• 26/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    26/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    26/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    26/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    26/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    26/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    26/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    26/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    26/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    26/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    26/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    26/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    26/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    26/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    26/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    26/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    26/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    26/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    26/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    26/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    26/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    26/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Trivelle, se 12 miglia dalla costa non bastano: il governo dice no a Confindustria che vorrebbe la fascia di rispetto di soli 5 miglia

News

Trivelle, se 12 miglia dalla costa non bastano: il governo dice no a Confindustria che vorrebbe la fascia di rispetto di soli 5 miglia
Fonte: Agenzia di Stampa DIRE (Ambiente) , http://www.dire.it/DIRE-AMBIENTE-/dire_ambiente.php?m=11&l=it
Gli industriali vorrebbero portare il divieto per le trivellazioni in mare a sole 5 miglia dalla costa
ROMA – Il governo dovrebbe “correggere il decreto legislativo 2010″, il cosiddetto ‘correttivo ambientale’ che ha portato la fascia di rispetto che impedisce lo sfruttamento di idrocarburi in mare e relative trivellazioni attorno ad isole e coste da 5 a 12 miglia. Cosi’ facendo si libererebbero investimenti per oltre 3 miliardi per i prossimi 5-10 anni. Lo dice Aurelio Regina, vicepresidente di Confindustria con delega allo Sviluppo economico nel suo intervento all’assemblea dell’Unione petrolifera. Il governo, pero’, con il dl sviluppo ha sostanzialemtne confermato la fascia di rispetto di 12 miglia.
“Si deve correggere il decreto legislativo 2012 con la riduzione della fascia di rispetto di 12 miglia- spiega Regina- si avrebbe un vantaggio per gli investimenti, liberandone nei prossimi 5-10 anni un volume di oltre 3 miliardi”. “C’e’ da fare nel campo della esplorazione e produzione di gas naturale- spiega Aurelio Regina, vicepresidente di Confindustria con delega allo Sviluppo economico- le priorita’ sono indubbiamente quelle di razionalizzare i tempi di ottenimento delle autorizzazioni dei progeti, in modo da essere rimessi velocemente in linea con gli standard internazionali”.
Da questo punto di vista “mi permetto di sottolineare come il tema della sburocratizzazione sia essenziale non solo per quest’industria ma per l’intera industria italiana- sottolinea Regina- che oggi si vede oppressa da meccanismi che ne frenano gli investimenti e la certezza di questi investimenti, soprattutto per quel che riguarda quelli esteri”. Tornando al settore deglla esplorazione e produzione di idrocarburi “abbiamo bisogno di correggere il decreto legislativo 2010 con la riduzione della fascia di divieto delle 12 miglia- conclude Regina- cio’ rappresenterebbe un vantaggio per i progetti di ricerca e libererebbe investimenti stimati nei prossimi 5-10 anni di oltre 3 miliardi”.
MA IL GOVERNO NON DEROGA – “E’ confermata la fascia di rispetto di 12 miglia” entro la quale resta il divieto di operare lo sfruttamento in mare delle risorse di idrocarburi italiane. Lo chiarisce Claudio De Vincenti, sottosegretario allo Sviluppo economico con delega all’Energia. Per quanto riguarda la possibilita’ di poter operare nel limite precedente al correttivo ambientale deciso nel 2010 dopo il disastro del Golfo del Messico, De Vincenti spiega che non ci sara’ una apertura a tutele inferiori. Infatti, spiega “stiamo solo sanando una incertezza normativa relativa a concessioni di masse bloccate essendo state presentate prima del correttivo”. Cio’, pero’, non significa un ‘via libera’ perche’ “c’e’ la valutazione di impatto ambientale” sottolinea il sottosegretario, e “l’attenzione all’aspetto ambientale sara’ fondamentale”.
“Abbiamo confermato la fascia delle 12 miglia” marine entro le quali non si puo’ trivellare, precisa Claudio De Vincenti, sottosegretario allo Sviluppo economico con delega all’Energia. Nel testo, pero’, si fa riferimento alle autorizzazioni richieste prima del ‘correttivo ambientale’ del 2010, il decreto legislativo che porto’ l’area di rispetto nei mari italiani da 5 a 12 miglia sull’onda del disastro petrolifero Bp nel Golfo del Messico. Si e’ interpretata questa come una ‘apertura’ alle trivellazioni a 5 miglia dalle coste, uno spiraglio per rientrare sotto costa. “Nel dl Sviluppo non e’ che si apra uno spiraglio per rientrare, ma stiamo sanando una incertezza normativa per cui queste concessioni sono rimaste bloccate pur essendo precedenti al ‘correttivo ambientale’- spiega De Vincenti- si e’ creata una situazione che andava chiarita e l’abbiamo chiarita”.
Allora, se si verificassero le condizioni, si potrebbe autorizzare qualche perforazione entro le 12 miglia? “Sono concessioni chieste entro le 12 miglia prima del correttivo- spiega il sottosegretario- ma naturalmente c’e’ la valutazione di impatto ambientale e molte altre cose da mettere in mezzo”. Pero’, sottolinea De Vincenti, “come abbiamo spiegato gli aspetti ambientali e di sicurezza saranno fondamentali, tant’e’ che abbiamo costituito sia un fondo alimentato dalle royalties per la tutela ambientale sia un fondo per la massima messa in sicurezza degli impianti”. Questo, “e’ un punto chiave senza il quale non si spiega il resto del provvedimento”, conclude.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline