• 23/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    23/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    23/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    23/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    23/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    23/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    23/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    23/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    23/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    23/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    23/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    23/04/2014 Appello per salvaguardare le aree naturali protette italiane dalle insidie legislative in corso d’opera...Leggi
    23/04/2014 Pedemontana Lombarda, un’autostrada dentro casa: fermiamola!...Leggi
    23/04/2014 Taglio indiscriminato, potature selvagge e incuria: da tutta Italia giungono numerose segnalazioni di attacco al patrimonio arboreo. Scarsa attenzione, ignoranza o malafe...Leggi
    23/04/2014 Una malattia ancora misteriosa colpisce i tagliatori di canna da zucchero in centro america, mietendo decine di migliaia di vittime...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

L’Ozono a Londra è oltre i limiti di legge, ma negli anni passati la Pianura Padana ha sempre fatto peggio

News

L’Ozono a Londra è oltre i limiti di legge, ma negli anni passati la Pianura Padana ha sempre fatto peggio
Fonte: Eco dalle Città http://www.ecodallecitta.it
La stazione di rilevamento di London N. Kensington ha registrato 190 mcg/m3 di Ozono nel pomeriggio di mercoledì 25 luglio, superando la soglia dei 180 mcg oltre la quale le autorità locali sono obbligate ad allertare la popolazione. Se i livelli di questi giorni a Londra sono insolitamente alti, va detto che nel Nord Italia si raggiungono medie annuali ben peggiori…
di Elena Donà
I livelli di ozono degli ultimi giorni a Londra erano già molto vicini alle soglie d’allerta in diverse stazioni di rilevamento dell’area metropolitana. Le previsioni avevano parlato di un possibile peggioramento, e così è stato: nela stazione di London N. Kensington l’ozono ha raggiunto un picco orario di 190 mcg/m3, superando la soglia oltre la quale le autorità sono obbligate ad informare la popolazione con un’allerta specifica. (Scarica la comunicazione del DEFRA, Department for Environment Food and Rural Affairs).
Ma è Londra la peggiore della classe?
Una cosa è sforare i limiti stabiliti dalle direttive, e Londra li ha innegabilmente sforati, soprattutto in questi giorni. Un’altra è pensare che la città sia un’eccezione tra i Paesi Europei. Non solo non lo è, ma le serie storiche mostrano come, per l’ennesima volta, la zona della Pianura Padana registri abitualmente medie annuali e picchi massimi ampiamente superiori a quelli inglesie che il Regno Unito complessivamente non se la cavi affatto male rispetto al resto dell’Europa. Nel 2011 l’Italia sforò per 182 giorni, il Regno Unito per 21. La Francia per 149 giorni, la Spagna per 177. La Scezia per 20 e la Finlandia per 10. La media massima calcolata sulle otto ore consecutive raggiunta dall’Italia fu di 259 mcg/m3 contro i 167 mcg/m3 del Regno Unito.
Nel 2008 i giorni di sforamento furono 44 nel Regno Unito, contro i 167 dell’Italia. Austria e Francia ne registrarono 111, la Grecia 162, la Spagna 168, la Svezia 20, la Finlandia 17 e la Lettonia 11. La media massima osservata sulle otto ore consecutive fu di 159 mcg/m3 nel Regno Unito e di 245 mcg/m3 in Italia. (Dati: European Environment Agency).
Tornando indietro di altri 4 anni si vede che la situazione era sostanzialmente analoga , nel rapporto fra UK e Italia: appena 4 sforamenti per il Regno Unito nel 2004, contro i 76 dell’Italia. La media massima osservata sulle otto ore fu di 171 mcg/m3 per il Regno Unito e di 250 mcg/m3 per l’Italia.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline