• 22/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    22/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    22/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    22/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    22/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    22/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    22/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    22/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    22/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    22/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    22/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    22/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    22/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Negli USA hanno trovato sostanze tossiche in molti alimenti, i ritardanti di fiamma rappresentano la situazione più preoccupante, essendo estremamente pericolosi per la salute

News

Negli USA hanno trovato sostanze tossiche in molti alimenti, i ritardanti di fiamma rappresentano la situazione più preoccupante, essendo estremamente pericolosi per la salute
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
Sostanze tossiche in carne e pesce, alimenti a rischio negli USA
di Silvana Santo
Quanta chimica c’è nei cibi che mangiamo? Siamo purtroppo abituati a notizie sui rischi degli additivi alimentari, ma a volte finiscono sulle nostre tavole anche sostanze che col cibo non dovrebbero avere niente a che fare. Secondo una ricerca pubblicata su Environmental Health Perspectives, in molti alimenti sono state rinvenute tracce di un ritardante di fiamma bromurato (esabromociclododecano, HBCD) utilizzato nella produzione di schiume isolanti e apparecchiature elettriche.
La sostanza è presente in alte concentrazioni all’interno di numerosi prodotti alimentari di largo consumo negli Stati Uniti. Si va dalle sardine in scatola al salmone fresco, dal burro di arachidi al chili in scatola, ma anche prosciutto, tacchino, pollo e altri cibi.
Eppure, spiegano i ricercatori, l’esposizione all’HBCD può causare diversi problemi di salute, incluse alterazioni del sistema immunitario, problemi all’apparato riproduttivo, effetti neurotossici e anomalie del sistema endocrino. A rendere questa sostanza ancora più pericolosa è il fatto che, anche se assunta a dosi minime, si accumula nei tessuti nel corso del tempo, moltiplicando lentamente il suo potenziale nocivo.
Gli studiosi, guidati da Arnold Schecter della School of Public Health dell’Università del Texas, hanno individuato all’interno dei prodotti alimentari anche altre sostanze tossiche, ma quella dei ritardanti di fiamma rappresenta forse la situazione più preoccupante.
L’uso di questi composti, infatti, è scarsamente regolamentato e, come se non bastasse, l’esabromociclododecano può provocare, oltre ai problemi di salute già citati, anche danni alla fauna selvatica e all’ambiente in generale. Paradossalmente, infine, i ritardanti di fiamma possono avere conseguenze devastanti anche sul fronte degli incendi, determinando roghi ancora più incontrollabili.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline