• 01/11/2014 A volte le specie alloctone invasive provocano l’accelerazione evolutiva delle specie autoctone per sopravvivere …...Leggi
    01/11/2014 Alla piena del Trebbia contribuisce anche l’invaso del Brugneto. Intaccata l’ex discarica di Ottone che ha sparso rifiuti ovunque...Leggi
    01/11/2014 Frane nel territorio del Parco dell’Antola hanno isolato diversi borghi appenninici...Leggi
    01/11/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    01/11/2014 I predatori sono importanti per mantenere in salute gli ecosistemi marini, la loro pesca eccessiva causa depauperamento...Leggi
    01/11/2014 Mose a Venezia, ennesima dimostrazione che le grandi opere in Italia sono ricettacolo di corruzione, malaffare e malcostume...Leggi
    01/11/2014 Rotte navali tra i ghiacci nordici. Dal Canada alla Cina lungo la via marittima di nord-ovest circa 8.000 chilometri in meno ......Leggi
    01/11/2014 Genova, non sono bombe d’acqua ma precipitazioni intense, i danni sono dovuti alle devastazioni territoriali precedenti...Leggi
    01/11/2014 Il decreto “Sblocca Italia” è scellerato ed antidemocratico, favorirà le perforazioni petrolifere in zone a rischio sismico...Leggi
    01/11/2014 Il PD, il partito degli inceneritori, concentrerà in Emilia la combustione dei rifiuti di tutta Italia...Leggi
    01/11/2014 Prime reazioni contrarie degli enti locali alla legge regionale lombarda che riduce la protezione forestale...Leggi
    01/11/2014 Tutti contro il decreto “Sblocca-Italia”: le associazioni unanimi lo contestano, è anacronistico, filocementificatorio...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Shale gas. La EXXON ammette che con tale procedura di estrazione si perdono soldi e si influisce negativamente sul clima.

News

Shale gas. La EXXON ammette che con tale procedura di estrazione si perdono soldi e si influisce negativamente sul clima.
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Peppe Croce
Il boom dello shale gas in America sta creando più danni che benefici. Lo ha ammesso neanche tanto tra i denti, nel corso di un discorso pubblico, il CEO di EXXON Mobil Rex Tillerson. Da una parte Tillerson ammette che con il gas la sua compagnia non sta facendo soldi, dall’altra afferma pure che bruciare combustibili fossili ha un impatto sul clima.
L’allarme di Tillerson parte dal portafogli, è riferito ai prezzi bassissimi del gas naturale negli Stati Uniti, ed è chiarissimo:
Stiamo perdendo la camicia. Non stiamo facendo soldi. È tutto in rosso…
Che lo sviluppo praticamente incontrollato dello shale gas in USA stesse modificando in maniera irreversibile il mercato dell’energia era ormai chiaro: la produzione di energia elettrica da carbone è crollata, c’è tanto di quel gas che non si sa dove metterlo perché i depositi sono tutti saturi, persino Barack Obama si è dovuto muovere creando un’apposita interagenzia governativa per regolare le estrazioni del gas di scisto.
Come se non bastasse, lo shale gas ha un impatto assolutamente negativo sul clima. Lo aveva annunciato poco tempo fa la Banca Mondiale, ora lo conferma lo stesso Tillerson allargando il concetto anche agli altri combustibili fossili:
Chiaramente ci sarà un impatto. Ma abbiamo speso la nostra intera esistenza nell’adattarci e ci adatteremo. È un problema di tecnica e ci sarà una soluzione tecnica.
Infine Tillerson se la prende con i “giornalisti pigri” che alimenterebbero un eccessivo allarme nei confronti di petrolio, gas e shale gas senza realmente investigare sui fatti e con gli ambientalisti che “costruiscono la paura” senza comprendere le tecniche di perforazione, la matematica, la scienza e l’ingegneria.
Se non fosse che giornalisti e ambientalisti dicono da almeno trent’anni quello che Tillerson ammette solo oggi, verrebbe quasi da ascoltarlo senza scoppiare a ridere. Fonte: Business Insider | Wall Street Journal

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline