• 24/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    24/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    24/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    24/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    24/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    24/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    24/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    24/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    24/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    24/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    24/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    24/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    24/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Pechino è sott’acqua: la capitale cinese è stata travolta da un diluvio d’acqua dopo mesi di siccità, la cementificazione scriteriata fornisce questi risultati devastanti

News

Pechino è sott’acqua: la capitale cinese è stata travolta da un diluvio d’acqua dopo mesi di siccità, la cementificazione scriteriata fornisce questi risultati devastanti
Fonte: Greenreport http://www.greenreport.it
L’alluvione è arrivata dopo mesi di devastane siccità ha messo alla luce le ferite di una crescita edilizia veloce quanto scriteriata
Pechino, la capital della nuova ed orgogliosa potenza del mondo, la Cina, è finita sott’acqua travolta dalle piogge torrenziali che hanno fatto almeno 77 vittime (ma ci sono ancora dispersi), annegata come una qualsiasi fragile e instabile periferia zeppa di baracche di una megalopoli asiatica. L’alluvione che ha invaso Pechino dopo mesi di devastane siccità ha messo alla luce tutte le pecche di una crescita edilizia tanto veloce quanto scriteriata, con il territorio dato in pasto agli speculatori edilizi ben annidati nel sistema di potere.
Il legame tra a devastazione cementizia del territorio e i morti annegati ed i danni incalcolabili è stato subito così evidente che il più alto responsabile del regime a Pechino, Guo Jinlong, segretario del Comitato del Partito comunista cinese oggi ha annunciato che Le piogge catastrofiche che si sono abbattute sulla capitale hanno evidenziato numerose lacune in materia di urbanizzazione, di edilizia, di infrastrutture e di gestione dell’emergenza».
Dopo avr reso omaggio alle vittime di questa catastrofe “innaturale” a nome della municipalità di Pechino, durante un’ispezione nel distretto di Fangshan, il più colpito dall’inondazione e dove ci sono stati 38 morti, Guo ha detto: «Dobbiamo seriamente riflettere sulle lezioni da trarre da questa catastrofe e guadare sempre a questo insegnamento». Molte delle vittime sono affogate, alcune sono state fulminate dalla corrente elettrica, ma ci sono stati anche morti in un crollo di un palazzo e sotto le frane
Pechino è sembrata del tutto impreparata ad affrontare le più forti piogge cadute nella capitale cinese da 60 anni. Il 21 luglio le precipitazioni hanno raggiunto i 170 mm, e nel distretto di Fangshan nella periferia sterminata della megalopoli sono arrivate a 460 mm. Un diluvio che si è trovato di fronte una massa sterminata di cemento e che ha rivelato tutti i peccati del veloce e disastroso sacco urbanistico della città.
Probabilmente ora cominceranno a cadere le teste di qualche alto papavero del Partito comunista e dei principini del cemento, i figli dei funzionari del regime che hanno investito nella speculazione edilizia, ma ormai il disastro urbanistico pechinese è fatto e le sterminate periferie contano i morti nel fango.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline