• 25/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    25/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    25/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    25/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    25/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    25/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    25/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    25/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    25/10/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    25/10/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    25/10/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    25/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    25/10/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    25/10/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    25/10/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Nessuna apertura regionale su finanziamenti e organici, si annuncia un autunno molto caldo per i parchi piemontesi

News

Nessuna apertura regionale su finanziamenti e organici, si annuncia un autunno molto caldo per i parchi piemontesi
Fonte: Inalessandria, Quotidiano on line della Provincia di Alessandria, http://www.inalessandria.it
Pubblichiamo integralmente il comunicato giunto in redazione e inviato dall’ufficio stampa Cisl Piemonte.
Trovare i soldi per i parchi del Piemonte e confermare i contratti di lavoro del personale a tempo determinato in servizio negli Enti di gestione. Queste le rassicurazioni e gli impegni presi dall’assessore regionale William Casoni – poco più di tre settimane fa – con le Organizzazioni sindacali e i dipendenti dei parchi in un incontro nella sala Viglione del Consiglio regionale, alla presenza di numerosi consiglieri e del presidente Valerio Cattaneo.
Lo stesso assessore assicurava poi ai sindacati la convocazione a breve di un tavolo regionale di trattativa per affrontare i problemi conseguenti alla Legge regionale che ha accorpato gli Enti.
A oggi nessuna convocazione è arrivata alle Organizzazioni sindacali e – nel corso di un incontro con i direttori dei parchi – Casoni ha affermato che non acconsentirà ad alcuna nuova assunzione né alla proroga dei contratti a tempo determinato, rimangiandosi tutte le promesse fatte in sede di audizione.
Nello stesso incontro, l’assessore ha annunciato che i parchi dovranno fare sistema condividendo le risorse economiche in una sorta di “vaso comunicante” affinché tutti i parchi possano avere le risorse economiche necessarie al loro funzionamento. Un “avanzo” di bilancio in un parco, ad esempio, dovrebbe compensare le minori risorse di un altro. A questo aggiungiamo che – perfino in anticipo sulla spending review – sono già state emanate le direttive per il taglio dei buoni pasto del personale dipendente e sono state prorogate le Posizioni Organizzative in essere, senza alcun confronto con le parti sindacali, necessario quantomeno a riordinare la materia. L’assessore quindi mente a se stesso, alle Organizzazioni sindacali, alle lavoratrici e ai lavoratori e – cosa istituzionalmente gravissima – ha mentito al Presidente del Consiglio e ai Consiglieri regionali.
“Noi, invece, quando prendiamo un impegno – dicono Luca Quagliotti (Fp Cgil), Roberto Loiacono (Fp Cisl) e Antonio Di Capua (Fpl Uil) – lo manteniamo. Si annuncia un autunno molto caldo per i parchi piemontesi: pronti a scendere nuovamente in piazza in difesa del proprio posto di lavoro e di un sistema – quello dei parchi del Piemonte – vero gioiello della nostra Regione fintanto che, purtroppo, l’assessore “Casocchio” non ci ha messo le mani”.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline