• 22/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    22/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    22/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    22/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    22/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    22/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    22/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    22/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    22/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    22/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    22/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    22/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    22/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Taglio agli organici dei Parchi (già sottodimensionati) e al servizio antincendi, Federparchi si appella al Parlamento, le aree protette rischiano di non essere più “protette”

News

Taglio agli organici dei Parchi (già sottodimensionati) e al servizio antincendi, Federparchi si appella al Parlamento, le aree protette rischiano di non essere più “protette”
Fonte: Federparchi, Federazione Italiana Parchi e Riserve http://www.parks.it
Incendio nel Parco nazionale del Pollino, Canadair al lavoro. Ma il capo della Protezione civile avverte: “Il programma contro gli incendi rischia di non partire nel 2013″
Fiamme nel Parco nazionale del Pollino. Il fronte del fuoco è già arrivato ad una lunghezza di circa due chilometri, da Monte Canino a Conca del Re. Si tratterebbe di un incendio doloso: cinque gli inneschi individuati dai dipendenti dell’area protetta. L’incendio è iniziato a divampare intorno alle 13 di ieri e i Canadair sono entrati in azione nel tardo pomeriggio, riprendendo le operazioni nelle prime ore del mattino. A rischio distruzione c’è la splendida macchia di pini loricati, simbolo dell’area protetta.
La solidarietà del presidente di Federparchi – Europarc Italia Giampiero Sammuri e di tutta la federazione va in queste ore al presidente del Parco, Domenico Pappaterra, e ai suoi dipendenti, auspicando che il fenomeno non si ripeta con la stessa frequenza della stagione del 2007, la peggiore degli ultimi anni per quanto riguarda gli incendi dolosi nelle aree protette. Preoccupano a riguardo le parole del capo del Dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli, che nel corso di un’audizione davanti alle Commissioni Affari istituzionali e Ambiente del Senato ha avvertito che, nel 2013, la campagna antincendi boschivi potrebbe rischiare di non partire, vista la forte riduzione di spesa prevista per il servizio.
Effetto dei tagli imposti dalla spending review, un decreto legge che ha ripercussioni dirette anche sulla gestione del sistema delle aree protette nazionali. Con il taglio del 10% degli organici della pubblica amministrazione, i parchi nazionali sono destinati a veder decurtato il numero dei propri dipendenti. Se oggi sono 688, con il decreto legge varato dal governo Monti ne resteranno poco più di 600 per un patrimonio di 1.522.419 ettari. Insomma, dati alla mano, per i parchi nazionali sarà ancora più difficile rispettare i propri impegni istituzionali, difesa del territorio e della biodiversità in testa. Federparchi si appella al Parlamento affinché sia adottato un provvedimento che vada in deroga a questi ulteriori tagli che interessano gli organici dei parchi nazionali e il servizio antincendio della Protezione civile.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline