• 23/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    23/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    23/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    23/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    23/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    23/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    23/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    23/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    23/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    23/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    23/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    23/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    23/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Shale gas. La EXXON ammette che con tale procedura di estrazione si perdono soldi e si influisce negativamente sul clima.

News

Shale gas. La EXXON ammette che con tale procedura di estrazione si perdono soldi e si influisce negativamente sul clima.
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Peppe Croce
Il boom dello shale gas in America sta creando più danni che benefici. Lo ha ammesso neanche tanto tra i denti, nel corso di un discorso pubblico, il CEO di EXXON Mobil Rex Tillerson. Da una parte Tillerson ammette che con il gas la sua compagnia non sta facendo soldi, dall’altra afferma pure che bruciare combustibili fossili ha un impatto sul clima.
L’allarme di Tillerson parte dal portafogli, è riferito ai prezzi bassissimi del gas naturale negli Stati Uniti, ed è chiarissimo:
Stiamo perdendo la camicia. Non stiamo facendo soldi. È tutto in rosso…
Che lo sviluppo praticamente incontrollato dello shale gas in USA stesse modificando in maniera irreversibile il mercato dell’energia era ormai chiaro: la produzione di energia elettrica da carbone è crollata, c’è tanto di quel gas che non si sa dove metterlo perché i depositi sono tutti saturi, persino Barack Obama si è dovuto muovere creando un’apposita interagenzia governativa per regolare le estrazioni del gas di scisto.
Come se non bastasse, lo shale gas ha un impatto assolutamente negativo sul clima. Lo aveva annunciato poco tempo fa la Banca Mondiale, ora lo conferma lo stesso Tillerson allargando il concetto anche agli altri combustibili fossili:
Chiaramente ci sarà un impatto. Ma abbiamo speso la nostra intera esistenza nell’adattarci e ci adatteremo. È un problema di tecnica e ci sarà una soluzione tecnica.
Infine Tillerson se la prende con i “giornalisti pigri” che alimenterebbero un eccessivo allarme nei confronti di petrolio, gas e shale gas senza realmente investigare sui fatti e con gli ambientalisti che “costruiscono la paura” senza comprendere le tecniche di perforazione, la matematica, la scienza e l’ingegneria.
Se non fosse che giornalisti e ambientalisti dicono da almeno trent’anni quello che Tillerson ammette solo oggi, verrebbe quasi da ascoltarlo senza scoppiare a ridere. Fonte: Business Insider | Wall Street Journal

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline