• 21/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    21/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    21/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    21/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    21/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    21/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    21/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    21/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    21/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    21/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    21/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    21/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    21/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

QBEAK: dalla Danimarca un prototipo di auto elettrica con oltre 800 km di autonomia

News

QBEAK: dalla Danimarca un prototipo di auto elettrica con oltre 800 km di autonomia
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Giuseppe Cutrone
Un’auto elettrica in grado di percorrere più di 800 chilometri con una ricarica senza obbligare il conducente a frequenti soste? Se fino a oggi una cosa del genere poteva sembrare una vera e propria utopia, dalla Danimarca arriva un prototipo che potrebbe trasformare in realtà questa promessa. La novità si chiama QBEAK e si presenta sotto l’aspetto di una piccola spider decisamente adatta per la città.
A realizzare la QBEAK è stato il consorzio danese ECOmove, che ha ideato questa vettura compatta dotandola di una cella a combustibile che la rende in grado di convertire bio-etanolo e acqua in energia elettrica, la quale viene poi utilizzata per alimentare i motori elettrici e garantire così percorrenze da record per un’elettrica, al punto da arrivare a superare gli 800 chilometri di autonomia.
La QBEAK è un veicolo leggero, aspetto che aiuta non poco nel contenimento dei consumi d’energia. Inoltre, per via delle dimensioni estremamente contenute, la vettura è maneggevole, facile da parcheggiare e diventa quindi molto pratica per il traffico delle città. Le prestazioni, a detta dei tecnici che l’hanno messa a punto, sono soddisfacenti, tanto che la velocità massima raggiungibile è di 120 km/h e si conferma più che sufficiente a garantire qualche escursione fuori dai grossi centri urbani.
Soluzioni come quella danese potrebbero diventare sempre più frequenti nei prossimi anni, ponendo fine una volta per tutte al problema della scarsa autonomia dei mezzi elettrici avvicinandoli sempre più ai veicoli a propulsione tradizionale, senza contare i vantaggi, non certo indifferenti, per quanto riguarda l’impatto ambientale. Fonte: Forbes

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline