• 18/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    18/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    18/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    18/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    18/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    18/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    18/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    18/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    18/04/2014 L’appello del Forum nazionale Salviamo il paesaggio per le aree naturali protette italiane...Leggi
    18/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    18/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    18/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Shale gas. La EXXON ammette che con tale procedura di estrazione si perdono soldi e si influisce negativamente sul clima.

News

Shale gas. La EXXON ammette che con tale procedura di estrazione si perdono soldi e si influisce negativamente sul clima.
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Peppe Croce
Il boom dello shale gas in America sta creando più danni che benefici. Lo ha ammesso neanche tanto tra i denti, nel corso di un discorso pubblico, il CEO di EXXON Mobil Rex Tillerson. Da una parte Tillerson ammette che con il gas la sua compagnia non sta facendo soldi, dall’altra afferma pure che bruciare combustibili fossili ha un impatto sul clima.
L’allarme di Tillerson parte dal portafogli, è riferito ai prezzi bassissimi del gas naturale negli Stati Uniti, ed è chiarissimo:
Stiamo perdendo la camicia. Non stiamo facendo soldi. È tutto in rosso…
Che lo sviluppo praticamente incontrollato dello shale gas in USA stesse modificando in maniera irreversibile il mercato dell’energia era ormai chiaro: la produzione di energia elettrica da carbone è crollata, c’è tanto di quel gas che non si sa dove metterlo perché i depositi sono tutti saturi, persino Barack Obama si è dovuto muovere creando un’apposita interagenzia governativa per regolare le estrazioni del gas di scisto.
Come se non bastasse, lo shale gas ha un impatto assolutamente negativo sul clima. Lo aveva annunciato poco tempo fa la Banca Mondiale, ora lo conferma lo stesso Tillerson allargando il concetto anche agli altri combustibili fossili:
Chiaramente ci sarà un impatto. Ma abbiamo speso la nostra intera esistenza nell’adattarci e ci adatteremo. È un problema di tecnica e ci sarà una soluzione tecnica.
Infine Tillerson se la prende con i “giornalisti pigri” che alimenterebbero un eccessivo allarme nei confronti di petrolio, gas e shale gas senza realmente investigare sui fatti e con gli ambientalisti che “costruiscono la paura” senza comprendere le tecniche di perforazione, la matematica, la scienza e l’ingegneria.
Se non fosse che giornalisti e ambientalisti dicono da almeno trent’anni quello che Tillerson ammette solo oggi, verrebbe quasi da ascoltarlo senza scoppiare a ridere. Fonte: Business Insider | Wall Street Journal

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline