• 20/08/2014 Appello per i parchi regionali del Piemonte ...Leggi
    20/08/2014 Lombardia sempre peggio: oltre al cemento arriva la legge “Ammazzaforeste” ...Leggi
    20/08/2014 5 nni dopo il grande incendio boschivo che ha devastato la Sardegna al processo non siamo neppure ......Leggi
    20/08/2014 Il CFS rischia di essere smembrato, sarebbero ben altri gli enti inutili su cui intervenire …...Leggi
    20/08/2014 In difesa dei Giardini Reali di Torino: NO al parcheggio sotterraneo!...Leggi
    20/08/2014 L’ Università di Siena, in collaborazione con la Marina Militare, analizzerà le foci del Tevere e dell’Arno ......Leggi
    20/08/2014 Sintesi dell’Annuario dei dati ambientali e del Rapporto Rifiuti dell’Ispra...Leggi
    20/08/2014 Terzo Valico. Si è conclusa la mattinata di tensione tra manifestanti No Tav e forze dell’ordine...Leggi
    20/08/2014 «No allo smembramento del Corpo Forestale dello Stato». Lettera delle associazioni a Parlamento e Governo...Leggi
    20/08/2014 Certe epidemie sono dovute ad eventi casuali e non a mutazioni genetiche o particolare virulenza...Leggi
    20/08/2014 La quantità di mercurio negli oceani è triplicato durante l’era industriale...Leggi
    20/08/2014 Polveri sottili che innescano Malattie, nanopatologie, scie chimiche, trattamento dei rifiuti, uranio impoverito… ...Leggi
    20/08/2014 Sabato 20 settembre a Roma l’assemblea nazionale del Forum Salviamo il Paesaggio...Leggi
    20/08/2014 Si stima che ogni secolo e mezzo una potente tempesta solare potrebbe colpire la terra, stavolta con gravi danni...Leggi
    20/08/2014 Sono in commercio le tegole antismog...Leggi
    20/08/2014 Un’idea dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics per scoprire forme di vita aliene ......Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

No inceneritore: depositate in Comune a Torino le firme della petizione popolare per chiedere la sospensione dei lavori di costruzione dell’impianto del Gerbido

News

No inceneritore: depositate in Comune a Torino le firme della petizione popolare per chiedere la sospensione dei lavori di costruzione dell’impianto del Gerbido
Fonte: Eco dalle Città http://www.ecodallecitta.it
Un allegro flash mob del Coordinamento No Inceneritore Rifiuti Zero Torino ha animato piazza Palazzo di Città durante la consegna dei nominativi di coloro che hanno sottoscritto la petizione popolare per chiedere la sospensione dei lavori di costruzione dell’inceneritore del Gerbido e per sollecitare una corretta gestione dei rifiuti.
14 magliette, indossate da altrettanti attivisti disposti l’uno accanto all’altro, con la frase “No Inceneritore” su un lato e “Si – Rifiutizero” sull’altro; una testimonianza simbolica, a dimostrazione di come la lotta contro un metodo di smaltire i rifiuti inquinante, nocivo per la salute e antieconomico per la società e la sensibilizzazione in favore della riduzione, del riutilizzo e del riciclo dei rifiuti medesimi siano due facce della stessa medaglia.
Stamane il Coordinamento No Inceneritore Rifiuti Zero Torino – promotore della petizione popolare – ha voluto accompagnare con questa coreografica manifestazione di piazza la consegna delle 6700 firme raccolte nel solo Comune di Torino presso l’URP, Ufficio Relazioni con il Pubblico, di Palazzo Civico. La raccolta era iniziata lo scorso 17 novembre 2011.
Oltre a chiedere la sospensione dei lavori di costruzione dell’impianto del Gerbido, la petizione indica, inoltre, seguendo le priorità tracciate dalle normative europee e italiane, le azioni da mettere in pratica per una corretta gestione dei rifiuti: si spazia dall’attuazione di politiche volte alla riduzione della produzione di rifiuti, all’estensione, su tutto il territorio comunale, della raccolta porta a porta, per finire con il trattamento meccanico-biologico del rifiuto residuo.
Ora l’iter della petizione prevede la discussione in Consiglio Comunale dell’istanza presentata ed un successivo pronunciamento. Il Coordinamento ha dunque uno strumento in più per far comprendere a tutte le forze politiche della Sala Rossa quanto l’inceneritore del Gerbido sia un’opera inutile e dannosa per tutti i cittadini, in attesa che il Tribunale Amministrativo Regionale del Piemonte possa accogliere il ricorso già presentato.
La speranza è che questa petizione popolare possa inaugurare anche a Torino un “nuovo corso” nella politica di gestione dei rifiuti, così come successo a Reggio Emilia, dove alcune settimane fa è stato chiuso l’inceneritore da tempo in funzione – perché si è voluto rendere il futuro delle nuove generazioni più vivibile e sostenibile -, e a Parma, dove è da poco stato eletto un sindaco contrario all’ultimazione dell’erigendo impianto d’incenerimento. Non bisogna poi dimenticare che alcuni giorni fa il Parlamento Europeo si è espresso a favore di una risoluzione per l’eliminazione graduale dell’utilizzo delle discariche e per il divieto di incenerire i rifiuti riciclabili e compostabili che possono arrivare a rappresentare il 90% dei rifiuti totali.
Il 5 giugno per la consegna delle firme raccolte non è una data scelta a caso: oggi si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente dell’ONU, il cui messaggio del 2012 è che «anche le azioni dei singoli contano per ridurre l’inquinamento del pianeta»: diminuire i consumi, scegliere prodotti senza o con ridotto imballaggio e condurre quotidianamente la raccolta differenziata sono del resto scelte innanzitutto individuali.
L’impegno del Coordinamento No Inceneritore Rifiuti Zero Torino nella raccolta di firme contro l’impianto del Gerbido non si esaurisce con la giornata odierna: i banchetti proseguiranno infatti per diverse settimane negli oltre venti Comuni della provincia dove sono state attivate, ma non ancora consegnate, le petizioni popolari ai locali Consigli Comunali.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline