• 19/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    19/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    19/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    19/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    19/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    19/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    19/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    19/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    19/04/2014 L’appello del Forum nazionale Salviamo il paesaggio per le aree naturali protette italiane...Leggi
    19/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    19/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    19/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Negli USA hanno trovato sostanze tossiche in molti alimenti, i ritardanti di fiamma rappresentano la situazione più preoccupante, essendo estremamente pericolosi per la salute

News

Negli USA hanno trovato sostanze tossiche in molti alimenti, i ritardanti di fiamma rappresentano la situazione più preoccupante, essendo estremamente pericolosi per la salute
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
Sostanze tossiche in carne e pesce, alimenti a rischio negli USA
di Silvana Santo
Quanta chimica c’è nei cibi che mangiamo? Siamo purtroppo abituati a notizie sui rischi degli additivi alimentari, ma a volte finiscono sulle nostre tavole anche sostanze che col cibo non dovrebbero avere niente a che fare. Secondo una ricerca pubblicata su Environmental Health Perspectives, in molti alimenti sono state rinvenute tracce di un ritardante di fiamma bromurato (esabromociclododecano, HBCD) utilizzato nella produzione di schiume isolanti e apparecchiature elettriche.
La sostanza è presente in alte concentrazioni all’interno di numerosi prodotti alimentari di largo consumo negli Stati Uniti. Si va dalle sardine in scatola al salmone fresco, dal burro di arachidi al chili in scatola, ma anche prosciutto, tacchino, pollo e altri cibi.
Eppure, spiegano i ricercatori, l’esposizione all’HBCD può causare diversi problemi di salute, incluse alterazioni del sistema immunitario, problemi all’apparato riproduttivo, effetti neurotossici e anomalie del sistema endocrino. A rendere questa sostanza ancora più pericolosa è il fatto che, anche se assunta a dosi minime, si accumula nei tessuti nel corso del tempo, moltiplicando lentamente il suo potenziale nocivo.
Gli studiosi, guidati da Arnold Schecter della School of Public Health dell’Università del Texas, hanno individuato all’interno dei prodotti alimentari anche altre sostanze tossiche, ma quella dei ritardanti di fiamma rappresenta forse la situazione più preoccupante.
L’uso di questi composti, infatti, è scarsamente regolamentato e, come se non bastasse, l’esabromociclododecano può provocare, oltre ai problemi di salute già citati, anche danni alla fauna selvatica e all’ambiente in generale. Paradossalmente, infine, i ritardanti di fiamma possono avere conseguenze devastanti anche sul fronte degli incendi, determinando roghi ancora più incontrollabili.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline