• 20/10/2014 Dopo aver rischiato l’estinzione il camoscio appenninico è ritornato nei parchi nazionali grazie al ripopolamento...Leggi
    20/10/2014 Durante lavori di scavo sono stati rinvenuti fusti sospetti interrati nell’area della Sogin di Bosco Marengo …...Leggi
    20/10/2014 Lo stabilimento Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo produceva barre d’uranio per i reattori nucleari...Leggi
    20/10/2014 L’unico paese europeo dove si possa fare un esteso ecoturismo è la Svizzera...Leggi
    20/10/2014 Progettata da ENI e MIT la stazione di rifornimento ecologica e multifunzionale dove concentrare servizi all’utente...Leggi
    20/10/2014 Al Parco Regionale Capanne di Marcarolo sull’Appennino piemontese si studia il valore della biodiversità...Leggi
    20/10/2014 Dopo 8 anni la Commissione Europea ha preso la decisione di ritirare la proposta di direttiva UE sul suolo...Leggi
    20/10/2014 La perfida pericolosa abitudine di bruciare rifiuti è un fenomeno globale...Leggi
    20/10/2014 La ricetta per “sbloccare l’Italia” è una selvaggia deregulation a favore dei cementificatori...Leggi
    20/10/2014 L’allarme degli esperti: è l’uso dei disseccanti chimici ad uccidere gli ulivi...Leggi
    20/10/2014 Sono 1.476 i siti in Piemonte inseriti nell’anagrafe italiana delle aree contaminate e compromesse dal punto di vista ambientale....Leggi
    20/10/2014 Terna col suo elettrodotto vuole fagocitare 100mila mq del Parco Sud Milano, proteste di agricoltori ed ambientalisti...Leggi
    20/10/2014 Un ottimo ed esaustivo articolo spiega cosa sia l’obsolescenza programmata all’origine del consumismo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

Una campagna lanciata da Legambiente. I fiumi in secca sono conseguenza del mancato rispetto del rilascio del deflusso minimo da parte dei gestori degli impianti idroelettrici.

News

Una campagna lanciata da Legambiente. I fiumi in secca sono conseguenza del mancato rispetto del rilascio del deflusso minimo da parte dei gestori degli impianti idroelettrici.
Fonte: CIPRA/AlpMedia, Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi http://www.cipra.org/it
Una campagna lanciata da Legambiente per monitorare fiumi e torrenti alpini e segnalare lo stato di degrado dovuto a prelievi idrici eccessivi.
I fiumi in secca, soprattutto d’estate, sono la conseguenza del mancato rispetto del rilascio del deflusso minimo da parte dei gestori degli impianti idroelettrici.
La stagione estiva evidenzia lo stato di magra di fiumi e torrenti; alla carenza di precipitazioni del periodo si aggiungono prelievi a scopi irrigui o di produzione idroelettrica. Le conseguenze sono la distruzione di ecosistemi, il peggioramento della qualità delle risorse idriche, la compromissione di paesaggi fluviali e l’impossibilità di usi sociali, ricreativi e culturali dei corsi d’acqua. In molti casi non vengono rispettate le leggi che prescrivono il rilascio di un certo quantitativo d’acqua (DMV-Deflusso Minimo Vitale) a valle delle derivazioni irrigue o idroelettriche. Allo scopo di monitorare e denunciare quelle situazioni in cui fiumi o torrenti vengono privati di tutta o quasi l’acqua, Legambiente, con il sostegno di altre associazioni tra le quali la CIPRA Italia, ha lanciato la campagna “Fiumi senz’acqua 2012″ attraverso la quale, con il contributo di singoli cittadini e associazioni che segnaleranno casi di eccessivo sfruttamento o di mancato rilascio, portare a conoscenza delle autorità competenti e sollecitare maggiori controlli e provvedimenti di tutela dei corsi d’acqua. Per partecipare ala campagna, che riguarda tutte le regioni alpine italiane, è opportuno segnalare mediante apposita scheda situazioni in cui i corsi d’acqua sono in asciutta o con evidente carenza idrica.
Ulteriori informazioni e scheda di segnalazione sul sito: www.legambientepiemonte.it/fiumiinsecca.html

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline