• 24/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    24/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    24/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    24/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    24/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    24/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    24/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    24/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    24/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    24/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    24/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    24/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    24/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    24/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    24/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    24/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    24/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    24/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    24/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    24/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    24/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    24/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Pechino è sott’acqua: la capitale cinese è stata travolta da un diluvio d’acqua dopo mesi di siccità, la cementificazione scriteriata fornisce questi risultati devastanti

News

Pechino è sott’acqua: la capitale cinese è stata travolta da un diluvio d’acqua dopo mesi di siccità, la cementificazione scriteriata fornisce questi risultati devastanti
Fonte: Greenreport http://www.greenreport.it
L’alluvione è arrivata dopo mesi di devastane siccità ha messo alla luce le ferite di una crescita edilizia veloce quanto scriteriata
Pechino, la capital della nuova ed orgogliosa potenza del mondo, la Cina, è finita sott’acqua travolta dalle piogge torrenziali che hanno fatto almeno 77 vittime (ma ci sono ancora dispersi), annegata come una qualsiasi fragile e instabile periferia zeppa di baracche di una megalopoli asiatica. L’alluvione che ha invaso Pechino dopo mesi di devastane siccità ha messo alla luce tutte le pecche di una crescita edilizia tanto veloce quanto scriteriata, con il territorio dato in pasto agli speculatori edilizi ben annidati nel sistema di potere.
Il legame tra a devastazione cementizia del territorio e i morti annegati ed i danni incalcolabili è stato subito così evidente che il più alto responsabile del regime a Pechino, Guo Jinlong, segretario del Comitato del Partito comunista cinese oggi ha annunciato che Le piogge catastrofiche che si sono abbattute sulla capitale hanno evidenziato numerose lacune in materia di urbanizzazione, di edilizia, di infrastrutture e di gestione dell’emergenza».
Dopo avr reso omaggio alle vittime di questa catastrofe “innaturale” a nome della municipalità di Pechino, durante un’ispezione nel distretto di Fangshan, il più colpito dall’inondazione e dove ci sono stati 38 morti, Guo ha detto: «Dobbiamo seriamente riflettere sulle lezioni da trarre da questa catastrofe e guadare sempre a questo insegnamento». Molte delle vittime sono affogate, alcune sono state fulminate dalla corrente elettrica, ma ci sono stati anche morti in un crollo di un palazzo e sotto le frane
Pechino è sembrata del tutto impreparata ad affrontare le più forti piogge cadute nella capitale cinese da 60 anni. Il 21 luglio le precipitazioni hanno raggiunto i 170 mm, e nel distretto di Fangshan nella periferia sterminata della megalopoli sono arrivate a 460 mm. Un diluvio che si è trovato di fronte una massa sterminata di cemento e che ha rivelato tutti i peccati del veloce e disastroso sacco urbanistico della città.
Probabilmente ora cominceranno a cadere le teste di qualche alto papavero del Partito comunista e dei principini del cemento, i figli dei funzionari del regime che hanno investito nella speculazione edilizia, ma ormai il disastro urbanistico pechinese è fatto e le sterminate periferie contano i morti nel fango.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline