• 29/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    29/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    29/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    29/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    29/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    29/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    29/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    29/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    29/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    29/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    29/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    29/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    29/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    29/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    29/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    29/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    29/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    29/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    29/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    29/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    29/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    29/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Raddoppiati nel primo semestre gli incendi boschivi in tutta Italia, rispetto al 2011, sia come numero che come estensione. Il CFS è in prima linea

News

Raddoppiati nel primo semestre gli incendi boschivi in tutta Italia, rispetto al 2011, sia come numero che come estensione. Il CFS è in prima linea
Fonte: C.F.S., Corpo Forestale dello Stato http://www.corpoforestale.it
INCENDI BOSCHIVI: I DATI DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO
Raddoppiati, rispetto al 2011, i roghi in tutta Italia. La Forestale, anche quest’estate, sarà in prima linea nella lotta agli incendi e nell’ attività di prevenzione sul territorio nazionale
Il 15 Giugno 2012 è partita, come ogni anno, la campagna di prevenzione antincendi boschivi che durerà fino ad Ottobre e vedrà impegnate tutte le strutture che concorrono nella lotta agli incendi boschivi: il Corpo forestale dello Stato, il Dipartimento della Protezione Civile e le Regioni. Negli ultimi giorni l’Italia è stata investita dal grande caldo africano ed è cresciuto anche l’allarme incendi. In particolare nei primi sei mesi dell’anno, dal primo gennaio al 31 maggio 2012, secondo quanto rilevato dal Corpo forestale dello Stato, si sono verificati già 2.247 incendi boschivi, rispetto ai 1.109 del 2011. I dati indicano che la superficie totale percorsa dal fuoco è di 10.354 ettari, contro i 4.075 ettari dello scorso anno. “Rispetto allo scorso anno, il Corpo forestale dello Stato, ha registrato un vero e proprio raddoppio degli incendi boschivi, ha sottolineato l’Ing. Mauro Capone, responsabile della Divisione Antincendio del C.F.S., un dato importante che necessita di particolare attenzione soprattutto in vista della stagione estiva. La parola d’ordine è prevenzione e in questo percorso il cittadino ha un ruolo molto importante, poiché un incendio viene spento quanto più rapidamente lo si raggiunge, continua Capone. Pertanto, tutti sono invitati a segnalare al numero di emergenza ambientale 1515 del C.F.S. e ai numeri messi a disposizioni dalle Regioni, l’avvistamento degli incendi”.
Le regioni interessate dal fenomeno, in questa prima metà dell’anno sono state soprattutto quelle del Nord, nel periodo post emergenza neve, ma da giugno-luglio in poi particolare attenzione sarà posta soprattutto nel Centro Sud, territorio molto spesso interessato dai roghi. Dietro alle fiamme c’è sempre la mano volontaria o involontaria dell’uomo. I casi più frequenti, oltre alla piromania sono ricollegabili a disagi sociali, litigi locali, ma spesso sono anche il segno di insofferenze e malesseri legati alla carenza di lavoro.
Il Corpo forestale dello Stato, oltre ad assicurare il proprio contributo in termini di lotta attiva, coordinamento degli interventi di spegnimento e concorso aereo a livello regionale sarà impegnato anche sul fronte delle indagini per l’individuazione e il perseguimento dei reati di incendio boschivo nelle sue fattispecie dolosa e colposa. Di tale attività si occupa il Nucleo Investigato Antincendio Boschivo (NIAB) istituito il 10 agosto del 2000, che opera su tutto il territorio nazionale con l’esclusione delle regioni a statuto speciale e delle provincie autonome. Il NIAB svolge la funzione di coordinamento ed indirizzo delle attività info-investigative e di analisi in tema di incendi boschivi e fornisce supporto operativo, investigativo e logistico agli Uffici territoriali del C.F.S., anche attraverso la ricerca dei reperti prelevati sui luoghi degli incendi e nell’analisi dei residui degli ordigni e degli inneschi. Nel periodo 2000 – 2011 complessivamente sono state segnalate dalla Forestale all’Autorità Giudiziaria, per incendio boschivo (art. 423-bis c.p.) 4.578 persone di cui 149 tratte in arresto in flagranza di reato o sottoposte a misure di custodia cautelare.
Il consiglio, del Corpo forestale dello Stato, a tutti i cittadini è quello di porre sempre molta attenzione a tutti i comportamenti e alle situazioni che possono provocare i roghi, dall’accensione di fuochi all’aperto fino alle macchine parcheggiate su aree con erba secca. Fonte: Ispettorato Generale

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline