• 23/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    23/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    23/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    23/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    23/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    23/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    23/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    23/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    23/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    23/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    23/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    23/04/2014 Appello per salvaguardare le aree naturali protette italiane dalle insidie legislative in corso d’opera...Leggi
    23/04/2014 Pedemontana Lombarda, un’autostrada dentro casa: fermiamola!...Leggi
    23/04/2014 Taglio indiscriminato, potature selvagge e incuria: da tutta Italia giungono numerose segnalazioni di attacco al patrimonio arboreo. Scarsa attenzione, ignoranza o malafe...Leggi
    23/04/2014 Una malattia ancora misteriosa colpisce i tagliatori di canna da zucchero in centro america, mietendo decine di migliaia di vittime...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Raddoppiati nel primo semestre gli incendi boschivi in tutta Italia, rispetto al 2011, sia come numero che come estensione. Il CFS è in prima linea

News

Raddoppiati nel primo semestre gli incendi boschivi in tutta Italia, rispetto al 2011, sia come numero che come estensione. Il CFS è in prima linea
Fonte: C.F.S., Corpo Forestale dello Stato http://www.corpoforestale.it
INCENDI BOSCHIVI: I DATI DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO
Raddoppiati, rispetto al 2011, i roghi in tutta Italia. La Forestale, anche quest’estate, sarà in prima linea nella lotta agli incendi e nell’ attività di prevenzione sul territorio nazionale
Il 15 Giugno 2012 è partita, come ogni anno, la campagna di prevenzione antincendi boschivi che durerà fino ad Ottobre e vedrà impegnate tutte le strutture che concorrono nella lotta agli incendi boschivi: il Corpo forestale dello Stato, il Dipartimento della Protezione Civile e le Regioni. Negli ultimi giorni l’Italia è stata investita dal grande caldo africano ed è cresciuto anche l’allarme incendi. In particolare nei primi sei mesi dell’anno, dal primo gennaio al 31 maggio 2012, secondo quanto rilevato dal Corpo forestale dello Stato, si sono verificati già 2.247 incendi boschivi, rispetto ai 1.109 del 2011. I dati indicano che la superficie totale percorsa dal fuoco è di 10.354 ettari, contro i 4.075 ettari dello scorso anno. “Rispetto allo scorso anno, il Corpo forestale dello Stato, ha registrato un vero e proprio raddoppio degli incendi boschivi, ha sottolineato l’Ing. Mauro Capone, responsabile della Divisione Antincendio del C.F.S., un dato importante che necessita di particolare attenzione soprattutto in vista della stagione estiva. La parola d’ordine è prevenzione e in questo percorso il cittadino ha un ruolo molto importante, poiché un incendio viene spento quanto più rapidamente lo si raggiunge, continua Capone. Pertanto, tutti sono invitati a segnalare al numero di emergenza ambientale 1515 del C.F.S. e ai numeri messi a disposizioni dalle Regioni, l’avvistamento degli incendi”.
Le regioni interessate dal fenomeno, in questa prima metà dell’anno sono state soprattutto quelle del Nord, nel periodo post emergenza neve, ma da giugno-luglio in poi particolare attenzione sarà posta soprattutto nel Centro Sud, territorio molto spesso interessato dai roghi. Dietro alle fiamme c’è sempre la mano volontaria o involontaria dell’uomo. I casi più frequenti, oltre alla piromania sono ricollegabili a disagi sociali, litigi locali, ma spesso sono anche il segno di insofferenze e malesseri legati alla carenza di lavoro.
Il Corpo forestale dello Stato, oltre ad assicurare il proprio contributo in termini di lotta attiva, coordinamento degli interventi di spegnimento e concorso aereo a livello regionale sarà impegnato anche sul fronte delle indagini per l’individuazione e il perseguimento dei reati di incendio boschivo nelle sue fattispecie dolosa e colposa. Di tale attività si occupa il Nucleo Investigato Antincendio Boschivo (NIAB) istituito il 10 agosto del 2000, che opera su tutto il territorio nazionale con l’esclusione delle regioni a statuto speciale e delle provincie autonome. Il NIAB svolge la funzione di coordinamento ed indirizzo delle attività info-investigative e di analisi in tema di incendi boschivi e fornisce supporto operativo, investigativo e logistico agli Uffici territoriali del C.F.S., anche attraverso la ricerca dei reperti prelevati sui luoghi degli incendi e nell’analisi dei residui degli ordigni e degli inneschi. Nel periodo 2000 – 2011 complessivamente sono state segnalate dalla Forestale all’Autorità Giudiziaria, per incendio boschivo (art. 423-bis c.p.) 4.578 persone di cui 149 tratte in arresto in flagranza di reato o sottoposte a misure di custodia cautelare.
Il consiglio, del Corpo forestale dello Stato, a tutti i cittadini è quello di porre sempre molta attenzione a tutti i comportamenti e alle situazioni che possono provocare i roghi, dall’accensione di fuochi all’aperto fino alle macchine parcheggiate su aree con erba secca. Fonte: Ispettorato Generale

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline