• 24/07/2014 A volte la megalomania cementificatoria colpisce anche le piccole località e ne deturpano l’ANIMA …...Leggi
    24/07/2014 Eternit, il dramma di Casale Monferrato diventa un film...Leggi
    24/07/2014 Il Monte delle Tane nell’appenino delle 4 province in Alta Val Trebbia è stato deturpato da lavori discutibili...Leggi
    24/07/2014 Il Parco nazionale svizzero nel Canton Grigioni, compie 100 anni. Il primo parco nazionale delle Alpi ......Leggi
    24/07/2014 In Italia sono numerose le brutali pratiche nella gestione del verde pubblico, come evitarle...Leggi
    24/07/2014 La colomba migratrice è un caso eclatante di una specie numerosissima che in pochi decenni si è estinta ......Leggi
    24/07/2014 Non si cementificherà ai piedi del Monte Orfano (BS). Il Comitato locale ha vinto il ricorso al TAR...Leggi
    24/07/2014 Petizione per impedire il Commissariamento dell’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna .......Leggi
    24/07/2014 Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi, sono troppo inquinati...Leggi
    24/07/2014 Senza freni il declino delle riserve ittiche nel Mediterraneo...Leggi
    24/07/2014 Si diffonde l’uso di esche velenose per derattizzare aree urbane, ma il sistema è pericoloso per animali domestici e bambini...Leggi
    24/07/2014 L’isola di plastica individuata nell’Oceano Pacifico è solo l’1% di quella riversata in mare, dov’è finita? ...Leggi
    24/07/2014 175 sostanze chimiche con note caratteristiche di pericolosità vengono utilizzate nelle confezioni per gli alimenti...Leggi
    24/07/2014 Ambiente e salute non possono permettersi il carbone: il caso di Savona...Leggi
    24/07/2014 Continuano i dibatitti sulla discarica di Spinetta Marengo (AL) per le sue criticità ed ambiguità...Leggi
    24/07/2014 I cinghiali ormai sono i principali fruitori dei territori appenninici, il caso dell’Alta Val Trebbia...Leggi
    24/07/2014 In vista dell’EXPO Milano la Cerchia dei Navigli sarà a velocità ridotta, cioé ZONA30...Leggi
    24/07/2014 La missione di Legambiente Goletta Verde rivela le criticità dei laghi laziali dovute ad inquinamento ......Leggi
    24/07/2014 Per le scorie servono siti permanenti. In Italia abbiamo solo depositi temporanei pericolosi: Saluggia ......Leggi
    24/07/2014 Polo chimico di Spinetta Marengo, il Pubblico Ministero chiede la condanna degli otto imputati a .......Leggi
    24/07/2014 Si sospetta che anche per la rarefazione delle rondini la causa sia la stessa che per le api, i pesticidi neonicotinoidi...Leggi
    24/07/2014 Un canale transoceanico finanziato dai cinesi sarà costruito in Nicaragua sfruttando il bacino del lago omonimo...Leggi
    Created by wp news slider
  • News da Accademia del Monferrato
  • Provincia di Alessandria
    Fondazione CRT
  • Partnership

    • Partner USEMLAB di Torino

      Le vere cause della crisi economica internazionale e del degrado ambientale. Leggete l’esaustiva analisi storica e scientifica esposta da uno ...

    • Patria Montisferrati

      E’ nata da un paio di anni “Patria Montisferrati”, la rubrica storica di Casale News, uno dei siti di informazione ...

    • Partnership con Gevam

      Il Gruppo Gevam Onlus da oltre un anno ha variato denominazione. Il significato dell’acronimo G.E.VA.M. è divenuto “ Gruppo Ecoculturale ...

    • Partnership con la Società Storica Vercellese

      L’Accademia Ambientale del Monferrato (AAM – Gevam Onlus) in partnership con la Società Storica Vercellese (SSV) ha recentemente completato un ...

VINO E PAESAGGIO. UN VALORE IN PIÙ. Convegno che ha aperto il Festival del paesaggio agrario tenutosi a Vinchio d’Asti dal 19 al 21 giugno

News

Fonte: Quaderni della Regione Piemonte – Agricoltura http://www.regione.piemonte.it/agri/qrp/corrente/index.htm
“Paesaggio viticolo e produzione d’eccellenza”.
Questo il tema del convegno che ha aperto il Festival del paesaggio agrario tenutosi a Vinchio d’Asti dal 19 al 21 giugno. Nel portare i suoi saluti, l’assessore regionale all’agricoltura Mino Taricco ha sottolineato come il paesaggio evidenzi l’importante opera dell’uomo sul territorio, in un rapporto che spesso si è rivelato conflittuale.
La conservazione del paesaggio è stata vissuta, in molti casi, come un limite all’attività umana in una sorta di convivenza non armonica. Ora, ha detto Taricco, è ridiventato un elemento di sintonia collettiva che va a creare valore aggiunto nelle produzioni che il territorio esprime.
Questo concetto è stato ripreso da Sergio Miravalle, presidente dell’Ordine dei giornalisti del Piemonte, moderatore del convegno. Miravalle non ha mancato di rimarcare come accanto alla bellezza del nostro paesaggio viticolo, il cui territorio si candida a diventare patrimonio dell’umanità dell’Unesco, convivano elementi di sfregio, come certa edilizia residenziale, completamente avulsa dal contesto in cui viene calata e certi edifici industriali che non sono certo il miglior biglietto da visita per chi viene a visitare la nostra regione.
“Bisognerebbe inserire nella valutazione dei vini – ha detto Miravalle – non soltanto le caratteristiche organolettiche ma anche il rispetto delle norme etiche e di territorio.”
Miravalle ha poi posto, ai relatori, una domanda-provocazione che ha animato il dibattito.
Un grande vino può nascere in un brutto paesaggio?
La risposta è stata sì, tecnicamente sì, ma quanto ci interessa produrlo un simile vino?
Da questo interrogativo ha preso avvio l’intervento di Vincenzo Gerbi, docente di Scienze viticole e enologiche dell’Università di Torino, che ha ricordato come la scienza enologica che all’inizio ricopriva un ruolo “curativo”, cioè quello di rimediare ai difetti e di evitare alterazioni, si sia via via evoluta anche in relazione ad un mutato rapporto di acquisto da parte
del consumatore.
“Ci vuole un progetto – ha affermato Gerbi – Non si può più produrre considerando il vino soltanto come una derrata agricola.” Il vino è un prodotto di “scelta libera”. Se
ne potrebbe anche fare a meno, dice provocatoriamente Gerbi e lancia la sua proposta. Fare del vino un prodotto di design. Perchè sia tale deve avere alcune caratteristiche
ben precise: l’eleganza, la semplicità, l’evocazione territoriale e l’eticità. Il raggiungimento di questo obiettivo richiede un’eccezionale interdisciplinarietà.
Una squadra di filiera in cui lavorano in tanti e dove l’enologia non è più quella “curativa” ma è preventiva, quella del togliere e non quella dell’aggiungere. Gerbi, come esempio concreto, ha indicato l’obiettivo di ridurre della metà la presenza dei solfiti nel vino nel giro di tre anni.
Della necessità di gestire il rapporto vinopaesaggio in modo armonico evitando gerarchizzazioni ha parlato Rosario Di Lorenzo, dell’Università di Palermo. Giampaolo Pioli, rappresentante dell’Associazione Città del vino e sindaco di Suvereto in provincia di Livorno, ha ricordato che sono gli amministratori ad avere il compito di tradurre in pratica quanto
enunciato nei convegni. Se il paesaggio viene definito come l’elemento dove si radica l’identità di una comunità, è giusto, ha affermato Pioli, che il paesaggio sia oggetto di pianificazione urbanistica da parte dell’amministrazione locale e che vengano individuate linee di intervento e regole precise accompagnate dalla forza coattiva dello strumento urbanistico. Ma non per questo occorre assumere atteggiamenti impositivi, ha proseguito Pioli. Discussione e convincimento sono gli elementi vincenti. Pioli ha poi osservato come nei territori di recente sviluppo vitivinicolo la viticoltura moderna ha in sé la tendenza ad omologare il paesaggio e a distruggere la maglia fitta poderale per questioni di razionalizzazione
del territorio. Pioli si è espresso contro un concetto di paesaggio al pari di una cartolina congelata e vi ha opposto l’esigenza di creare infrastrutture efficienti, banda larga, trasporti,
in un rapporto armonico con il paesaggio.
Un’interessante riflessione di Bruno Giau, Università di Torino e presidente del Centro Studi per lo sviluppo rurale della collina, sul collegamento tra paesaggio e produzioni di eccellenza, ha chiuso il convegno. Giau ha ricordato come nei consumi di fascia alta le componenti non materiali siano decisive e quindi l’interrogativo è: come fare a legare il paesaggio alle produzioni? Il paesaggio contiene in sé una componente estetica, che è quella più opinabile, e una culturale, che è quella più interessante. Ci possono essere diverse letture del paesaggio e vi si può collegare stile di vita e cultura, la storia e il nostro modo di viverci dentro. Si può costruire un bellissimo paesaggio, ha proseguito Giau, difficilmente le tecniche produttive e agronomiche, ma non si possono costruire le radici storiche. Si tratta allora di comunicarlo, ipotizzando un soggetto di riferimento che è il consumatore ricco e lontano.
Ma chi lo deve fare e come? E’ questa la domanda centrale che si pone Giau e che indica nel soggetto pubblico l’attore principale per la promozione complessiva della cultura, degli stili di vita e di consumo nel nostro Paese.
In estrema sintesi si può dire che da questo convegno è emersa una definizione del paesaggio agrario non più come “effetto collaterale” dei processi produttivi, ma come “prodotto” in sé da costruire e progettare avendo ben chiaro dove si vuole arrivare in una stretta interazione tra la realtà produttiva e la geomorfologia naturale del territorio.
Insomma, tra vino e paesaggio si vuole favorire un matrimonio d’amore ma anche di interesse. E se sono rose … fioriranno.  Teodora Trevisan

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline