• 24/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    24/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    24/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    24/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    24/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    24/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    24/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    24/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    24/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    24/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    24/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    24/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    24/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

L’Ozono a Londra è oltre i limiti di legge, ma negli anni passati la Pianura Padana ha sempre fatto peggio

News

L’Ozono a Londra è oltre i limiti di legge, ma negli anni passati la Pianura Padana ha sempre fatto peggio
Fonte: Eco dalle Città http://www.ecodallecitta.it
La stazione di rilevamento di London N. Kensington ha registrato 190 mcg/m3 di Ozono nel pomeriggio di mercoledì 25 luglio, superando la soglia dei 180 mcg oltre la quale le autorità locali sono obbligate ad allertare la popolazione. Se i livelli di questi giorni a Londra sono insolitamente alti, va detto che nel Nord Italia si raggiungono medie annuali ben peggiori…
di Elena Donà
I livelli di ozono degli ultimi giorni a Londra erano già molto vicini alle soglie d’allerta in diverse stazioni di rilevamento dell’area metropolitana. Le previsioni avevano parlato di un possibile peggioramento, e così è stato: nela stazione di London N. Kensington l’ozono ha raggiunto un picco orario di 190 mcg/m3, superando la soglia oltre la quale le autorità sono obbligate ad informare la popolazione con un’allerta specifica. (Scarica la comunicazione del DEFRA, Department for Environment Food and Rural Affairs).
Ma è Londra la peggiore della classe?
Una cosa è sforare i limiti stabiliti dalle direttive, e Londra li ha innegabilmente sforati, soprattutto in questi giorni. Un’altra è pensare che la città sia un’eccezione tra i Paesi Europei. Non solo non lo è, ma le serie storiche mostrano come, per l’ennesima volta, la zona della Pianura Padana registri abitualmente medie annuali e picchi massimi ampiamente superiori a quelli inglesie che il Regno Unito complessivamente non se la cavi affatto male rispetto al resto dell’Europa. Nel 2011 l’Italia sforò per 182 giorni, il Regno Unito per 21. La Francia per 149 giorni, la Spagna per 177. La Scezia per 20 e la Finlandia per 10. La media massima calcolata sulle otto ore consecutive raggiunta dall’Italia fu di 259 mcg/m3 contro i 167 mcg/m3 del Regno Unito.
Nel 2008 i giorni di sforamento furono 44 nel Regno Unito, contro i 167 dell’Italia. Austria e Francia ne registrarono 111, la Grecia 162, la Spagna 168, la Svezia 20, la Finlandia 17 e la Lettonia 11. La media massima osservata sulle otto ore consecutive fu di 159 mcg/m3 nel Regno Unito e di 245 mcg/m3 in Italia. (Dati: European Environment Agency).
Tornando indietro di altri 4 anni si vede che la situazione era sostanzialmente analoga , nel rapporto fra UK e Italia: appena 4 sforamenti per il Regno Unito nel 2004, contro i 76 dell’Italia. La media massima osservata sulle otto ore fu di 171 mcg/m3 per il Regno Unito e di 250 mcg/m3 per l’Italia.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline