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa (allegato 5 punto2 al D.M. 186/2006) per il successivo avvio agli impianti di trattamento.
Mentre la società contesta alla provincia di aver assimilato le acque meteoriche a quelle reflue.
E’ il legislatore del 2006 (d.lg. n. 152 del 2006) che definisce le “acque reflue industriali” come qualsiasi tipo di acque reflue scaricate da edifici od installazioni in cui si svolgono attività commerciali o di produzioni di beni, diverse da quelle domestiche e dalle acque meteoriche o di dilavamento. Ma, secondo un orientamento giurisprudenziale, il refluo deve essere considerato “nell’inscindibile composizione dei suoi elementi”. Ne consegue che rientrano tra le acque reflue quelle che provengano dall’insediamento produttivo e cioè dall’inscindibile composizione dei suoi elementi confluenti nel corpo recettore. Questo può voler dire che in essi vi sia una parte di liquidi non direttamente derivanti dal ciclo produttivo (come ad esempio quelli delle acque meteoriche necessariamente legate alla composizione chimica- fisica, diverse da quelle proprie delle acque metaboliche e domestiche).
Invece, il Dm del 1999 individua i rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero. E prevede che le attività, i procedimenti e i metodi di recupero di ciascuna delle tipologie di rifiuti individuati dal decreto non devono costituire un pericolo per la salute dell’uomo e recare pregiudizio all’ambiente. In particolare non devono creare rischi per l’acqua, l’aria, il suolo e per la fauna e la flora; causare inconvenienti da rumori e odori; danneggiare il paesaggio e i siti di particolare interesse. Inoltre prescrive (all’interno dell’allegato 5) le dotazioni minime degli impianti di messa in riserva di rifiuti quanto a un adeguato sistema di canalizzazione e raccolta delle acque meteoriche. Prevede cioè che l’impianto di recupero dei rifiuti sia provvisto di un adeguato sistema di canalizzazione e raccolta delle acque meteroriche. E’ un richiamo generale che non reca alcuna differenziazione, nel sistema di raccolta, delle acque meteoriche tra quelle di prima o seconda pioggia dovendo quindi comprendersi entrambe le tipologie nel sistema di raccolta. Fra l’altro il d.lgs. 152/2006 non prescrive la necessità di controlli e precauzioni solo per le acque di prima pioggia quanto piuttosto per tutte le acque meteoriche di dilavamento, anche quelle di prima pioggia. Controlli e precauzioni previsti ai fini della prevenzione di rischi idraulici e ambientali.
Comunque sia le regioni possono disciplinare i casi in cui può essere richiesto che le acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne siano convogliate e opportunamente trattate in impianti di depurazione per particolari condizioni nelle quali, in relazione alle attività svolte, vi sia il rischio di dilavamento da superfici impermeabili scoperte di sostanze pericolose o di sostanze che creano pregiudizio per il raggiungimento degli obiettivi di qualità dei corpi idrici.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline