• 18/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    18/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    18/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    18/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    18/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    18/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    18/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    18/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    18/04/2014 L’appello del Forum nazionale Salviamo il paesaggio per le aree naturali protette italiane...Leggi
    18/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    18/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    18/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Spiagge minacciate da cemento, erosione e rifiuti: l’allarme del WWF, che intende riqualificare tratti di costa compromessi e degradati

News

Spiagge minacciate da cemento, erosione e rifiuti: l’allarme del WWF, che intende riqualificare tratti di costa compromessi e degradati
Fonte: Green Style http://www.greenstyle.it
di Silvana Santo
Stabilimenti balneari che proliferano come funghi, erosione costiera, abbandono di rifiuti sulle spiagge. Sono alcuni dei fattori che mettono a rischio le coste italiane e che il WWF ha censito nel dossier “Spiagge d’Italia: bene comune affare per pochi”, che contiene appunto un’analisi della condizione di salute dei litorali della Penisola.
Il quadro che emerge non è dei più rosei, soprattutto per quanto riguarda la crescita rapidissima di lidi e stabilimenti balneari, passati dai 5368 del 2001 ai 12.000 attuali. Oltre ad aumentare l’occupazione di suolo sulle spiagge, spiega il WWF, questo fenomeno ha determinato una crescita importante della produzione dei rifiuti, oltre a peggiorare il problema dell’erosione delle coste.
La causa, secondo l’associazione, sta soprattutto nelle differenze normative tra una regione e l’altra, che hanno stabilito regole diverse in tema di concessioni, sottraendo spiagge e porzioni di litorale sempre maggiori alla libera fruibilità da parte dei bagnanti.
Una situazione nel complesso piuttosto preoccupante, che il WWF cerca di migliorare attraverso la campagna “Un mare di oasi per te”. Grazie alle donazioni dei cittadini, l’associazione intende infatti riqualificare tratti di costa minacciati dal cemento e dall’erosione, a cominciare dalla spiaggia pugliese delle Cesine, contaminata da stratificazioni di rifiuti che ora saranno rimossi. Spiega Gaetano Benedetto, direttore delle Politiche ambientali del WWF:
Vogliamo che le Cesine diventino un simbolo di come solo una spiaggia ben tutelata possa dare ricchezza, in termini ambientali ma anche economici, rimanendo un bene comune e non un affare per pochi. Fonte: WWF

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline