• 28/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    28/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    28/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    28/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    28/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    28/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    28/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    28/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    28/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    28/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    28/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    28/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    28/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    28/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    28/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    28/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    28/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    28/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    28/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    28/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    28/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    28/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

No inceneritore: depositate in Comune a Torino le firme della petizione popolare per chiedere la sospensione dei lavori di costruzione dell’impianto del Gerbido

News

No inceneritore: depositate in Comune a Torino le firme della petizione popolare per chiedere la sospensione dei lavori di costruzione dell’impianto del Gerbido
Fonte: Eco dalle Città http://www.ecodallecitta.it
Un allegro flash mob del Coordinamento No Inceneritore Rifiuti Zero Torino ha animato piazza Palazzo di Città durante la consegna dei nominativi di coloro che hanno sottoscritto la petizione popolare per chiedere la sospensione dei lavori di costruzione dell’inceneritore del Gerbido e per sollecitare una corretta gestione dei rifiuti.
14 magliette, indossate da altrettanti attivisti disposti l’uno accanto all’altro, con la frase “No Inceneritore” su un lato e “Si – Rifiutizero” sull’altro; una testimonianza simbolica, a dimostrazione di come la lotta contro un metodo di smaltire i rifiuti inquinante, nocivo per la salute e antieconomico per la società e la sensibilizzazione in favore della riduzione, del riutilizzo e del riciclo dei rifiuti medesimi siano due facce della stessa medaglia.
Stamane il Coordinamento No Inceneritore Rifiuti Zero Torino – promotore della petizione popolare – ha voluto accompagnare con questa coreografica manifestazione di piazza la consegna delle 6700 firme raccolte nel solo Comune di Torino presso l’URP, Ufficio Relazioni con il Pubblico, di Palazzo Civico. La raccolta era iniziata lo scorso 17 novembre 2011.
Oltre a chiedere la sospensione dei lavori di costruzione dell’impianto del Gerbido, la petizione indica, inoltre, seguendo le priorità tracciate dalle normative europee e italiane, le azioni da mettere in pratica per una corretta gestione dei rifiuti: si spazia dall’attuazione di politiche volte alla riduzione della produzione di rifiuti, all’estensione, su tutto il territorio comunale, della raccolta porta a porta, per finire con il trattamento meccanico-biologico del rifiuto residuo.
Ora l’iter della petizione prevede la discussione in Consiglio Comunale dell’istanza presentata ed un successivo pronunciamento. Il Coordinamento ha dunque uno strumento in più per far comprendere a tutte le forze politiche della Sala Rossa quanto l’inceneritore del Gerbido sia un’opera inutile e dannosa per tutti i cittadini, in attesa che il Tribunale Amministrativo Regionale del Piemonte possa accogliere il ricorso già presentato.
La speranza è che questa petizione popolare possa inaugurare anche a Torino un “nuovo corso” nella politica di gestione dei rifiuti, così come successo a Reggio Emilia, dove alcune settimane fa è stato chiuso l’inceneritore da tempo in funzione – perché si è voluto rendere il futuro delle nuove generazioni più vivibile e sostenibile -, e a Parma, dove è da poco stato eletto un sindaco contrario all’ultimazione dell’erigendo impianto d’incenerimento. Non bisogna poi dimenticare che alcuni giorni fa il Parlamento Europeo si è espresso a favore di una risoluzione per l’eliminazione graduale dell’utilizzo delle discariche e per il divieto di incenerire i rifiuti riciclabili e compostabili che possono arrivare a rappresentare il 90% dei rifiuti totali.
Il 5 giugno per la consegna delle firme raccolte non è una data scelta a caso: oggi si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente dell’ONU, il cui messaggio del 2012 è che «anche le azioni dei singoli contano per ridurre l’inquinamento del pianeta»: diminuire i consumi, scegliere prodotti senza o con ridotto imballaggio e condurre quotidianamente la raccolta differenziata sono del resto scelte innanzitutto individuali.
L’impegno del Coordinamento No Inceneritore Rifiuti Zero Torino nella raccolta di firme contro l’impianto del Gerbido non si esaurisce con la giornata odierna: i banchetti proseguiranno infatti per diverse settimane negli oltre venti Comuni della provincia dove sono state attivate, ma non ancora consegnate, le petizioni popolari ai locali Consigli Comunali.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline