• 21/04/2014 Consigli per chi deve costruire o ristrutturare abitazioni in montagna per consumare meno risorse ed energie ...Leggi
    21/04/2014 Api, due terzi del polline europeo è contaminato da pesticidi...Leggi
    21/04/2014 Continuano le manifestazioni di opposizione alla progettata centralina idroelettrica sul fiume Trebbia a San Salvatore...Leggi
    21/04/2014 Da un gruppo di coltivatori lungimiranti di Pontbren, dove nasce il fiume più lungo del Regno Unito, il Sever, è nato un progetto di riduzione dei danni da alluvione...Leggi
    21/04/2014 Due lupi appenninici avvelenati, ordinanza del sindaco di Spigno Monferrato...Leggi
    21/04/2014 I danni causati da cave e cementifici, in un paese sempre più sfruttato e sempre più popolato, colpiscono l’aria, l’acqua, la terra, la biodiversità, la salute e l...Leggi
    21/04/2014 In Italia è strage di lupi, in un anno ne sono stati uccisi un’ottantina...Leggi
    21/04/2014 La Lipu invita i cittadini a segnalare la presenza di rondini e balestrucci, contribuirà al progetto Atlante italiano degli uccelli nidificanti in Italia...Leggi
    21/04/2014 L’appello del Forum nazionale Salviamo il paesaggio per le aree naturali protette italiane...Leggi
    21/04/2014 L’inverno trascorso è stato il secondo più caldo dal 1800, aumenteranno soprattutto in montagna i disastri ( frane, caduta di massi e colate detritiche) dovuti al cam...Leggi
    21/04/2014 Un progetto della LIPU per favorire il ritorno di rondini e balestrucci nei nostri cieli e ridurne il declino...Leggi
    21/04/2014 Una scoperta italiana, coltivare strisce di Vedovina maggiore a ridosso degli apiari può rappresentare un’ottima soluzione per fornire polline e nettare alle api...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Una campagna lanciata da Legambiente. I fiumi in secca sono conseguenza del mancato rispetto del rilascio del deflusso minimo da parte dei gestori degli impianti idroelettrici.

News

Una campagna lanciata da Legambiente. I fiumi in secca sono conseguenza del mancato rispetto del rilascio del deflusso minimo da parte dei gestori degli impianti idroelettrici.
Fonte: CIPRA/AlpMedia, Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi http://www.cipra.org/it
Una campagna lanciata da Legambiente per monitorare fiumi e torrenti alpini e segnalare lo stato di degrado dovuto a prelievi idrici eccessivi.
I fiumi in secca, soprattutto d’estate, sono la conseguenza del mancato rispetto del rilascio del deflusso minimo da parte dei gestori degli impianti idroelettrici.
La stagione estiva evidenzia lo stato di magra di fiumi e torrenti; alla carenza di precipitazioni del periodo si aggiungono prelievi a scopi irrigui o di produzione idroelettrica. Le conseguenze sono la distruzione di ecosistemi, il peggioramento della qualità delle risorse idriche, la compromissione di paesaggi fluviali e l’impossibilità di usi sociali, ricreativi e culturali dei corsi d’acqua. In molti casi non vengono rispettate le leggi che prescrivono il rilascio di un certo quantitativo d’acqua (DMV-Deflusso Minimo Vitale) a valle delle derivazioni irrigue o idroelettriche. Allo scopo di monitorare e denunciare quelle situazioni in cui fiumi o torrenti vengono privati di tutta o quasi l’acqua, Legambiente, con il sostegno di altre associazioni tra le quali la CIPRA Italia, ha lanciato la campagna “Fiumi senz’acqua 2012″ attraverso la quale, con il contributo di singoli cittadini e associazioni che segnaleranno casi di eccessivo sfruttamento o di mancato rilascio, portare a conoscenza delle autorità competenti e sollecitare maggiori controlli e provvedimenti di tutela dei corsi d’acqua. Per partecipare ala campagna, che riguarda tutte le regioni alpine italiane, è opportuno segnalare mediante apposita scheda situazioni in cui i corsi d’acqua sono in asciutta o con evidente carenza idrica.
Ulteriori informazioni e scheda di segnalazione sul sito: www.legambientepiemonte.it/fiumiinsecca.html

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline