• 25/11/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    25/11/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    25/11/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    25/11/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    25/11/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    25/11/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    25/11/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    25/11/2014 Genova, non sono bombe d’acqua ma precipitazioni intense, i danni sono dovuti alle devastazioni territoriali precedenti...Leggi
    25/11/2014 Il decreto “Sblocca Italia” è scellerato ed antidemocratico, favorirà le perforazioni petrolifere in zone a rischio sismico...Leggi
    25/11/2014 Il PD, il partito degli inceneritori, concentrerà in Emilia la combustione dei rifiuti di tutta Italia...Leggi
    25/11/2014 Prime reazioni contrarie degli enti locali alla legge regionale lombarda che riduce la protezione forestale...Leggi
    25/11/2014 Tutti contro il decreto “Sblocca-Italia”: le associazioni unanimi lo contestano, è anacronistico, filocementificatorio...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

QBEAK: dalla Danimarca un prototipo di auto elettrica con oltre 800 km di autonomia

News

QBEAK: dalla Danimarca un prototipo di auto elettrica con oltre 800 km di autonomia
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Giuseppe Cutrone
Un’auto elettrica in grado di percorrere più di 800 chilometri con una ricarica senza obbligare il conducente a frequenti soste? Se fino a oggi una cosa del genere poteva sembrare una vera e propria utopia, dalla Danimarca arriva un prototipo che potrebbe trasformare in realtà questa promessa. La novità si chiama QBEAK e si presenta sotto l’aspetto di una piccola spider decisamente adatta per la città.
A realizzare la QBEAK è stato il consorzio danese ECOmove, che ha ideato questa vettura compatta dotandola di una cella a combustibile che la rende in grado di convertire bio-etanolo e acqua in energia elettrica, la quale viene poi utilizzata per alimentare i motori elettrici e garantire così percorrenze da record per un’elettrica, al punto da arrivare a superare gli 800 chilometri di autonomia.
La QBEAK è un veicolo leggero, aspetto che aiuta non poco nel contenimento dei consumi d’energia. Inoltre, per via delle dimensioni estremamente contenute, la vettura è maneggevole, facile da parcheggiare e diventa quindi molto pratica per il traffico delle città. Le prestazioni, a detta dei tecnici che l’hanno messa a punto, sono soddisfacenti, tanto che la velocità massima raggiungibile è di 120 km/h e si conferma più che sufficiente a garantire qualche escursione fuori dai grossi centri urbani.
Soluzioni come quella danese potrebbero diventare sempre più frequenti nei prossimi anni, ponendo fine una volta per tutte al problema della scarsa autonomia dei mezzi elettrici avvicinandoli sempre più ai veicoli a propulsione tradizionale, senza contare i vantaggi, non certo indifferenti, per quanto riguarda l’impatto ambientale. Fonte: Forbes

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline