• 19/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    19/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    19/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    19/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    19/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    19/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    19/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    19/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    19/04/2014 L’appello del Forum nazionale Salviamo il paesaggio per le aree naturali protette italiane...Leggi
    19/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    19/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    19/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

QBEAK: dalla Danimarca un prototipo di auto elettrica con oltre 800 km di autonomia

News

QBEAK: dalla Danimarca un prototipo di auto elettrica con oltre 800 km di autonomia
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Giuseppe Cutrone
Un’auto elettrica in grado di percorrere più di 800 chilometri con una ricarica senza obbligare il conducente a frequenti soste? Se fino a oggi una cosa del genere poteva sembrare una vera e propria utopia, dalla Danimarca arriva un prototipo che potrebbe trasformare in realtà questa promessa. La novità si chiama QBEAK e si presenta sotto l’aspetto di una piccola spider decisamente adatta per la città.
A realizzare la QBEAK è stato il consorzio danese ECOmove, che ha ideato questa vettura compatta dotandola di una cella a combustibile che la rende in grado di convertire bio-etanolo e acqua in energia elettrica, la quale viene poi utilizzata per alimentare i motori elettrici e garantire così percorrenze da record per un’elettrica, al punto da arrivare a superare gli 800 chilometri di autonomia.
La QBEAK è un veicolo leggero, aspetto che aiuta non poco nel contenimento dei consumi d’energia. Inoltre, per via delle dimensioni estremamente contenute, la vettura è maneggevole, facile da parcheggiare e diventa quindi molto pratica per il traffico delle città. Le prestazioni, a detta dei tecnici che l’hanno messa a punto, sono soddisfacenti, tanto che la velocità massima raggiungibile è di 120 km/h e si conferma più che sufficiente a garantire qualche escursione fuori dai grossi centri urbani.
Soluzioni come quella danese potrebbero diventare sempre più frequenti nei prossimi anni, ponendo fine una volta per tutte al problema della scarsa autonomia dei mezzi elettrici avvicinandoli sempre più ai veicoli a propulsione tradizionale, senza contare i vantaggi, non certo indifferenti, per quanto riguarda l’impatto ambientale. Fonte: Forbes

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline