• 31/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    31/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    31/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    31/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    31/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    31/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    31/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    31/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    31/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    31/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    31/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    31/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    31/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    31/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    31/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    31/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    31/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    31/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    31/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    31/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    31/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    31/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Si sono svolti in Uruguay i negoziati per un trattato internazionale sul mercurio, con interventi semplici e rapidi si potrebbe minimizzare l’inquinamento nelle miniere d’oro …

News

Si sono svolti in Uruguay i negoziati per un trattato internazionale sul mercurio, con interventi semplici e rapidi si potrebbe minimizzare l’inquinamento nelle miniere d’oro …
Fonte: Greenreport http://www.greenreport.it
Le piccole miniere d’oro artigianali saranno low-mercury e mercury-free?
Oltre 500 delegati, tra i quali 128 delegati di governi e rappresentanti di organizzazioni intergovernative ed Ong hanno partecipato a Punta del Este, in Uruguay, ai negoziati per un trattato internazionale sul mercurio. Si è trattato della quarta delle cinque sessioni dell’ Intergovernmental negotiating committee (Inc4) che sembrano essere arrivate ad un buon punto. Dopo l’Inca4 in Uruguay rimane la riunione conclusiva, l’Inc5, che si terrà in Giappone nel 2013.
Nei 6 giorni del meeting conclusosi ieri, si è discusso di prodotti che contengono mercurio (e dei processi e dei settori che lo utilizzano), del commercio del mercurio, delle sue emissioni e rilasci, dello stoccaggio e dei rifiuti e delle risorse finanziarie e assistenza tecnica per affrontare inquinamenti e malattie provocate dal mercurio .
Il ministro degli esteri dell’Uruguay, Luis Almagro, ha chiesto ai delegati di essere audaci: «Rimangono solo pochi mesi per concludere questa nuova convenzione e stabilire un regime solido e dinamico per proteggere l’ambiente e minimizzare i rischi per la salute umana derivanti dal mercurio. L’Uruguay è fortemente impegnato in favore del multilateralismo e della protezione dell’ambiente, in particolare nel settore dei prodotti chimici e dei rifiuti attraverso lo sviluppo progressivo del diritto internazionale dell’ambiente»
Il programma Onu per l’ambiente (Unep) ha approfittato dell’Inc4 per presentare la sua “Practical Guide on Reducing Mercury Use” nelle piccole miniere d’oro artigianali (Asgm), una pubblicazione prodotta in collaborazione con l’Artisanal gold council e gli alti partner dalla Global mercury partnership, destinata ai policy makers, alle società minerarie ed alle Ong, che fa il punto sulle tecniche disponibili per ridurre ed eliminare definitivamente il mercurio dalle miniere Asgm.
Secondo la guida «le soluzioni Low-mercury e mercury-free per la Asgm possono ridurre i rischi per la salute e l’ambiente,evitando l’impatto sulle comunità che dipendono molto da questo per il loro sostentamento. Misure concrete ed efficaci a basso costo che possono essere utilizzate dai cercatori d’oro artigianali per ridurre e addirittura eliminare la necessità del mercurio».
Per eliminare gli effetti dannosi della combustione all’aria aperta dell’amalgama o della trasformazione dell’amalgama, possono essere utilizzate “storte” e cappe per catturare l’evaporazione del mercurio per il suo riutilizzo. Questo riduce le emissioni di mercurio e anche l’utilizzo complessivo di mercurio.
In alcune cooperative in Colombia, i minatori utilizzano centrifughe e “shaking tables” per separare le particelle d’oro più pesanti dal minerale, eliminando così la necessità di utilizzare mercurio.
Una dei più grandi problemi è quello dello status “informale” che spesso vuol dire illegale, delle miniere d’oro in molti Paesi, una situazione che produce enormi problemi sanitari e ambientali, ma anche sfruttamento del lavoro minorile. La guida pratica quindi è utile anche per i governi perché spiega i fondamenti tecnici per sostenere ed incoraggiare la formalizzazione delle Asgm.
Secondo l’Unep «L’Asgm è una questione complessa dello sviluppo globale che presenta sfide e opportunità in molti Paesi. L’Asgm è il settore con la più grande domanda di mercurio a livello globale. L’Asgm é praticato in circa 70 Paesi, tra i quali numerosi Paesi dell’America Latina. Secondo le stime, le emissioni di mercurio nell’ambiente dalle Asgm in tutto il mondo erano circa 1.400 tonnellate/anno nel 2011».
Al di là dei problemi etici e sociali che questa attività presente, se non verranno adottati metodi migliori, praticamente tutto il mercurio utilizzato nelle Asgm continuerà ad essere rilasciato nell’ambiente, ponendo rischi a lungo termine sia per i minatori e le loro famiglie sia per le comunità vicine a queste miniere, in poartiocolare per quelle che vivono a valle o sottovento. Le donne e i bambini costituiscono una parte significativa di questi minatori informali/abusivi e sono anche le due categorie più a rischio a causa delle le proprietà neurotossiche del mercurio.
Ma il fenomeno sembra difficile da contrastare: il valore dell’oro è salito e continua a crescere e le piccole miniere artigianali stanno registrando un preoccupante boom in tutto il mondo. Secondo l’Artisanal gold council in questo settore lavorano tra i 12 ei 15 milioni di persone in oltre 70 Paesi, producendo fino al 20% dell’oro del mondo.
A differenza di molti produttori di oro primari, i minatori artigianali in genere ottengono una buona quota del prezzo di mercato finale. Per questo il direttore generale dell’Unep, Achim Steiner ha osservato che «E’ importante avvicinarsi ai tre pilastri dello sviluppo sostenibile in modo olistico. Ridurre ed eliminare l’uso del mercurio nell’estrazione dell’oro artigianale e su piccola scala è al punto di intersezione di questi tre pilastri. È’ un’importante attività economica, che può contribuire direttamente alla riduzione della povertà ed al benessere regionale. Lo strumento giuridico globale sul mercurio che stiamo sviluppando offre un’importante occasione per assicurarci che piccole attività, come queste, continuino in modo sicuro e sostenibile».
Kevin Telmer, direttore esecutivo dell’ Artisanal gold council ha spiegato che «quando si acquista oro da una piccola miniera d’oro, si paga il 70 – 80% del prezzo internazionale. Questo non è quasi mai vero per qualsiasi altro prodotto. Si trasferisce direttamente ricchezza in modo molto efficiente dal ricco al povero». Una visione un po’ troppo ottimista, che fa a pugni con situazioni terribili delle piccole miniere d’oro, come quelle descritte anche da greenreport.it in Burkina Faso e in altri Paesi africani, per non parlare dei gironi infernali di certe miniere d’oro abusive in America Latina. Comunque, se i negoziati raggiungeranno un accordo per ridurre e infine eliminare l’uso del mercurio nelle piccole miniere artigianali, sarà un beneficio per tutti i Paesi e ridurrà i rischi per la salute umana e l’ambiente.
Steiner è convinto che l’approvazione di una convenzione mondiale sul mercurio entro il 2013 «Può ridurre significativamente l’esposizione di un numero significativo di persone in tutto il mondo ad una sostanza altamente pericolosa, i cui effetti sulla salute umana sono ben noti, e in tal modo apportare un serio contributo allo sviluppo sostenibile e ad una transizione verso una green economy sulla scia di Rio+20».

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline